A- A+
PugliaItalia
Foggia Gestione rifiuti, Landella accusa: "I conti non tornano"

Ancora una volta il centrosinistra al Comune di Foggia ha cercato di superare l'ostacolo del Consiglio comunale in modo illegittimo sulla questione rifiuti. L'opposizione di centrodestra denuncia la totale assenza di dirigenti, revisori dei conti e degli assessori in aula, con il sindaco Mongelli che in assoluta solitudine ha tentato di far passare un accapo con ancora molti lati oscuri, visto che manca la documentazione relativa alla cessione di beni pubblici per l'aumento di capitale di Amiu Bari.

Il consigliere Bruno Longo ha posto una pregiudiziale in quanto la relazione del collegio dei Revisori dei conti è stata consegnata con grave ritardo ai Consiglieri comunali che non hanno avuto il tempo necessario per fare le giuste valutazioni. A tale richiesta la maggioranza di centrosinistra è rimasta sorda e di conseguenza il centrodestra ha quindi abbandonato l'aula per vizi di legittimità della seduta consiliare, con il Consiglio che si è sciolto per mancanza di numero legale. Non è in questo modo che si tutelano i lavoratori, in considerazione del fatto che alcune delibere potrebbero essere illegittime e dunque decadere.

"Le famiglie e le imprese cittadine non possono subire l'aumento spropositato della Tares da parte dell'Amiu di Bari", così il candidato sindaco di Foggia per il centrodestra, Franco Landella, parla della questione rifiuti.

«L'azienda barese, in un più di un anno di permanenza nella nostra città non solo non garantisce lo stesso servizio di igiene urbana della fallita Amica, che, a differenza di Amiu, si occupava anche della manutenzione del Verde pubblico, della gestione della discarica e del macello comunale, ma lo fa con un costo di oltre 6 milioni di euro in più".

"Denaro – sostiene Landella – che viene prelevato dalle tasche delle famiglie e delle imprese foggiane, a cui è stata aumentata la tassa sui rifiuti. A ciò c'è da aggiungere che l'Amiu ha tagliato del 30% gli stipendi ai lavoratori delle fallite Amica e Daunia Ambiente. Ma se l'azienda barese ha chiesto all'Inps degli sgravi contributivi, che bisogno c'era di abbassare i salari a 340 padri di famiglia?"

"Vendola ed Emiliano, con la complicità di Mongelli e del centrosinistra, evidentemente considerato una sorta di bancomat i commercianti e gli artigiani foggiani, che hanno dovuto subire un aumento medio della Tares del 130%, anche a causa del mancato avvio della raccolta differenziata, che dovrebbe raggiungere il 65% secondo le normative vigenti, ma che in città non va oltre il 3%. E come mai le isole ecologiche non sono mai state utilizzate? Se al più presto il Comune di Foggia non si adegua agli standard regionali previsti, si potrebbero verificare nuove penalità economiche per le casse dell'ente.

A differenza di ciò che accade a Foggia, nelle altre città italiane – conclude Franco Landella – i rifiuti sono una risorsa che permette non solo sgravi fiscali, ma anche nuove opportunità di lavoro. Nel capoluogo dauno, che da anni vive situazioni di emergenza, manca una seria programmazione che possa risolvere definitivamente il problema rifiuti, ammesso che sia questo l’intento di Vendola, Emiliano e del centrosinistra».

Tags:
landellafoggiarifiutigestioneamiu
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Salvini Renzi confronto TV, macché boxe. Un noioso minuetto con Vespa regista
di Maurizio de Caro
Da oggi "death: reconversion" Mostra fotografica di Greta Valentina Galimberti
di Paolo Brambilla - Trendiest
Si può essere licenziati per una lunga malattia?
di Avv. Cristiano Cominotto
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.