A- A+
PugliaItalia
Mese della Memoria, Anna Foa: “Il ricordo plurale dei genocidi”

di Antonio V. Gelormini

Era Vittorio Foa che raccomandava: “Non ricordare per un solo giorno”, esortazione raccolta e messa a valore dai Presidi del Libro e dalla loro presidente, Marina Losappio Triggiani, che da tempo prolungano programma, esercizio e confronti dal Giorno della Memoria al Mese della Memoria, il cui tema dominante quest’anno affronta gli effetti del “Negazionismo”.

“Portico d’Ottavia 13” di Anna Foa – Ed. Laterza, 2012 presentato a Bari, nell’ambito degli appuntamenti previsti non solo nel capoluogo pugliese, ma anche in regione e lungo le propaggini meridiane dei Presidi (fino a Gela nel sud a sud della Sicilia), è testimonianza forte, documentata e commovente di scenari drammatici di deportazioni, ricordati attraverso il racconto letto nelle pietre di un’antica casa medievale, nel cuore del quartiere ebraico a Roma, e del suo incantevole cortile rinascimentale.

Ricordi che si accavallano e accendono emozioni, sorvolando e attraversando i suggestivi vicoli del ghetto romano e che rivivono nei profumi tipici kosher e in quelli dei fiori di zucca o dei carciofi alla giudea, provenienti dalle cucine di Piperno o di Gigetto al Portico d’Ottavia; dallo scorcio mozzafiato sui Fori imperiali o dallo sguardo ruggente del leone dei Limentani, all’ombra protettrice e severa della Sinagoga sul Lungotevere.

Il racconto di una storia fatto di tante storie, che si dipana gradino dopo gradino per gli abitanti di della Casa, ma che segna nove mesi di deportazioni per oltre duemila ebrei romani. Una tragica e lunga scenografia riassunta, sintetizzata e impressa, nella memoria collettiva, dall’indimenticabile sequenza di una disperata, impotente e maestosa Anna Magnani in “Roma città aperta” di Roberto Rossellini.

Il ruolo non secondario dei fascisti locali e delle bande autonome - dipendenti direttamente da Kappler - mossi dall’avidità della taglia e guidate dalle delazioni delle spie. Una caccia senza fine, che approderà tragicamente nell’eccidio delle Fosse Ardeatine.

Portico libro
 

“C’è il rischio della retorica, è vero”, riflette Anna Foa, “ma è anche vero che esso è tenuto in vita dal proliferare dei negazionismi. Testimonianze come queste della Casa di “Portico d’Ottavia 13” vogliono contribuire a mantenere viva la fiamma della memoria. E’ tempo di coraggio e di aperture, anche per il mondo ebraico. Coltivare la memoria vuol dire anche ‘aprirsi’, per esempio, agli altri genocidi: per farne un racconto comune e plurale”. Magari per fronteggiare meglio i venti travolgenti del negazionismo.

Anna Foa è docente di Storia moderna all’Università di Roma La Sapienza, si è occupata di storia della cultura nella prima età moderna, di storia della mentalità, di storia degli ebrei. Tra le sue pubblicazioni: Ateismo e magia (Edizioni dell’Ateneo, 1980); Giordano Bruno (Il Mulino, 1998); Eretici. Storie di streghe, ebrei e convertiti (Il Mulino, 20112).

Fino al 14 febbraio, all'Ex Palazzo delle Poste sarà visitabile la mostra, a ingresso libero, Le leggi razziali: l’Università degli Studi di Bari  e l’epurazione dei docenti ebrei, a cura di Mariapina Mascolo e Francesco Mastroberti.  

Il calendario di tutte le iniziative è disponibile su www.presidi.org

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
foagenocidimemoriaportico d'ottaviaebreiroma

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Governo, Salvini ad Affari: "Io penso a elezioni anticipate? Balle spaziali!"
di Angelo Maria Perrino
Pd, Minniti e la sua sinistra per i deboli. Non dimentichi la lotta all'Ue
di Di Diego Fusaro
Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
di Simone Michelucci
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.