A- A+
PugliaItalia
Giustizia 'migrante' verso Modugno Istituzione forense resta contraria

 "Ho manifestato il mio impedimento a essere presente domani al Ministero; tra l'altro non credo di essere tra i firmatari e, quindi, non comprendo i motivi della mia convocazione soltanto per sottoscrivere  la convenzione di trasferimento a Modugno degli uffici penali, soluzione che abbiamo sempre avversato perché inadeguata, insufficiente e che, da emergenziale, temiamo possa trasformarsi in definitiva".

Corteo 27 05 stefanì
 

Lo ha dichiarato il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bari Giovanni Stefanì, intervenuto all’assemblea nazionale convocata a Bari dall’Unione delle Camere Penali e dall’Organismo Congressuale Forense nell’ambito dell’astensione di tre giorni indetta per protestare contro le condizioni di emergenza che sta vivendo la giustizia penale barese.

"Poiché non voglio essere di imbarazzo per nessuno preferisco non esserci", ha precisato Stefanì, "Ci sarò quando il Ministro mi convocherà per interloquire sugli esiti della ricerca di mercato e valutare le soluzioni vere alla questione".

corteo tende

"Una protesta non è mai sbagliata - ha aggiunto Stefanì - bisogna saper ascoltare; peraltro non può essere sbagliata una manifestazione pacifica che coinvolge tutti: dai magistrati alle istituzioni e associazioni forensi, a tutta la popolazione dei protagonisti della giurisdizione. Dall’incontro di oggi è emerso che l’avvocatura, la magistratura e la collettività barese non hanno ancora avuto risposte adeguate al problema che affligge la Giustizia a Bari. Ci troviamo di fronte a un arresto della giustizia penale del nostro territorio, un territorio ricco di criminalità organizzata che, dopo le tende, vede anche la sospensione di tutti i processi".

tende tribunale aula

"Io faccio parte dell’avvocatura, sono un avvocato e rappresento una istituzione, ma l’istituzione forense per fortuna è indipendente, autonoma come dovrebbe esserlo, e per certi versi lo è ancora, la magistratura. Io rivendico, in questa situazione, l’autonomia delle istituzioni forensi ribadendo che lo Stato siamo tutti noi e ciascuno di noi ha l’obbligo, il dovere, di dare un contributo affinché la giurisdizione continui ad essere celebrata nel nostro Paese. Altrimenti, a rischio non sono solo gli avvocati, ma la stessa democrazia del nostro Paese".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
giustizia migrante modugno bari tribunale pebale trasferimento istituzione forense contraria avvocati magistratigiovanni stefanìprocura

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Germania, impazza l'ultradestra: AFD supera i socialisti e Angela Merkel trema
di Marco Zonetti
Milano. 2° Salone Internazionale della Canapa dal 28 al 30 settembre.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Oli essenziali, ecco perché non puoi farne a meno
di Simone Michelucci
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.