A- A+
PugliaItalia
Crisi di governo, Boccia e Stefàno: 'Dal cambiamento al tradimento'

Fine dell'esperienza di governo gialloverde, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, si dimette e sale al Colle per rimettere il mandato al Presidente della Repubblica e i pugliesi Francesco Boccia, deputato PD e responsabile economia e società digitale del Partito Democratico, e Dario Stefàno, vicepresidente del gruppo del Pd nell'Aula del Senato commentano la situazione di crisi.

Boccia Roma2

"Avevano promesso mari e monti a tutti ed è finita a stracci - sottolinea Boccia - le offese reciproche che sono volate in questi giorni tra Lega e M5S, sintetizzate ora dalle dimissioni del Presidente del Consiglio e dall’intervento di Salvini, sono il simbolo del tradimento fatto agli italiani dai due partiti che hanno dato vita al Governo Conte"

"Dpo un anno il Paese è piantato a zero ed è fanalino di coda in Europa - lamenta Francesco Boccia - gli investimenti privati e pubblici sono fermi e c’è un isolamento in Europa che è sotto gli occhi di tutti. Le grandi questioni sociali e ambientali sono state ignorate e in quasi un anno e mezzo oltre il reddito di cittadinanza pasticciato e quota 100 non c’è stata alcuna misura degna nemmeno di critica. Si chiude un governo che non sarà rimpianto da nessuno, fatto solo di propaganda elettorale permanente e litigi a danno degli italiani". 

Stefàno

Ancora più caustico il senatore salentino Dario Stefàno: "Al senatore Salvini, che ha invocato 'elezioni, elezioni subito' servirebbero invece 'lezioni, lezioni subito': sull'ordinamento costituzionale, sul bilanciamento dei poteri, sul diritto parlamentare, per evitare quegli strappi istituzionali messi nero su bianco dallo stesso Presidente Conte".

"Lezioni a cui dovrebbe sentirsi obbligato anche Centinaio - aggiunge Stefàno - che, invece di rassegnare le proprie dimissioni da ministro dell'Agricoltura, ha nominato il nuovo direttore di Agea a Ferragosto e senza il parere delle commissioni parlamentari. Un atto di bullismo istituzionale che traduce, in atti e fatti, il becero binomio 'potere-poltrone'".

"La politica è una cosa seria e le istituzioni - ha continuato Stefàno - non sono il bancomat di una campagna elettorale permanente. Mai come oggi, quindi: 'È finita la pacchia!'. La porta la conoscete. Accomodatevi pure: avete abusato anche troppo delle istituzioni".

(gelormini@affaritaliani.it)

Commenti
    Tags:
    cfisi governo cambiamento tradimentofrancesco bocciadario stefànopuglia maggioranza
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Bolivia, Putin si schiera con Morales.La Russia non sbaglia mai in geopolitica
    di Diego Fusaro
    Bookcity Milano/ Intervista a Maria Borio: “La poesia sta nella trasparenza”
    di Ernesto Vergani
    Biovalley Investments Partner (BIP). Aumento di capitale su CrowdFundMe
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.