A- A+
PugliaItalia
Ilva, Di Maio riceve Emiliano al MISE. Soddisfatto il Governatore

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha incontrato il vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, nella sede del Ministero a Roma, sulla vertenza dell’Ilva di Taranto. 

Emiliano Mise Ilva
 

Nella delegazione c’erano la dirigente del dipartimento Ambiente Barbara Valenzano e l’avv. Rocco De Franchi in virtù della sua specifica competenza e conoscenza in materia. 

“Voglio dire ai cittadini di Taranto - ha riferito Emiliano al termine dell’incontro -  che la connessione e la comunicazione tra la Regione Puglia è il ministero dello Sviluppo Economico è stata ricostruita e ripristinata. Questa è una cosa di un'importanza enorme, fate conto che in precedenza questo rapporto non era mai esistito".

Emiliano ha spiegato che il ministro "Ha ascoltato le nostre  posizioni, gli ho consegnato la nostra ultima proposta che gli consentirà di  decidere, nell'eventualità in cui scelga di proseguire l'attività industriale della fabbrica,  conoscendo il nostro punto di vista".

di maio Ilva

Per Emiliano “Se il governo deciderà di riconvertire immediatamente la fabbrica, senza consentirne la prosecuzione dell'attività noi ovviamente ci limiteremo a chiedere assicurazione sui livelli occupazionali, non potendo entrare nella vicenda della valutazione dell'effettiva strategicità dell'impianto".

”Questo - ha proseguito - ovviamente significa piena collaborazione con il ministro, che ha ascoltato con enorme interesse per tutta la mezz'ora del colloquio, devo dire è stato estremamente cordiale e quindi se devo trasmettere  un'impressione personale: la città di Taranto e i cittadini sanno adesso di poter contare su un ministro dello Sviluppo economico che non ha interesse a risolvere la crisi aziendale punto e basta, ma vuole definitivamente dare un assetto alla questione Ilva per i prossimi anni”.

ilva taranto fumi
 

Cons Ilva
 

“Se si deciderà, con l'aiuto del sindacato, di far proseguire l'attività industriale della fabbrica  l'unica strada possibile sarà la cosiddetta decarbonizzazione, ovviamente nei tempi industrialmente accettabili".

“Se si deciderà di chiudere – ha aggiunto - secondo il mio giudizio, occorrerà una quantità di denaro enorme, che ovviamente prevede non solo tutte le bonifiche ma anche la creazione di alternative industriali".

”Ora sto meglio – ha concluso Emiliano - perché le  mortificazioni che ho avuto in passato sono state terribili. Non potersi sedere a un tavolo di trattativa per difendere la salute dei propri concittadini è una cosa che non mi sarei mai immaginato potesse accadere in particolare con un governo del mio partito”.

Giovanni Toti ape

Dal ministro Di Maio anche il presidente della Liguria, Giovanni Toti, che condivide la posizione non rinuciataria alla produzione di acciaio: “Abbiamo già dato tutta la nostra disponibilità al precedente ministro dello Sviluppo economico e la ribadiamo all'attuale ministro: la Regione Liguria c'è per trattare, negoziare e trovare tutte le soluzioni possibili. Siamo pronti a parlare con il ministro Di Maio non appena vorrà convocare gli enti locali”.

Cons Ilva2

"Pensare a strade diverse - ha proseguito Toti - con l'abbandono totale dell'acciaio nel nostro Paese, la dismissione di quelle aree dedicate, la liquidazione di quella società che vale un punto di Pil nazionale e oltre 20.000 posti di lavoro tra diretti e indiretti, è molto rischioso e auspico che questo ministro non voglia intraprendere questa strada".

“L'acciaio prodotto da Ilva viene considerato competitivo - ha sottolineato Toti - e a Genova esiste un accordo di programma che lega l'utilizzo di aree molto pregiate ai livelli occupazionali dell'azienda: siamo pronti con la Società per Cornigliano, realtà pubblica che nasce appunto da quell'accordo di programma, ad aiutare il periodo di transizione per l'ingresso dei nuovi azioni di Ilva”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
ilva svolta mise sviluppo economicomichele emilianoluigi di maiotaranto

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Pace fiscale, un atto civile e di welfare nazionale. Ecco perché
di Alberto De Franceschi
Migranti assunti per combattere il caporalato. E i giovani italiani?
di Diego Fusaro
Intervista sulla Cina. Come convivere con la nuova superpotenza globale.
di Paolo Brambilla - Trendiest
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.