A- A+
PugliaItalia
Ilva e TAP, Emiliano rivendica la lungimiranza a difesa dei Pugliesi
Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha da togliersi più di un sassolino dalle scarpe, a proposito delle questioni ex Ilva e Tap, all’indomani dei provvedimenti della Magistratura che prorogano la facoltà d’uso di AFO2 a Taranto e che rinviano a giudizio i vertici Tap a Lecce. Per questo convoca una conferenza stampa, per sottolineare la lungimiranza, la coerenza e la pervicacia a difesa dei pugliesi e della Puglia, "checché ne pensino Matteo Renzi e Carlo Calenda",  dai quali ricorda di aver ricevuto 'più di un pesce in faccia' sui due temi di scottante contesa.

IMG 2286

“Noi difendiamo i pugliesi costi quello che costi - ha detto Emiliano - sull’ex Ilva non ci accontentiamo di una sentenza del Riesame, che sta consentendo la prosecuzione dell'attività della fabbrica con un altoforno vecchio e che rischia comunque di continuare a inquinare e a mettere a rischio la vita degli operai. Noi chiediamo al Governo di superare questa sentenza del Riesame e di iniziare immediatamente la decarbonizzazione della fabbrica".

"Decarbonizzare la fabbrica - ha precisato - significa chiudere le fonti inquinanti: e quindi per questa posizione voglio ringraziare il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e anche il segretario del mio partito Nicola Zingaretti, che hanno cambiato radicalmente la posizione sulla questione Ilva, andando nella direzione della decarbonizzazione indicata dalla Regione Puglia. Io rivendico che questa posizione è stata tenuta solo dalla Regione Puglia per anni e che solo da qualche settimana a questa parte è diventata la posizione comune a Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle: due soggetti politici che ci hanno sempre attaccato violentemente, per ragioni diverse, quando la Puglia parlava della decarbonizzazione quattro anni e mezzo fa”.

“Tap - ha proseguito Emiliano - è stato l'altro argomento sul quale non ci siamo trovati d'accordo in passato né con il Partito Democratico né con il Movimento 5 Stelle. Io sostenevo di non avere nulla contro i gasdotti. Il gas lo utilizziamo tutti i giorni nelle case per cucinare, per riscaldare l'acqua e per riscaldare i nostri appartamenti. Quindi la Puglia non ha nulla contro il gas: avevamo una posizione molto più banale e apparentemente semplice che era quella di non far arrivare il gasdotto in una zona particolarmente bella dal punto di vista ambientale come Melendugno. Avevamo chiesto che arrivasse più a nord, tanto più che quel gas comunque doveva andare più a nord, nella provincia di Brindisi, a Mesagne, per attaccarsi alla dorsale Snam".

 DSF8845

"Avevamo detto - ha aggiunto il Governatore - che quello di Melendugno era il posto sbagliato per l’approdo. Il decreto di citazione della Procura di Lecce sostiene, sia pure con una veste giuridica sicuramente più strutturata, la stessa identica tesi".

"Sia su Ilva che su Tap - ha quindi ribadito Rmiliano - ci hanno fatto passare per gli degli anti-industrialisti o, peggio ancora, ci avevano detto che noi avevamo tenuto queste posizioni solo per fare dispetto a Renzi e a Calenda, che dicono che io sono una persona antropologicamente inaccettabile, perché ho tenuto queste posizioni sull'Ilva e su Tap.  Adesso queste posizioni sono diventate una, sull’Ilva, la posizione ufficiale del Governo in carica, che Renzi tra l'altro sostiene (questa è la cosa incredibile: Renzi oggi sostiene la decarbonizzazione), l’altra su Tap è diventata oggetto dei capi di imputazione della Procura di Lecce”.

 DSF8840

Emiliano ha così concluso: “Questa è la Regione Puglia, questi siamo noi: se qualcuno pensa di buttare a mare la difesa dei pugliesi che la Regione Puglia rappresenta intrinsecamente, si è sbagliato. Noi ci batteremo come ci siamo battuti su queste due vertenze fino alla fine, costi quello che costi”.

Rispondendo alle domande dei giornalisti ha infine aggiunto: “Se Tap dovesse essere condannata risarcirà il gravissimo danno che ha fatto la Puglia. E non è ancora finita: è pendente la questione sulla applicabilità della direttiva Seveso, la direttiva che si assicura della sicurezza degli impianti industriali”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Credit video: Trmh24

-------------------- 

Pubblicato sul tema: Ilva, per il Riesame l’Afo2 non chiude Tap: processo al gasdotto a maggio

Loading...
Commenti
    Tags:
    ilva tap lungimiranzamichele emilianodifesa puglia pugliesi decarbonizzazione processi
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Giornata della memoria. Il messaggio dell’Istituto Diplomatico Internazionale
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Craxi, nessuna pietas per l'innominabile. Bettino continua a fare paura
    di Maurizio de Caro
    Food & Beverage. A Milano un convegno su economia circolare e prodotti monouso
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.