A- A+
PugliaItalia
"L'ultimo lupo" al Bif&st Jean-Jacques Annaud day

Tutta la sua carriera rappresenta il tentativo di realizzare grande cinema spettacolare di intrattenimento all’europea, alternativo al cinema industriale hollywoodiano. Jean-Jacques Annaud nei suoi film ha spaziato nei più diversi luoghi ed epoche, dall’Africa coloniale durante la prima guerra mondiale (Bianco e nero a colori) alla preistoria (La guerra del fuoco), dall’Italia medievale (Il nome della rosa) al Canada del XIX secolo (L’orso), dall’Indocina dei primi decenni del XX secolo (L’amante e Due fratelli) al Tibet durante la seconda guerra mondiale (Sette anni in Tibet), dalla battaglia di Stalingrado (Il nemico alle porte) alla Grecia pre-omerica (Sa Majesté Minor).

IMG 7631
 

“Utilizzando il sistema 3D il regista si trasforma in uno scultore, mostrando un viso che si avvicina all'occhio dello spettatore, come se fossimo noi stessi all'interno di un acquario, ma dobbiamo utilizzarlo non commercialmente, per colpire lo spettatore, ma a servizio della storia narrata. È un sistema di riprese molto efficace per le scene di intimità o per dare emozione ad un oggetto particolare. Molti registi oggi non amano il 3D, ma l'ho scelto, per esempio in ''L'ultimo lupo” per creare maggiore intimità con gli animali, per meglio coinvolgere lo spettatore in un sentimento di condivisione delle emozioni del lupo”.

 

Così il regista francese Jean-Jacques Annaud, che in serata riceve il Platinum Award dalla Fipresci, sollecitato da Michel Ciment, ha sottolineato il suo inalterato amore per la tecnologia e nuovi linguaggi visivi, umani e culturali, che sono alla base de “L'ultimo lupo”, presentato in anteprima al Teatro Petruzzelli di Bari, nel corso della sesta edizione del Bif&st.

 

Annaud lupo3
 

 

Un inno all'equilibrio della Natura ed alla salvaguardia del suo "Ciclo della vita". Un vero e proprio canto di poesia al paesaggio come "bene comune". Un atto d'amore verso la Cina che riflette la sua carica di luce e di affetto verso l'intera tutela del pianeta. "Sposi del creato e non amanti", ammonisce Mons. Giancarlo Maria Bregantini - Arcivescovo Metropolita di Campobasso-Boiano (un territorio con molta familiarità ai lupi) e Jean-Jacques Annaud sembra aver fatta sua l'esortazione, che riscontra il consenso convinto del pubblico a fine proiezione.

 

Annaud lupo1
 

Una disponibilità di fronte a tutto ciò che può migliorare le nostre conoscenze tecnologiche e gli strumenti dei rapporti sociali, dalle emozioni al linguaggio, che continua a permeare e guidare la sua vita perché - ha precisato Annaud - “ogni adulto mantiene in sé un po' dell'infanzia ed è bello emozionarsi ancora, pur se avanti negli anni, per un regalo. Per questo il cinema continua a interessarmi, anche se tutti, più o meno, facciamo sempre gli stessi film: il cinema è un gioco meraviglioso”. Originalità creativa nelle tematiche e nel linguaggio cinematografico da sempre alla base delle sue produzioni, fin dall'opera prima, “Bianco e nero a colori” (1976) che gli valse l'Oscar per la miglior pellicola straniera.

 

Annaud non si è mai cullato nel successo, né ha mai cercato di sfruttarlo con i produttori: “anzi, quelli francesi – confessa - sembrano avere una particolare avversione per lui”. E proprio i numerosi di problemi di produzione hanno spinto l'indefesso Annaud a cercare all'estero l'ambientazione e la realizzazione di molti suoi film, vedi Africa, Cina, Russia. Ma un particolare amore lo riserba anche per l'Italia, dove è stato folgorato dal neorealismo (“Altro che nouvelle vague” francese) e da uno dei tre registi che maggiormente hanno ispirato la sua vita.

Annaud lupo2
 

 

Ettore Scola, “i cui film – sottolinea Annaud – hanno influenzato molti francesi per il loro humor, l'eleganza delle storie e la profonda riflessione sociale che suscitano. Ho sempre desiderato di potergli rendere omaggio con i miei film”. Le altre due “Muse”, Alan Parker (per i suoi spot pubblicitari, che gli hanno fatto capire “che si può parlare anche con le sole immagini, utilizzando il linguaggio del corpo”) e Costa-Gravas (“i suoi film hanno sempre dato un senso particolare ai nostri tempi”).

 

Annaud ha sempre mostrato una particolare predilezione per le emozioni degli animali “per ritrovare – spiega – il comportamento dell'uomo: dobbiamo capire qual è l'animale che è in noi e come addomesticarlo”. “Lavorare con l'istinto degli animali – prosegue – mi aiuta a lavorare con gli attori, ai quali dobbiamo lasciare la possibilità di tirare fuori i propri istinti e metterli al servizio della storia narrata”. Un modo di lavorare che però si è talvolta scontrato con alcuni attori, come con Sean Connery in “Il nome della rosa” (1986): “Altro che recitazione istintiva: voleva sapere dove mettere il bicchiere, se a destra o a sinistra, dov'era il tavolo e di che altezza, e se qualcosa veniva cambiato nel copione si arrabbiava non poco”.

 

(gelormini@affaritaliani.it)

 

 


 
Tags:
annaudlupobif&stscolaparkercosta-gavras

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Le malattie mitocondriali al Mito Day per una maggiore sensibilizzazione
di Mariella Colonna
La sinistra si è venduta al capitale. E con Zingaretti non cambia nulla
di Diego Fusaro
Germania, impazza l'ultradestra: AFD supera i socialisti e Angela Merkel trema
di Marco Zonetti
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.