A- A+
PugliaItalia
FS, linea Adriatica Molise più disponibile

“Credo che il Molise abbia ridimensionato oggi le proprie rivendicazioni, sempre legittime perché i territori quando devono essere attraversati da opere fortemente impattanti pongono problemi di compensazione e di modifiche dei tracciati progettuali. Tuttavia l’esortazione che ho rivolto al Presidente Di Laura Frattura e ai molisani è questa: finchè la dorsale adriatica sarà spaccata e avremo quel binario unico tra Termoli e Lesina, quei 30  chilometri di rallentamento, noi faremo fatica anche a poter immaginare che il Sud possa correre lungo la ferrovia verso il Nord e che la nostra economia possa recuperare un’arteria fondamentale come la dorsale adriatica. Penso che con tanta pazienza e buon volontà e avendo cura di darci forza reciprocamente, possiamo migliorare e poi chiudere i progetti. Abbiamo bisogno di fare i cantieri e cominciare le opere”.

Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola nel corso dell’incontro con il Presidente del Molise Paolo Di Laura Frattura organizzato dal quotidiano la Gazzetta del Mezzogiorno sul tema del raddoppio Termoli Lesina. Presenti al faccia a faccia il direttore della Gazzetta Giuseppe De Tomaso, il giornalista Franco Giuliano e i due assessori competenti, per il Molise PierPaolo Nagni e per la Puglia Giovanni Giannini.

Di LauraFrattura Vendola1
 

“La Regione Molise, nel corso dell’incontro, ha dunque ridimensionato le proprie richieste  - ha sottolineato Giannini - nei confronti di RFI in relazione alla modifica del tracciato definito con il progetto preliminare approvato nel corso dell’adunanza del consiglio superiore dei lavori pubblici svoltasi il 20 febbraio ultimo. Infatti pur insistendo nello spostamento del binario in parallelo all’autostrada, anche all’altezza di Campomarino, la Regione Molise ha rinunciato alla delocalizzazione della stazione di Termoli”.

“Con la realizzazione dell’opera – ha concluso Giannini - da un lato si realizzerebbe la ricucitura del mezzogiorno d’Italia e dei porti di Bari, Brindisi e Taranto alle piastre intermodali di Verona e Bologna e quindi all’Europa del nord e dall’altro si realizzerebbe il  collegamento con il corridoio europeo 8 fino al mar Nero. Il quadro si completa con la connessione del corridoio 8 al Corridoio 1 attraverso la tratta dell’alta capacità Bari Napoli. Queste due opere consentono il collegamento alle linee dell’alta velocità sul versante adriatico e sul versante tirrenico. La posta in gioco come si vede è altissima e vale bene qualche sacrificio e/o rinuncia”.

La riunione si è conclusa con il rinvio ad un tavolo tecnico con RFI per ricercare una soluzione condivisa.

 

Termoli Lesina
 

La ricostruzione della vicenda

La vicenda comincia nel 1982 quando le Ferrovie dello Stato avviarono le procedure per ottenere l’assenso dagli enti amministrativamente coinvolti per la realizzazione del raddoppio della tratta Termoli Lesina.  Nel 2001 con l’approvazione della delibera Cipe (121) il raddoppio della Termoli Lesina venne inserito fra le infrastrutture strategiche di interesse nazionale e quindi assoggettato alle norme della legge obiettivo.

Tre soluzioni individuate, delle quali ne venne selezionata una, quella che prevedeva la locazione del secondo binario in accostamento al primo. Questa soluzione però ottenne nel 2004 il parere negativo della commissione speciale di Valutazione impatto ambientale. Ciò ha determinato l’individuazione di una soluzione diversa che all’altezza di Ripalta devia il tracciato in parallelo alla sede dell’autostrada liberando tutto il litorale fino a Campomarino, per ricongiungersi poi al percorso storico.

Nel 2011 questa ultima soluzione è stata condivisa dalle amministrazioni. Pertanto si convenne di ritirare il progetto del 2003 e di presentare un nuovo progetto contenente la soluzione condivisa, con l’ulteriore richiesta di suddividere gli interventi in tre lotti funzionali, di cui risulta finanziato per 106 milioni di euro solo il tratto Lesina Ripalta nell’ambito del Contratto Istituzionale di Sviluppo siglato il 2 agosto 2012.

Sul progetto preliminare, così predisposto e inviato al consiglio superiore dei lavori pubblici, sono intervenuti pareri favorevoli del Mibac. La variante introdotta dal nuovo progetto, approvato con prescrizioni dal consiglio superiore dei lavori pubblici, ha determinato un incremento del costo dell’opera, passata dagli iniziali 150 milioni (disponibili sin dal 2003) agli attuali 549 milioni.

frecciarossa
 

La posizione contraria al progetto ed al tracciato è stata espressa dalla Regione Molise nella conferenza di servizi del 15 maggio 2013. Questa posizione, ove dovesse permanere, determinerebbe un ulteriore e notevole incremento del costo (superiore ai 150 milioni di euro) ed un allungamento dei tempi di realizzazione dell’opera già notevolmente lontani. Nel rispetto delle prerogative dei territori in tema di tutela dell’ambiente e del paesaggio e di prevenzione dei rischi idrogelogici, aspetti questi considerati dal consiglio superiore dei lavori pubblici che ha formulato specifiche prescrizioni, va considerata la strategicità dell’opera che, qualora ultimata, determinerebbe la velocizzazione della linea con conseguente incremento della capacità commerciale passando da 84 treni al giorno a 240 treni al giorno.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
ferroviamoliseadriaticalineatermolilesinavelocità

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Dopo gli ANGELI di Victoria’s Secret, arrivano le DIVE di Twins.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Macron: crisi politica Italia-Europa. Repubblica dà voce all'élite finanziaria
di Diego Fusaro
Cosa sappiamo dell’attacco dell’Isis in Iran
di Ovidio Diamanti
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.