A- A+
PugliaItalia
Migranti, Stefàno e Fitto: 'Euforia incomprensibile, nulla è cambiato'

Il senatore Dario Stefàno (Pd) commenta gli esiti del primo incontro del vertice di Bruxelles sul tema migranti: “Gli esiti del vertice almeno un fatto nuovo l’hanno prodotto: ci hanno fatto scoprire che la ruspa di Salvini è di cartone. Dopo mesi e mesi di chiassosa intolleranza verso i migranti e di dura accusa nei confronti della gestione Ue, la più volte promessa rivoluzione sulla gestione del fenomeno ha prodotto un nulla di fatto”. 

dario stefano ter

“Il trattato di Dublino è stato blindato - precisa Stefàno - perché rimandato a una nuova trattazione dove servirà l’unanimità per cambiarlo, vengono confermati il principio di volontarietà negli accoglimenti dei rifugiati e la responsabilità dei paesi di primo arrivo. L’unica obbligatorietà conquistata riguarda i cosiddetti movimenti secondari che riguardano in larghissima parte l’Italia. Un risultato che accontenta semmai altri Paesi e non noi”. 

“Ho difficoltà a comprendere i toni trionfalistici di queste ore - continua Stefàno - o addirittura il tentato confronto con lo spirito di Ventotene, che pure è stato sfacciatamente fatto. Questo “non risultato” si inanella a una serie di “non cose”: il governo ha compiuto quasi un mese di annunci ma non c’è traccia di nessun provvedimento politico nemmeno in Consiglio dei Ministri”.

migranti aiuto
 

Fitto UE

Anche Raffaele Fitto punta il dito sui facili entusiasmi: "Un’euforia al quanto eccessiva arriva da Bruxelles. Il Consiglio Europeo nella notte di fatto ha confermato che i salvataggi avvengono a “a norma del diritto internazionale” (ovvero le navi devono attraccare nel porto sicuro più vicino) e i centri di accoglienza sono  “su base volontaria”,, così come redistribuzione (vale a dire che nessuno può obbligare nessuno ad accogliere e tenere sul proprio territorio immigrati). Insomma resta in vigore il Trattato di Dublino".

"Una sola cosa è cambiata - prosegue Fitto - l'Italia è andata a Bruxelles pensando che il "nemico" fosse la Francia e ha preso atto che i nemici sono, invece, esattamente quelli che reputavamo amici di Paesi Visegrad (Ungheria, Austria...) che chiaramente vogliono la chiusura delle frontiere, ma soprattutto non vogliono immigrati e hotspot sul loro territorio. Dalle parti nostre si dice che vogliono la botte piena e la moglie ubriaca, ma il vino lo paga l'Italia".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
migrantidario stefànoraffaele fittoeuforia incomprensibile ue dublino trattato

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Hillary Clinton si ricandida alla Casa Bianca: l'ambizione smodata crea mostri
di Marco Zonetti
A Milano rinasce Trattoria Toscana-Elite, multiforme salotto dell'arte
di Paolo Brambilla - Trendiest
La sostenibilità condizione per accesso al cibo nei Paesi poveri
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.