A- A+
PugliaItalia
Ottai, 'Ridere rende liberi Comici nei campi nazisti'

L’ultima risata

Comici ebrei nei lager nazisti

 

L’ultima risata nasce da una ricerca - i cui esiti complessivi sono pubblicati in un volume, Ridere rende liberi, in uscita presso Quodlibet - sulle sorti di alcuni comici ai quali si deve negli anni trenta la grandezza leggendaria del cabaret e dello spettacolo leggero mitteleuropeo, in particolare di quello berlinese.

ottai shoah2
 

 

In gran parte ebreicome ebreo era il colore del loro umorismo, la sorte di questi artisti è segnata dall’avvento di Hitler al potereEspulsi dai set e dai palcoscenici sui quali avevano primeggiato, le loro performance si replicano in condizioni sempre più dure.

 

 

La ghettizzazionenell’autunno del ’33 nasce a Berlino la Lega della cultura ebraica dovefinché la Gestapo non ne serra i battenti, "l’arte verrà prodotta dagli ebrei solo per gli ebrei"; la deportazioneil campo di transito di Westerbork, in Olanda, o l’insediamento ebraico“ di Theresienstadt, in prossimità di Pragaad esempio, ospitano fra le varie forme di attività artisticacelebri cabaretanimati dagli artisti tedeschi, olandesi o cechi che vi erano internati; lo sterminionel quale la maggiorparte degli artisti finirà col concludere la propria esistenza. 

 

Le vicende di questi personaggi non raccontano soltanto la storia dalcuni comici - comici di grande successo: la notorietà li accompagnerà fino alla fine - ma inducono, al di là dellespecifiche occorrenze storiche, una riflessione sul comico nelle situazioni più estreme, quando le figure che lo mettono in essere, chi ride e ciò di cui si ride, corrispondono alle persone fisiche di aguzzini e vittime. Anche se, all’interno dellarelazione teatrale che eccezionalmente ne configura il rapporto, agiscono comespettatori e attori, ai quali è riservata “l’ultima risata”.

 

ottai invito
 

 

Il racconto scivola fra la narrazione in prima persona - la Berlino d’epoca rivissuta attraverso le memorie familiari; l’evocazione del repertorio storico - canzoni, ballate, sketch degli anni trenta; le testimonianze di carattere documentale e le riflessioni sul senso e sui paradossi della vicenda narrata ai quali si deve, negli anni trenta, la grandezza leggendaria del cabaret e dello spettacolo leggero mitteleuropeo, in particolare di quello berlinese.

La lettura/spettacolo L’ultima risata è tratto dal volume Ridere rende liberi.  Comici nei campi nazisti, di Antonella Ottai, pp. 234. Quodlibet, gennaio 2016

 

Ottai
 

Antonella Ottai ha insegnato presso il Dipartimento di Storia dell’arte e Spettacolo dell’Università “Sapienza” di Roma. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni sullo spettacolo italiano e internazionale degli anni Trenta, con particolare attenzione alle scene comiche (Coma a concerto. Il Teatro Umoristico nelle scene degli anni TrentaEastern. La commedia ungherese nello spettacolo fra le due guerre). Presso Sellerio, ha pubblicato un libro di racconti autobiografici, Il croccante e i pinoli.

 

 

1È tutta colpa degli ebrei, Felix Hollaender, sulle note della Habanera dalla Carmen di Bizet, traduzione e libero adattamento di Franca D’Amato

ottai apre memoria
 

 

Se diluvia o non piove mai,

se c’è una afa che ti fa svenir,

se c’è vento o fa freddo assai

congelato pensi di morir.

S’è bel tempo o coperto è,

se la neve fitta cade giù,

se non basta manco un vin brulè,

o se invece c’è un bel cielo blu.

 

TUTTI

E’ degli ebrei, è degli ebrei,

la colpa è tutta quanta degli ebrei,

la colpa è tutta degli ebrei,

è sempre e solo colpa degli ebrei.

In culo a chi? Ci vada lei!

Non lo capisce è colpa degli ebrei,

Ci creda o no, non mentirei,

si sa che è solo colpa degli ebrei.

 

ottai shoah3
 

2) "Alla fine, siamo tutti figli di Adamo!... Almeno.... a partire dalla 2° fila". come disse il cabarettista Max Ehrlich, nel corso di uno spettacolo di rivista nelcampo di transito di WesterborkOlanda, dove era internatorivolgendosi a un pubblico composto da internati e SS.....

  

3) "Amici, benvenuti! Siete fortunati a essere qui questo pomeriggio. Qui abbiamo l’arte e gli artisti migliori dell’intera Germania. Qui potete ridere apertamente dei nostri scherzi. Qui c’è il teatro più libero del Reich. Fuori di qui, attori e pubblico sono terrorizzati perché hanno paura di finire in un campo di concentramento. È una cosa di cui noi non ci dobbiamo assolutamente preoccupare... " (presumibilmente, Werner Finck, durante uno spettacolo nel campo di concentramento di Buchenwald)

4) "I trasporti per Auschwitz naturalmente ci stavano - e ci stavano ogni martedì - ma intanto bisognava anche ridere!" La brutale paradossalità di quest’affermazione di Jetty Cantor, fra le poche sopravvissute della compagnia teatrale del campo, la Gruppe Bühne di Westerbork, punta il dito sulla liceità della risata in un contesto di dolore nel quale avrebbe dovuto essere interdetta; e soprattutto sulla sua normalità laddove vigeva lo stato di eccezione....

(gelormini@affaritaliani.it)

---------------------------

Pubblicato sul tema: comprendere, ma necessario conoscere"">Mese della Memoria 2016, "Impossibile comprendere, ma necessario conoscere"

                                  Giorno della memoria: messaggio di Michele Emiliano

                                  Giornata Memoria, D'Ambrosio Lettieri (CoR): "Difendere la dignità di ogni…

                                  Giorno della Memoria, Consiglio regionale: "Ricordare per non ripetere"

Tags:
lagershoahottainazistiriderelibericampi
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Centric Software & PLM Systems: webinar su PLM & Produttività il 28 maggio
di Paolo Brambilla - Trendiest
Libreria Hoepli Milano. Lo chef Simone Finetti presenta il suo libro “Heroes”
di Paolo Brambilla - Trendiest
Elezioni Europee, Zingaretti e il Pd continuano a combattere... contro i lavoratori
di Diego Fusaro
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.