A- A+
PugliaItalia
Monti Dauni, sapori spontanei dal ‘giardino d’inverno’ di Peppe Zullo

di Antonio V. Gelormini

E’ il profumo terrigno e autoctono dei Monti Dauni, esaltato dalle erbe spontanee come il ‘marasciuolo’, ad invadere i corridoi del tempio laico barese dell’eno-gastronomia nazionale: Eataly, e a prendere prima per il naso e poi per la gola i suoi visitatori incuriositi, accogliendoli nello spazio-ristorante animato da Peppe Zullo.

Il profeta del chilometro zero e oracolo della più nobile tradizione dauna, quella col blasone glorioso della povertà, ha scelto il meglio dei sapori spontanei del suo giardino d’inverno a Orsara di Puglia, “l’Orto dei sapori perduti”, per presentare alla corte di Oscar Farinetti i tratti più identitari di una delle più apprezzate tradizioni culinarie pugliesi: la cucina povera di Capitanata.

Testimonial d’onore, in questa tornata di proposte, il Marasciuolo: la "rucola/cima di rapa" della Daunia riscoperta da Peppe Zullo e da lui declinata in mille modi: col pane, con la pasta, coi legumi, e da spalla a cacciagione, arrosti e pesce. Ma anche “in purezza”, lessata con filo d'olio extravergine d’oliva – rigorosamente dauno - o strascicata in padella con punta di peperoncino del Gargano oppure con soffritto di olio aglio e acciughe schiacciate.

Il marasciuolo o ‘marasciun’ cresce negli uliveti, vigneti, lungo i cigli delle strade, nei terreni incolti (le stesse mezzane dove regna il fungo cardoncello). E’ un’erba spontanea del Tavoliere con fusto eretto, ramificato con foglie basali disposte a rosetta, spicciolate e dentate. I fiori bianchi sono raccolti in grappoli di colore bianco e hanno quattro petali. 

I Romani ne conoscevano le proprietà terapeutiche e la utilizzavano per curare l'ipertensione, ripulire l'intestino ed eliminare le tossine. Il suo nome scientifico è Sinapis campestris e già le sapienti abitudini benedettine, prim’ancora di Peppe Zullo, la vedevano quotidianamente presente nella preparazione di zuppe e minestre.

Un utilizzo moderno e molto apprezzato dai buongustai è nella farcitura di pizze, calzoni e panzerotti, quale alternativa selvatica alle ‘cime di rape’ o nel recupero di un piatto senza tempo quale il “pancotto con patate e marasciuoli”.

Zullo Eataly2
 

La presenza autorevole degli Chef a Eataly vuole testimoniare la consapevolezza di una fortuna:  mangiar sano in una terra come la Puglia, in questo caso con Peppe Zullo nella Daunia in particolare, solcata dai tratturi di una lunga e ciclica transumanza, baciata dal sole e da una luce senza eguali, protesa verso un mare denso di sale, di storia e di civiltà, significa mangiare Mediterraneo.

Un regime alimentare adottato ormai come modello. Una filosofia “cafona” con l’idea del cibo come cultura. Perché dietro l’alimentazione contadina c’è tutta la storia di una comunità locale, regionale o nazionale. Perché la cucina di un territorio, con tutte le sue variopinte declinazioni, è pietra angolare della sua più intima identità.

(gelormini@affaritaliani.it)
 

Tags:
farinettieatalypeppe zullomarasciuolicucinapoveradaunia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
A Bruxelles il nuovo ordine erotico genderizzato
di Diego Fusaro
Il populismo e i partiti di opposizione al Governo giallo-verde.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Decreto sicurezza, il governo del Cambiamento c’è
di Angelo Maria Perrino
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.