A- A+
PugliaItalia
FdL, Renzi resta sul generico Campionaria subito affollata

di Antonio V. Gelormini

C'era attesa per l'intervento di Matteo Renzi all'inaugurazione della 78° Campionaria della Fiera del Levante a Bari. La netta sensazione, avvalorata dal riscontro di applausi poco entusiasti e piuttosto di rito, è stata quella di un discorso prudente e alquanto generico. Efficace nell'eloquio, ma poco o affatto incisivo sul fronte degli impegni concreti in funzione delle numerose problematiche sul tappeto pugliese.

Più che al Mezzogiorno, eterno "punto di partenza" dell'azione di Governo, l'attenzione è sembrata più concentrata alla Russia, "che non è importante solo per il nostro fabbisogno energetico", al Medio Oriente e ai genocidi in Iraq e Siria, e all'Europa incapace ancora di un ruolo internazionale adeguato. Tanto che alla fine l'annosa e tanto vituperata 'questione meridionale' ha lasciato il posto a una più stimolante 'questione europea' ben più impellente, data anche la presidenza italiana in corso.

"Quello del Presidente Renzi è stato un intervento volto a imprimere un'iniezione di fiducia rispetto alle sfide che attendono il Paese", ha detto a caldo Guglielmo Minervini presente in sala insieme a tutta la Giunta regionale.

Fdl ape1
 

"Fa bene a farlo, perché l'Italia ha bisogno di credere di più nelle proprie capacità", ha poi aggiunto. "Tuttavia colpisce  che abbia parlato poco del Mezzogiorno e della Puglia e in modo affrettato di Tap. La nostra non è una regione del no, ma un Sud con la schiena dritta che non si fa più passare le decisioni sulla propria testa. Non siamo una terra col cappello in mano in attesa che dentro ci mettano qualsiasi  cosa".

"Il nostro territorio abbiamo imparato a renderlo una risorsa. Accogliamo tutto - ha concluso Minervini - purchè non distrugga lo svilupppo che stiamo costruendo. Abbiamo troppe ferite del passato. La Puglia è una terra che ha imparato a decidere e che vuole continuarlo a farlo soprattutto su questioni come queste".

Più critico Luigi d'Ambrosio Lettieri, capogruppo FI 12^ Commissioe Senato e coordinatore FI Bari: "Perché l'Italia possa tornare ad essere concretamente - e non solo nelle belle intenzioni - portatrice sana (per usare le stesse parole di Renzi) di bellezza e civiltà, ci vuole ben altro che il vuoto pneumatico del discorso pronunciato alla cerimonia inaugurale della Fiera del Levante dal presidente del Consiglio".

FdL ape6
 

"Invece che spogliarsi della propaganda - prosegue Lettieri - il capo del governo è venuto a Bari a sgranare l'ennesimo rosario della lezioncina sull'orgoglio nazionale, di cui non si è visto traccia sinora né sul piano della politica interna, tantomeno su quella estera. Dove l'autorevolezza del governo italiano è stata purtroppo latitante nella vicenda legata alla sorte dei nostri Marò, come nel contrasto ad una politica di austerità, che sta affossando le nostre imprese, le nostre famiglie, i nostri lavoratori".

"Le risposte alla domanda di interventi urgenti per il lavoro, lo sviluppo, la sicurezza non stanno, purtroppo, dentro il discorso di Renzi. Ma si leggono tutte negli indicatori economici che dall'occupazione al Pil disegnano un pollice verso".

"Pollice verso anche sul Mezzogiorno in relazione al quale il premier ha preferito glissare, invece che assumersi responsabilità indicando interventi strategici da realizzare, come fece Fitto da ministro per la coesione territoriale nel piano per il Sud".

introna calre
 

Sembra aver rinfosderato la spada il presidente del Consiglio Regionale, Onofrio Introna, che alla vigilia aveva sventolato - con garbo istituzionale - la lettera scritta insieme ai sindaci e al Comitato "No Trivelle nell'Adriatico" da consegnare al Presidente del Consiglio: "Nell’intervento del presidente Renzi, ho colto l’orgoglio forte di rappresentare in Europa una grande realtà come l’Italia".

"Mi ha colpito la sua consapevolezza – che condivido, ha aggiunto Introna  - di un’Italia ricca di straordinarie potenzialità culturali e di eccezionali energie umane. La ‘bellezza’ di questo Paese è una risorsa e lo sono anche i ‘cervelli’. Ha detto bene: la scuola non è solo una priorità, ‘è la priorità’, perché i giovani sono il futuro. Una generazione colta, di ragazze e ragazzi attivi, intelligenti, preparati, potrà interpretare al meglio, se giustamente motivata,  la sfida per far tornare l’Italia a crescere, a vincere la sfida del futuro, a rappresentare un modello, un punto di riferimento per un’Europa  di nuovo al centro della politica internazionale”.

Almeno dal primo commento sembrerebbe scomparso ogni riferimento alla stessa lettera, alla sua consegna, nonchè al tema che lo vede protagonista istituzionale e territoriale nella difesa del bene comune "mare".

(gelormini@affaritaliani.it)

Articolo in fase di completamento

I discorsi della cerimonia d'apertura della 78° Campionaria della Fiera del Levante:

FdL. Il discorso di Ugo Patroni Griffi

FdL, il discorso di Nichi Vendola

FdL. Il discorso di Antonio Decaro

Tags:
renzifdlcampionariaaffollatadiscorso

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Tim, Altavilla vince ma non convince.Spiraglio per il ripensamento di Gubitosi
di Angelo Maria Perrino
Grecia, umiliazione eurocratica. Il culmine dell'oltraggio alla nostra civiltà
di Di Diego Fusaro
Alimentarsi bene per stare in forma
di Barbara Cappelli
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.