A- A+
PugliaItalia
Appia, Traiana, Francigena “La cultura sotto i piedi”

Accorgersi di quanta storia, quanta cultura, quante speranze, quante delusioni, illusioni, entusiasmi e ambizioni, insomma quanto e quale patrimonio abbiamo letteralmente “sotto i piedi”. E provare a “rispolverarlo”, per valorizzarne potenziale attrattivo e trame stimolanti di nuovi percorsi esperienziali, per viaggiatori, turisti e ricercatori: moderni pellegrini, ancora capaci di un risveglio.

Appia1

Questo l’obiettivo del progetto “APPIA - Lavori in corso” dell’Associazione Cacciatori d’Ombra inteso a ripercorrere la Regina viarum, attraverso lo sguardo dei fotografi: che si accostano ad essa con sensibilità ed interpretazioni diverse, spinti da una curiosità unanime tra realtà e immaginazione. Arricchendosi del contributo di "pensatori" del nostro tempo, per completare e accompagnare lo sforzo di tornare a ‘guardare’ questa strada dimenticata.

Lo stimolo forse provocatorio a ‘riattraversare’ culturalmente i luoghi, per riconquistare una memoria tersa di retorica, ma ricca di colori, sensazioni, segni e testimonianze della civiltà e di un’umanità non solo meridiane. Per cui, il viaggio e il senso di appartenenza restano le cifre del progetto: dove per viaggio si intende esplorazione e, per appartenenza, il fatto di essere “indigeni”.

Rumiz Ieva

“L’ispirazione viene dal libro di Paolo Rumiz, “Appia” - ci dice Mauro Ieva presidente dei “Cacciatori d’Ombra” - in cui viene narrato il percorso fatto a piedi dal giornalista-scrittore e da altri suoi amici di una delle più antiche strade del mondo, certamente la più antica d’Italia, che ci restituisce un itinerario dimenticato, splendido e tragico allo stesso tempo”.

“Nel libro, lo scrittore esplicita un augurio che è anche un invito - precisa Ieva - che altri viaggiatori possano ripercorrere “questo bene scandalosamente abbandonato”, per riappropriarsene prima che esso venga definitivamente cancellato”.

Appia4

“Il progetto è l’accoglimento di questo invito”, ribadisce Mauro Ieva, “Una prima risposta di noi “indigeni” che quel bene abitiamo. La fotografia è il nostro linguaggio ed è con esso che abbiamo inteso ripercorrere l’antico itinerario nella sua parte meridionale, seguendo le mappe che sono state accuratamente preparate dai suoi primi viaggiatori contemporanei”.

“La visione di questa via - prosegue - propone una sua nuova immagine, per favorire consapevolezza diffusa, evitando la retorica di una Puglia e Basilicata turistica o, come spesso si dice, da cartolina. Una osservazione quasi analitica di quello che ogni fotografo ha incontrato sul percorso: non in senso documentario ma interpretativo, in cui ogni autore si è calato secondo la sua cultura e sensibilità”.

Appia9

“A guidarci è stato il privilegio di essere persone che su questa terra ci vivono - sottolinea ancora Muro Ieva - esso si traduce in un attraversamento lento e meditato proprio perché non di passaggio. E proprio così che il bello e il brutto, il politico e il religioso, archeologia, ferrovie, piantagioni, chiese, fabbriche, svincoli e persone si fondono in unico sguardo”.

Appia10

Un passaggio, quello evidenziato dai “Cacciato d’Ombra” tra i tanti possibili nella costruzione di una “nuova mappa” di questa antica strada, in cui si sono rivelate utili le esperienze precedenti di altri viaggiatori, ma anche di poeti e di scrittori. Tutti hanno aiutato a “rivedere”, con luce altra, ciò che già c’è, proprio sotto i piedi di tutti. In fondo, si tratta di un cammino e ogni cammino è quasi sempre un’esperienza collettiva: lunga il tempo di una distanza da colmare.

La pubblicazione ‘plurale’, attraverso un’intensa campagna di prenotazioni ‘crowdbooks’, conta una tiratura garantita e già venduta, che rende ulteriormente originale e gratificante l’evoluzione del progetto stesso, che prevede anche una mostra/istallazione itinerante: a partire proprio dalle tappe più significative dello storico cammino.

Fotografie di: 

Appia8

• Pasquale Amendolagine

• Nello Coppola

• Alessio Deluca

• Mauro Ieva

• Francesco Mezzina

• Patrizia Ricco

• Marco Sacco

• Simone Sanchioni 

Appia5

• Salvatore Simonetti

Con i contributi di:

Paolo Rumiz, scrittore e giornalista

Dino Borri, docente del Politecnico di bari

Giuliano Volpe, docente di Archeologia dell'Università di Foggia

Franco Arminio, poeta e scrittore

Vincenzo Mastropirro, docente, musicista e poeta

Appia2
 

E le collaborazioni di:

Parco Nazionale Alta Murgia • Comune di Ruvo di Puglia • Crowdbooks • Sinergie per il Territorio • Mediateca Regionale Pugliese • Palazzo Tupputi - Laboratorio Urbano Bisceglie • Apulia Film Commission • Galleria nazionale della Puglia • La Capagrossa Coworking • Cineclub Canudo

(gelormini@gmail.com)

Tags:
appia traiana francigena cultura piedi camminimauro ievapaolo rumizcacciatori ombra fotografia crowdbooks

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Giuseppe Prinetti espone a Milano, in via Santa Marta 8a, il 27 e 28 novembre
di Paolo Brambilla - Trendiest
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
Comandare un robot con la forza del pensiero
di Maurizio Garbati
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.