A- A+
PugliaItalia
Martina F. Mostra Bovina Interregionale Lotta all'ischemia con latte e latticini

Maggiore è il consumo di grassi saturi dei prodotti lattiero-caseari e minore diventa il rischio di problemi alle coronarie. E’ il risultato di uno studio condotto dall’American Journal of Clinical Nutrition che ha approfondito ed elaborato le informazioni raccolte in Olanda nell’ambito del progetto Epic (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition). Si tratta di una delle ricerche più ampie e complete mai realizzati in Europa, e che in Olanda ha riguardato 35.597 tra uomini e donne, seguiti e controllati per 5 anni.

BRUNA FRISONA OK
 

Il latte, insomma, sulle nostre tavole resta ancora un grande sconosciuto, ma con una certezza: senza l’ “oro bianco” pugliese non si producono i veri prodotti tipici della nostra tradizione come le mozzarelle.

Proprio per saperne di più, nonché per assaggiare i migliori prodotti caseari di Puglia e Basilicata, l’Associazione Regionale Allevatori apre le porte alle famiglie pugliesi in occasione della Mostra Bovina Interregionale di razza Bruna e Frisona che si terrà a Martina Franca da venerdì 22 a domenica 24 aprile, nel nuovo Foro Boario situato in Contrada Ortolini, sulla strada Martina Franca – Ceglie Messapica a 5 minuti di auto dalla città del barocco e con ampie zone di parcheggio gratuito.

La manifestazione, che ha superato i 40 anni, è il maggior appuntamento di settore del Sud Italia. In vetrina sia i migliori esemplari zootecnici del Centro Sud, vincitori di numerosissimi premi, sia i prodotti delle aziende zootecniche pugliesi.

L’inaugurazione venerdì 22 aprile, con la presenza del presidente Ass.Reg. Allevatori Puglia e ANARB Pietro Laterza e dell’Ass. Allevatori Taranto Francesco D’Onghia, del sindaco di Martina Francesco Ancona e di altre autorità.

BRUNA GIOVANI MARTINA
 

“Abbiamo un grande patrimonio di biodiversità, da valorizzare e da preservare. Senz’altro il latte è una delle gemme del nostro territorio”, ha detto Francesco Ancona, sindaco di Martina Franca, all’inaugurazione della Mostra interregionale di razza Bruna e Frisona, che fino a domenica 24 aprile metterà sotto i riflettori la qualità degli allevamenti del Sud. Gli allevatori, di fatto, abitando le nostre campagne ne sono i custodi.

“La grande cura e l’amore con cui ci prendiamo cura dei nostri animali - ha evidenziato Francesco D’Onghia, presidente dell’Associazione Allevatori di Taranto - si traducono in  benessere animale, nella tutela della nostra salute nonché nella bontà di latte e formaggi”.

BRUNA martina PRODUTTORE
 

Tutto ciò se, ed è questo il punto cruciale, la materia prima è il prezioso latte fresco locale e non il latte in polvere o le cagliate pronte che vengono dall’estero. “La priorità assoluta è l’indicazione chiara in etichetta della origine del latte”, ha sottolineato con forza Pietro Laterza presidente dell’Associazione Allevatori di Puglia nonché presidente nazionale dell’Associazione di Allevatori di razza Bruna (ANARB). La concorrenza sleale con prodotti che sembrano tipici, magari nell’aspetto, è un problema reale.

BRUNA taglio nastro
 

A tagliare il nastro è stato l’assessore alle Attività Produttive di Martina Franca Nunzia Convertini, determinata a valorizzare la tradizione zootecnica della Valle d’Itria che, oggi, è stata oggetto di studio da parte degli allievi delle Scuole Agrarie. A Martina Franca, fino a domenica mattina 24 aprile, si potrà assaggiare il vero Made in Sud, con formaggi fatti da latte pugliese e lucano appena munto, e salumi altrettanto genuini negli stand di Italia Alleva.

Decine di vacche di altissima genealogia e campionesse di vari concorsi nazionali sono le “star” che potranno essere allevate in tutto il week end. Sfileranno, sotto i riflettori, nel ring del nuovo Foro Boario in contrada Ortolini, situato a 5 minuti da Martina Franca sulla Martina-Ceglie Messapica.

La partecipazione è aperta al pubblico e particolarmente adatta alle famiglie con bambini, per l’alta valenza didattica. Ogni giorno e anche la sera stand di assaggio e vendita di prodotti di Italia Alleva, tavola calda tipica e carne alla brace. Apertura: venerdì aprile 22 ore 10.30-22.30, sabato 23 aprile ore 9-22.30, domenica 24 aprile solo la mattina ore 9-12. Ingresso gratuito, parcheggio gratuito.


PROGRAMMA DAL 22 AL 24 APRILE 2016

VENERDI’ 22 APRILE

Ore 10.30 – Inaugurazione e apertura della manifestazione

Ore 11.00 – Laboratori didattici e presentazione delle razze e specie presenti in fiera e concorsi con le scuole Agrarie

Ore 16.00 – Gara di tolettatura e Giudizio morfologico gruppi giovani

Ore 19.00 – Incontro tecnico su “I nuovi PSR Puglia” con le relazioni di Pietro Spagnoletti (Coldiretti Puglia) e Giuseppe D’Onghia (Regione Puglia). Saluto introduttivo di Francesco Ancona (sindaco di Martina Franca), Pietro Salcuni (presidente Associazione Italiana Allevatori), Piero Laterza (presidente Ass. Reg. Allevatori Puglia e Ass. Naz. Allevatori Razza Bruna) e Francesco D’Onghia (presidente Ass. Allevatori Taranto)

Ore 21.00 – Serata dell’Allevatore

BRUNA PUGLIA
 

 

SABATO 23 APRILE

Ore 9.00-12.30 – Valutazione giovane bestiame di razza Bruna e Frisona

Ore 13.00 – Finale manze e giovenche di razza Bruna e Frisona

Ore 17.00-20.30 – Valutazione vacche in latte di razza Bruna e Frisona

Ore 21.00 – Finale vacche in latte di razza Bruna e Frisona

 

DOMENICA 24 APRILE

Ore 9.00 – Gara di conduzione dei giovani allevatori

Ore 12.00 – Chiusura della manifestazione

 

BRUNA PASCOLO VERDE MURETTI A SECCO
 

LA ZOOTECNIA PUGLIESE IN CIFRE

Latte, “oro bianco” di Puglia, regione che rappresenta il quarto polo zootecnico italiano ed il primo nel Mezzogiorno. La crisi economica, unitamente all’apertura all’uso di latte in polvere per la produzione di formaggi di bassa qualità ma che fanno una grave concorrenza ai veri prodotti tipici, stanno pesando gravemente sul settore zootecnico che sta reagendo con una forte diversificazione.

Oggi la zootecnia pugliese punta su: altissima qualità del latte, riduzione degli allevamenti ma con un maggior numero di capi, aggregazione dei produttori, filiera corta per la vendita diretta dei veri prodotti tipici, masserie didattiche per far conoscere ai consumatori i veri sapori tradizionali, agriturismo per integrare il reddito aziendale. Il pilastro economico resta il latte la cui produzione in Puglia ha un valore di circa 150.000.000 di euro ai quali vanno aggiunti altri 50.000.000 di euro per il bestiame che diventa carne.

LAVORO – Gli allevatori danno lavoro ad oltre 13.000 addetti di cui un quarto è manodopera. L’indotto non è solo quello dei caseifici ma riguarda soprattutto ditte di mangimi, trattori, costruzioni edili specializzate, tecnici, veterinari che equivalgano almeno al numero di occupati diretti e cioè circa 13.000 persone, per un totale di 26.000 addetti.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
mostraboviniischemialattelatticinimartina franca

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Manovra, l'Ue: "Violate le regole sul debito". Ecco il discorso dell'usuraio
Giuseppe Prinetti espone a Milano, via Santa Marta 8a. Presto fissata la data
di Paolo Brambilla - Trendiest
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.