A- A+
PugliaItalia
FdL, bando privatizzazione Concessione in gestione per 75mila mq

di Antonio V. Gelormini

A fatica, perché la vision sulla forma di privatizzazione da perseguire per Fiera del Levante è e resta fortemente "plurale", il Consiglio Generale trova una labile linea di equilibrio e affida al presidente Ugo Patroni Griffi e al consigliere Sabino Persichella il compito di portare al varo il Bando definitivo per circa 75mila mq - un terzo dell'intera estensione di FdL - da affidare alla gestione dei privati, con la formula della "concessione in gestione" per 30 anni.

L'augurio è che l'indirizzo da parte della Regione - le cui due dirette espressioni in CdA (Presidente Patroni Griffi e consigliere Persichella) hanno curato la preparazione del Bando, approvato dallo stesso Consiglio Generale - riesca ad assumere i caratteri di una strategia ‘proiettata’ e non solo di contenimento dei costi: in funzione di un pragmatismo di limitata portata produttiva. In altre parole, a trovare interesse e risorse private, per farne motore di opportunità e ricchezza diffusa, nonché di riaffermazione del brand FdL quale declinazione d'innovazione e di architettura commerciale di quello più grande: il brand Puglia.

Nei giorni scorsi era risultate alquanto stonate e niente affatto foriere di buona impressione, nonché di tenuta compatta, nei confronti di potenziali interlocutori esteri o intercontinentali che possano essere e che si cerca di attrarre, le dichiarazioni riportate dalla stampa e attribuite a membri del Consiglio Generale della Fiera del Levante, a proposito del partner Eataly.

Nel momento in cui proprio quel modello e gran parte delle linee contrattuali che ne resero possibile l’approdo sul Lungomare levantino, sembrano essere alla base delle scelte programmatiche di privatizzazione di gran parte delle aree espositive (Nuovo Padiglione compreso), con la formula già citata della “concessione in gestione per 30anni”.

eataly bari 2013
 

Con un piano che decide, razionalmente, di privilegiare l’aspetto attività con 40 punti su 100 per la valorizzazione, altri 40 per l’aspetto di garanzia occupazionale e 20 punti per l’offerta del canone annuale. Un piano che riprende gran parte delle opzioni, forse le uniche possibili, presentate un anno fa durante la presidenza Viesti. E una proposta di privatizzazione che mira a ridare vigore all’attività caratteristica dell’ente, difendendo le professionalità esistenti.

C'è un privato che ha investito e contribuito a riqualificare un pezzo importante - quello più rappresentativo - di Fiera del Levante. Un privato che ripete questo cliché d'intervento sin dalla sua prima apertura a Torino - insediandosi al Lingotto che viveva una situazione simile agli spazi di FdL - o successivamente a Roma, nel tragicomico e surreale scenario della Stazione Ostiense.

patroni griffi5 300x218
 

Un privato che attraverso il suo brand proietta i suoi partner in un contesto internazionale, per molti di loro alquanto e ancora inaccessibile, e che andrebbe coadiuvato nell'opera di promozione e attrazione dei flussi d'interesse, anziché quotidianamente attaccato o contrastato.

E questo non per difesa d'ufficio, ma per coerenza ad una scelta fatta a suo tempo, quando tutti hanno decantato e auspicato che la formula si potesse ripetere, prima di scoprire il sapore amarognolo delle simpatie ed empatie ideologiche di Oscar Farinetti. Ed anche perché, checché se ne voglia pensare, le analisi dei flussi indicano che il ritorno al treno positivo degli arrivi su Bari, è per buona parte tirato dalla presenza di Eataly in Fiera.

Nel frattempo, si apre un altro fronte critico dopo la ripubblicazione delle dichiarazioni nel Consiglio Regionale pugliese, dello scorso 20 dicembre, sul peso in bilancio del costo del personale: “Avere settanta dipendenti, a un costo medio di 50 mila euro a testa - un livello molto più alto di quello della Regione Puglia - fa parte di gestioni e di scelte che sono precedenti a quelle del centrosinistra”, ha denunciato il consigliere Michele Monno (Pd), che poi aggiungeva: “settanta persone incidono già per 3,5 milioni", incitando a concordare con il Governo Letta un piano di mobilità simile a quanto lo stesso sta facendo per le partecipate” (in correlata l’intero intervento del consigliere Monno).

Preannunciata da Fisascat Cisl di Bari una giornata sciopero per giovedì 13 febbraio (unitariamente a Uiltucs Uil e Filcams Cgil), durante la prossima manifestazione in Fiera: “Smau Business”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
fiera del levanteprivatizzazionepatroni griffigestioneeataly
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Il Tribunale annulla il pignoramento ma la banca non sblocca il conto.
di sotto: Avv. M. Sances e Avv. H. Pisanello
Intervista a Maria Grazia Calandrone. “Siamo un impasto di bene e di male”
di Ernesto Vergani
Ricatti online a sfondo sessuale, gli hacker guadagnano 15mila euro al mese
di Nicola Bernardi
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.