A- A+
PugliaItalia
Nuova tomba messapica a Ceglie Ma la Sovrintendenza latita

di Vito Amico

A pochi mesi dalla pubblicazione su Affaritaliani.it della notizia del ritrovamento di antiche tombe a Ceglie Messapica in zona don Guanella, torniamo a parlarne grazie a nuove, straordinarie scoperte e sorprese di questo sottosuolo ricco di storia in provincia di Brindisi. Avevamo scritto della presenza di un’area archeologica importante. Ora un'ulteriore conferma: una nuova scoperta di tomba messapica,con età da confermare,si presume 3,4 secolo avanti Cristo.

DSCI0011
 

Tra il 26 maggio e venerdi 18 scorso, durante i lavori di allaccio della rete gas, gli operai hanno ritrovato un blocco litico lavorato e squadrato (segni inconfondibili di tomba messapica). Un operaio ci ha direttamente riferito a noi dell’associazione “speleocem” di aver provveduto ad allertare la competente sovrintendenza. Io con altri due associati mi sono recato sul posto e già a poche ore dalla scoperta, abbiamo constatato che lo scavo era stato riempito di materiale inerte (brecce calcaree) contenuto da teli di tessuto non tessuto. Il sito è in completo abbandono e quindi il corredo presente all’ interno è a rischio furto.

Sabato 20 dicembre il sottoscritto accompagnato da Margherita Maci e Carmine Petarra, soci dell’ Associazione no-profit Speleocem  abbiamo ritenuto opportuno  recarci presso la stazione locale dei Carabinieri per denunciare la scoperta, nonché il fatto che, allo stato, il sito è alla mercè di chiunque con ogni conseguenza in merito alla presenza, possibile, e non azzardata di reperti di gran pregio. Siamo preoccupati dal fatto che il luogo dei ritrovamenti al momento è senza vigilanza e che i vari lavori in zona sono senza diretta sorveglianza della sovrintendenza. Ancor di più dispiaciuti dal disinteresse dell’ amministrazione comunale della città. La tomba questa volta la vogliamo a vista, sperando di ritrovare il corredo e magari altre utili e preziose informazioni.

DSCI0006
 

Siamo amareggiati dal fatto che sei mesi fa mettemmo a conoscenza l’ opinione pubblica della scoperta di un sito enorme, di una necropoli e un’area archeologica importantissima. Questo sito, se tutelato e studiato potrebbe consentire di approfondire le conoscenze attuali in merito al popolo messapico.

Quella scoperta di quattro tombe annunciata su questo giornale sei mesi fa è stata distrutta per fare posto ad una nuova chiesa. I cimeli e il corredo per fortuna sono stati recuperati e probabilmente saranno messi a disposizione del museo di Ceglie Messapica,ma del sito ormai nessuna traccia. Delle tantissime tombe rinvenute fino ai nostri giorni, ne rimane una in Via Toniolo, nel parcheggio della scuola Media Statale L. Da Vinci.

La pubblicazione di sei mesi fa su questo sito accese i riflettori sulla città e soprattutto sulla scoperta:giornali, emittenti televisive, flash mob per  cercare di salvare i loculi, eppure tutto è finito letteralmente e dolorosamente sepolto!

L’importanza della scoperta ormai sepolta è confermata dal nuovo rinvenimento che merita di essere protetto e difeso. E per far questo deve intervenire urgentemente l’ amministrazione comunale mettendo in sicurezza la tomba e approfondendo la ricerca al suo interno.E infine, dovrà restituirla alla città,ai cittadini,agli esperti e ai turisti incuriositi di conoscere le nostri radici.

Tags:
cegliemessapicatombasovrintendenza

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Giuseppe Prinetti espone a Milano, in via Santa Marta 8a, il 27 e 28 novembre
di Paolo Brambilla - Trendiest
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
Comandare un robot con la forza del pensiero
di Maurizio Garbati
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.