A- A+
PugliaItalia
Alta Velocità: Zizza e Stefàno sollecitano Governo e Regione

Vittorio Zizza del gruppo Conservatori e Riformisti lo annuncia in una nota diffusa: "Un’Italia a due velocità. Ancora una volta i proclami del Governo e del Presidente della Regione Puglia Emiliano risultano non corrispondenti alla realtà. Per questo ho presentato un'interrogazione parlamentare sulla situazione del trasporto pubblico nel mezzogiorno d'Italia, soffermandomi particolarmente sul problema alta velocità nelle città di Lecce e Brindisi” .

zizza 620x372
 

 

“Ad Ottobre scorso - spiega Zizza - dopo la mobilitazione di cittadini e aziende locali, l'accordo raggiunto con i vertici di Trenitalia prevedeva un investimento nelle città salentine, le quali avrebbero avuto il convoglio veloce prima dell'inizio della stagione estiva. L'accordo siglato per i trasporti pubblici pare, invece, andare in direzione contraria".

 

"Sarebbero nove i miliardi di investimento - aggiunge Zizza - destinati non solo all'alta velocità e a migliorare tecnologie e servizi, ma sarebbero destinati in grande prevalenza nelle regioni del centro-nord. Nel Mezzogiorno, infatti, gli interventi programmati sarebbero minimi, meno di un decimo di quelli previsti nel resto della penisola”.

 

Il nostro Gruppo di Conservatori e Riformisti - conclude il senatore - chiederà spiegazioni al Ministro Delrio. Non permetteremo che il Sud e la Puglia vengano abbandonati da un Governo che annuncia e non agisce. La stagione estiva è alle porte e non possiamo permettere che l'area del salentino, meta turistica mondiale, venga tagliata fuori con un trasporto su ferro inesistente e non appropriato. Come CoRchiediamo fatti e non parole al vento”.

Stefàno viti
 

Su un fronte parallelo  altra interrogazione urgente al Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, da parte del senatore Dario Stefàno: "Tratta Frecciarossa sino a Lecce: l'impegno del Governo è confermato? Possiamo ricevere aggiornamenti circa i tempi previsti per l'effettiva attivazione di questo servizio?".

"Ricordo che si tratta di una vera e propria battaglia di civiltà - sottolinea Stefàno nel testo dell'interrogazione - e che, dopo la petizione de Il Nuovo Quotidiano di Puglia che ha raccolto oltre 30.000 sottoscrizioni, ho scritto al Presidente del Consiglio Renzi e al sottosegretario Claudio De Vincenti per chiedere la convocazione di un tavolo tecnico con Trenitalia e la Regione Puglia, al fine di comprendere anche il capoluogo salentino nell'attivazione del servizio previsto in origine fino a Bari".

"Dal 14 ottobre 2015 però - denuncia allarmato il senatore Stefàno - data in cui è stato reso noto l'accordo siglato al Ministero sul prolungamento, a partire dall'estate prossima, della tratta Frecciarossa Milano-Bari fino a Lecce, non abbiamo avuto più alcun aggiornamento sull'attivazione. La domanda lecita che tutto il Salento si pone è dunque se i tempi annunciati per l'avvio del servizio saranno rispettati”.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

 

Tags:
velocitàaltaemilianogovernofrecciarossazizzastefàno
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Alla prima della Scala 3mila € per un biglietto e nemmeno un operaio
di Diego Fusaro
Il progetto "Milano Città Stato" insignito dell'Ambrogino d'Oro 2019
di Paolo Brambilla - Trendiest
“Il Libraio”. Il nuovo libro dell'avvocato-scrittore sanremese Alberto Pezzini
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.