'Ombre della Sera' il docu-film sulla sfida del reinserimento - Affaritaliani.it
A- A+
PugliaItalia
'Ombre della Sera' il docu-film sulla sfida del reinserimento

Duro, sconvolgente e al contempo intriso di caparbietà: gli stessi elementi alla base della vera sfida per chi ha attraversato l’inferno della detenzione e si appresta al cosiddetto “re-inserimento” sociale, familiare e psicologico.

ombre3
 

“Ombre della Sera” è il docu-film di Valentina Esposito (opera prima), prodotto da Simonfilm e Lupin Film, che racconta il mondo degli affetti di detenuti in misura alternativa ed ex detenuti che 'tornano a casa', tra rimpianti e una vita da ricostruire, proiettato anche a Bari al Cinema Esedra, preceduto da un incontro-dibattito con uno dei produttori, Riccardo Neri.

Prim’ancora che un film, “Ombre della Sera” è un progetto che intende non solo ‘raccontare’ il dolore non sempre silenzioso, ma il più delle volte invisibile, di chi vive dietro le sbarre e deve fare i conti con la vita 'fuori', ma anche puntare l’occhio di bue sulle possibilità concrete, per gli ex detenuti - col progetto diventati anche attori - di costruirsi una seconda opportunità professionale.

Ombre esposito
 

Realizzato con il Patrocinio del Ministero della Giustizia, del Consiglio Regionale del Lazio, riconosciuto di interesse culturale dal Mibact Direzione Cinema e sostenuto dal Fondo Cinema e Audiovisivo della Regione Lazio, “Ombre della Sera” sta effettuando una sorta di ‘pellegrinaggio promozionale, più che penitenziale’, nelle sale con una distribuzione indipendente, nelle carceri, nelle università e nel mondo associazionistico delle città italiane.

Interpretato da detenuti in misura alternativa e da ex detenuti attori del Carcere di Rebibbia (oggi attori della compagnia Fort Apache), trae ispirazione dalla biografia dei protagonisti e delle loro famiglie, per svelare allo spettatore l’aspetto più intimo e delicato del percorso di reinserimento. Intrecci di storie non per evadere, ma per affrontare la nuova realtà spesso simile a un labirinto, talvolta capace di far rimpiangere le celle e i corridoi di cui ci è liberati. Vinti che provano a diventare vincenti, nel tentativo di espiare le proprie colpe e ridare senso, ricostruendole, alle proprie vite.

Ombre2
 

“Ombre della Sera - sottolinea la regista Valentina Esposito - è un film sul ritorno: il ritorno a casa e agli affetti dopo anni di lontananza e separazione. Mi sono mossa con discrezione tra la verità e la ricostruzione cinematografica per raccontare la condizione emotiva di chi è condannato per sempre a vivere tra la vita dentro e quella fuori dal carcere, tra le ombre del passato e il bisogno disperato di ritrovarsi nel presente”.

E’ dai tempi di Cesare Beccaria e del suo ‘Dei delitti e delle pene’ che il modello italiano è riconosciuto e apprezzato dai sistemi giudiziari di quasi ogni angolo del mondo: mentre è di pochi giorni fa l’ennesimo riconoscimento e attestato di stima portato a Milano dalla Rete Internazionale di Eccellenza Giuridica, dal suo presidente brasiliano Leo Da Silva Alvès, e dall’Istituto Diplomazia Europea Sudamericana.  

Ombre4
 

Ed è scolpito nell’Art. 27 della Costituzione Italiana il compito della pena detentiva, con la funzione ben precisa di inestimabile valore sociale: "Sostenere e accompagnare i cittadini reclusi in un percorso di rieducazione e riabilitazione, che dovrebbe metterli in grado, una volta scontata la condanna, di reinserirsi socialmente e professionalmente nella collettività civile".

Un percorso ancora tutto da compiersi. Perché il carcere, purtroppo, è ancora largamente considerato luogo di espiazione fine a se stesso. Uno dei pregi di “Ombre della sera” è lo sforzo di provare ad accende i riflettori sulle vicende legate alla detenzione: prima, durante e dopo la pena.  Nonostante la detenzione resti un timbro ancora indelebile sul curriculum.

Tra l’altro, nel complicato e non facile percorso del reinserimento, il rischio della ricaduta ha indici elevatissimi, dato che paradossalmente tornare a delinquere spesso resta l’unica cosa che gli ex detenuti siano capaci di fare, nel tentativo di “riconquistare” il rifugio che tra le sbarre è sovente percepito ormai come una seconda casa.

ombre1
 

“Questo docu-film - è emerso anche dal dibattito che ha proceduto la proiezione barese - non vuole stimolare false compassioni, ma desidera evidenziare quanto ancora poco si faccia per coloro che mostrano reali intenzioni di cambiamento: ci sono anche persone che vivono il carcere come un passaggio obbligato, che li porterà alla riabilitazione. Molto spesso questa - però - non arriva, perché durante il “soggiorno” gli ospiti non vengono preparati al futuro”.

L’auspicio finale è quello di recuperare, in maniera diffusa, il concetto “largo” dell’accoglienza, da declinare ben oltre i soli e drammatici flussi migratori, per presidiare la nuova frontiera della sfida- confronto fra civiltà e inciviltà. Una sorta di adattamento a soggetto tra la parabola del “Figliol prodigo” e quella della “Pietra di scarto, che diventa testata d’angolo”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
ombre sera docu-film sfida reinserimento carceri detenutivalentina espositoriccardo neriregia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Baratto amministrativo: pagare le tasse con proprio lavoro. Ecco come funziona
di Alberto De Franceschi
Centauro, il robot che interviene nelle situazioni di emergenza
di Maurizio Garbati
Crollo di Genova: incredibile, sconcertante assenza dei quotidiani in edicola
di Angelo Maria Perrino
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.