A- A+
PugliaItalia
Peppe Zullo, 'Appuntamento con la Daunia' a Orsara di Puglia

“Cibo Universale”. É questo il tema al centro del 23esimo “Appuntamento con la Daunia”, l’evento attraverso il quale, ogni anno, Peppe Zullo convoca a Orsara di Puglia produttori, cuochi, manager, artisti e giornalisti, per celebrare l’innovazione e il meglio della cultura legata al cibo, ai valori che esprimono salubrità, sapori autentici, tutela e valorizzazione delle biodiversità. Il 23esimo “Appuntamento con la Daunia” si svilupperà in due giornate: domenica 14 e lunedì 15 ottobre, ospitate rispettivamente nelle location di Villa Jamele e Nuova Sala Paradiso, entrambe a Orsara di Puglia, le ‘oasi’ del gusto del cuoco Peppe Zullo.

Zullo 7

IL PROGRAMMA. Particolarmente ricco il programma dell’edizione 2018 che, domenica 14 ottobre, prenderà il via alle 10.30 con il convegno su “ Cibo Universale”. Su questo tema, interverranno: Anna Peach, Heirloom Grower dello Squash and Awe Hawaii (Stati Uniti); Rocio Martinez Osegueda, direttrice dell’Ufficio del Turismo di Puerto Vallarta (Messico); Umberto Montano, Fondatore del Mercato Centrale di Firenze; i docenti Christian Fernando Iaione e Benedetta Gillio dell’Università LUISS; Giovanni Minelli, Parmigiano Reggiano Malandrone 1477; Federica Stella Blasi, Research fellow, CEO NGA srl; Toni Augello, web marketing manager; Carlo Ventola, wedding look maker. Sarà Oscar Buonamano, vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo, a coordinare gli interventi. Al termine del convegno, si darà il via agli itinerari del gusto: protagonisti saranno produttori e ristoratori del territorio. Special Guest: Santino Caravella, comico gastronomico.

Zullo Daunia1

LA GIORNATA DI LUNEDI’. La seconda giornata, lunedì 15 ottobre, sarà dedicata al ricordo di “Severino Garofano: un galantuomo”. Irpino, adottato dalla Puglia già dal 1957, Severino Garofano fu in grado di cambiare il volto della viticoltura salentina facendola conoscere e apprezzare nel mondo. Del suo esempio e della evoluzione dell’immagine del cibo italiano nel mondo discuteranno Stefano Pisani, sindaco di Pollica e presidente di Cittaslow International; Ludovico Solima, docente di management delle imprese culturali; Faith Willinger, ambasciatrice della cucina italiana nel mondo; Franco Pepe, maestro pizzaiolo.

Zullo Villa Jamele

CIBO UNIVERSALE. Per due giorni, sul tema del “cibo universale”, a Orsara si confronteranno cuochi, docenti e giornalisti da tutto il mondo. L’elemento simbolo del 23esimo Appuntamento con la Daunia è l’universalità di ciò che ci nutre, ci ispira, ci dà energia, con elementi culturali che attraversano e oltrepassano i confini, conservando sempre lo stesso valore d’identità, speranza, continuità tra passato e futuro. Ventitre anni fa, Peppe Zullo organizzò per la prima volta il suo “Appuntamento con la Daunia”. Il cuoco pugliese, che negli ultimi 30 anni è diventato uno degli chef più apprezzati del mondo per la sua filosofia del “simple food for intelligent people”, ogni anno convoca a Orsara di Puglia – paese della Daunia riconosciuto come “Cittaslow” e Bandiera Arancione del Touring Club – alcune delle migliori espressioni internazionali della cultura del buon cibo.

(gelormini@affaritaliani.it)

Peppe Zullo Castel
 

La nota di Gaetano Manfredonia

Cibo e Universo, due grandi argomenti simbiotici tra di loro, trovano in queste giornate la giusta collo- cazione nello splendido scenario di Villa Jamele e Piano Paradiso. La nostra curiosità ci spinge a porre una prima considerazione: il cibo è universale? E se la risposta è si, quali sono gli elementi di correlazione che ne rendono uno il signifi cante dell’altro.

Un primo elemento è proprio quello linguistico. Infatti Universus secondo una particolare interpreta- zione, signifi cherebbe «tutto ciò che viene ruotato da uno». In questo senso, si identifi cherebbe nella parola, περιφορά (periforá, circumambulazione, parola greca originariamente usata per descrivere il percorso del cibo, che veniva servito lungo la cerchia dei commensali). Troviamo dunque, già nel mondo classico un primo punto di incontro tra universo e cibo, ma è con l’avvento della semiotica, nella accezione di cibo come forma specifi ca di linguaggio, che ne percepiamo meglio la sua universalità.

peppe zullo selection

Cibo, che come sosteneva Lévi-Strauss doveva essere "buono da pensare": attraverso il cibo parliamo del mondo, della società, del cosmo, quindi dell’universo. In questa senso il cibo travalica il concetto funzionale ed estetico per nobilitare la sua valenza antropologica che ha permesso all’uomo di allontanarsi dalla sua primitiva natura animalesca per costituire variegate forme di cultura e civiltà.

Oggi si invoca giustamente un ritorno alla agricoltura, alle produzioni, alle tradizioni alimentari locali, ma è nel concetto di universalità che il cibo travalica confi ni geografi ci e barriere culturali con atteggia- mento, spesso, pionieristico. Se pensiamo alla scoperta di nuovi mondi e che ha portato a nuove rotte verso le Americhe, si comprende meglio come il cibo rappresenti un "fatto sociale" totale che tende a produrre nuove forme d’identità e alterità etniche.

Zullo 16 Orsara

Se guardiamo con attenzione questa immagine di Peppe Zullo, immagine quasi Vitruviana, possiamo comprendere come nell’abbraccio simbolico con cui stringe Castel del Monte (illuminata creazione voluta da Federico II di Svevia, uomo universale a tutto tondo, vero anticipatore della rivoluzione rinascimentale che avrebbe modifi cato per sempre le correnti di pensiero vigenti all’epoca) si riproduca l’essenza stessa del pensiero leonardesco: l’Uomo e il suo Microcosmo come raccordo tra il cerchio e il quadrato che idealmente delimitano le due figure. Ovvero il divino mondo Universale e il mondo terreno.

Zullo sole piccante

Con una sola immagine si può dunque rappresentare la sintesi del messaggio dell’universalità del cibo stesso. Cibo che, arricchendosi di una nuova valenza simbolica e universale, diviene esso stesso signifi cato di nuova forma di linguaggio universale. Una visione onirica, questa di Peppe Zullo che richiama fortemen- te l’immagine di un altro grande fi glio della nostra terra, Domenico Modugno che ispirandosi ad un quadro di Chagall (Le coq rouge dans la nuit) sembra volare "più in alto del sole", verso un futuristico Universo di nuove idee, verso una nuova arte e un nuovo rinascimento del cibo. 

 

Commenti
    Tags:
    peppe zulloorsara puglia appuntamento dauniaanna peachumberto montanocibo universale
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Imprese ICT e mercato Analytics, fatturati in salita per il tech italiano
    di Elena Vertignano
    Contro il buco di Macron, l’italiano Tajani alzi la voce
    di Angelo Maria Perrino
    Il Vangelo secondo Soros. Sui nuovi preti immigrazionisti
    di Diego Fusaro
    i più visti

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.