A- A+
PugliaItalia
La giustizia in tenda a Bari: segnale inquietante che alimenta sfiducia

Il presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Bari Giovanni Stefanì, insieme al presidente della Camera Penale Gaetano Sassanelli, ha incontrato il prefetto di Bari Marilisa Magno, sull'emergenza dell'edilizia giudiziaria. Tribunale penale e Procura a Bari sotto le tende continuano a trasmettere un segnale inquietante - a proposito dei soggetti a presidio del territorio -  che si vorrebbe venisse sentito e percepito in maniera più consapevole dalla comunità cittadina.

Corteo 27 05 stefanì
 

“Al prefetto - conferma il presidente Stefanì - abbiamo ribadito il nostro fermo no a Modugno e la necessità di una decretazione d'urgenza, per superare problemi relativi a destinazioni urbanistiche non appropriate di immobili confacenti alle esigenze della Giustizia penale in città. Il prefetto ha assunto l'impegno di prospettare le nostre istanze al ministro, speriamo bene. Noi avvocati non vogliamo passare per coloro che non hanno fiducia nelle istituzioni, anche se sono ben 20 anni che aspettiamo una soluzione di questo problema, e già questo basterebbe per non averne più”.

tende sky
 

Il presidente del COA di Bari, tornando sulle motivazioni che lo hanno indotto ad abbandonare i lavori della Conferenza permanente straordinaria in Corte d’Appello, ha ribadito che “Abbiamo visto nella conferenza permanente di ieri un atteggiamento precipitoso e contraddittorio del Ministero, volto ad accelerare i tempi di un trasloco negli inadeguati immobili di Modugno e di via Brigata Bari".

bonafede palagiustizia
 

"Precipitoso - ha precisato Stefnì - perché, mentre ancora doveva concludersi la ricerca di mercato, il ministero ha mandato una lettera con la quale si è detto pronto a stipulare il contratto di locazione per l’immobile di via Brigata Regina. Contradditorio perché in contrasto con le promesse fatte dal ministro durante la sua visita, quando ci ha garantito di voler individuare la migliore soluzione prestando ascolto agli operatori della Giustizia del territorio. Il ministro ha detto chiaramente che sull’edilizia giudiziaria barese intende metterci la faccia; dunque auspichiamo che si occupi personalmente e in modo partecipato della vicenda”. 

tende tribunale aula
 

“Nutro massimo rispetto nei confronti dei magistrati che compongono la Conferenza, organismo - aveva detto in precedenza il presidente Stefanì - però senza potere e senza risorse indotto a dare seguito agli orientamenti, quanto mai improvvidi, che evidentemente stanno provenendo dal Ministero della Giustizia. Ho manifestato al tavolo il mio forte disagio nel partecipare, peraltro in qualità di semplice invitato qual è l’Ordine degli Avvocati di Bari, a una riunione meramente tecnica su soluzioni estemporanee e inadeguate, buone solo per nascondere la polvere (o le tende?) sotto il tappeto".

corteo tende
 

"Ho, dunque, preferito partecipare all’assemblea indetta dai colleghi penalisti - aveva aggiunto - insieme ai quali continuiamo la battaglia contro l’ulteriore frazionamento degli uffici giudiziari in otto sedi, sostenendo, al contrario, la necessità di una decretazione d’urgenza per individuare e requisire quanto prima un immobile in città adeguato alle necessità degli operatori della Giustizia e dei cittadini. D’altronde, siamo in una situazione simile a una calamità naturale, con la sicurezza nazionale messa a repentaglio dalla paralisi della giustizia penale in un territorio sensibile come quello barese”.

All’astensione proclamata a Bari dall'Unione delle Camere Penali, per i giorni 25, 26 e 27 giugno, aderiranno gli avvocati baresi e di tutta Italia. 

Antonio Rosa 456x294

“È una vergogna nazionale - ha confermato il presidente dell’Organismo Congressuale Forense Antonio Rosa in visita a Bari - un problema che si è cristallizzato a Bari, ma che è solo la punta dell’iceberg di una concreta disaffezione dello Stato verso i servizi della giustizia. Bisogna dare una risposta unitaria da parte di tutti gli avvocati e, per questo, il nostro organismo proporrà in assemblea di aderire all’astensione programmata dalle Camere penali. Al governo chiediamo di ascoltare con attenzione le istanze provenienti da avvocati, magistrati e personale amministrativo di Bari, perché le soluzioni frammentate sul territorio e di breve periodo sono foriere di ulteriori disfunzioni. Si affronti il problema con coraggio, mettendo mano al portafoglio dello Stato per trovare una soluzione definitiva”.

bonafede tende
 

“Bene l’astensione proclamata dalle Camere Penali – ha dichiarato anche il segretario dell’Organismo Congressuale Forense Giovanni Malinconico – ma è necessario fare anche altro, sia a livello governativo che manifestando qui a Bari. L’alternativa alle tende può essere solo un ufficio giudiziario decente che consenta lo svolgimento della giustizia al centro della città; una soluzione inadeguata che permetta di togliere le tende significherebbe solo eliminare il problema dalla scrivania del funzionario ministeriale che se ne sta occupando, facendo dimenticare il caso per i prossimi anni”.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
giustizia tenda bari sfiducia segnale inquietantegiovanni stefanìgaetano sassanelliprefetto ministro tende

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Pace fiscale, un atto civile e di welfare nazionale. Ecco perché
di Alberto De Franceschi
Migranti assunti per combattere il caporalato. E i giovani italiani?
di Diego Fusaro
Intervista sulla Cina. Come convivere con la nuova superpotenza globale.
di Paolo Brambilla - Trendiest
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.