A- A+
PugliaItalia
Puglia Plastic Free un passo avanti, ma le resistenze non mollano

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e il coordinatore dell’Avvocatura regionale, Rossana Lanza, comunicano che sulle Spiagge Plastic Free la quarta sezione del Consiglio di Stato, in composizione collegiale, ha accolto l'appello dell’Avvocatura regionale pugliese (Ricorso numero: 6927/2019 avv. Nilde Francesconi) e ha respinto l'istanza cautelare proposta in primo grado, confermando le valutazioni già espresse dal Presidente della stessa Sezione con il decreto monocratico reso lo scorso 7 agosto. 

plastic free2

"L’appello cautelare della Regione Puglia - sottolineano - è dunque stato definitivamente accolto: le spiagge pugliesi restano plastic free". 

“Abbiamo vinto una battaglia di civiltà a tutela dell’ambiente per il futuro della nostra terra e dei nostri figli - ha commentato il presidente Emiliano - in questo modo tutti noi, amministratori, gestori dei lidi, cittadini, abbiamo la possibilità di tutelare e proteggere le bellezze dei mari pugliesi."

Emiliano associazioni

"È un risultato eccezionale - ha precisato Emiliano - raggiunto anche grazie allo sforzo di una squadra compatta e altamente professioniale, quella dell’Avvocatura regionale, guidata dall’avv.ocatoCoordinatore Rossana Lanza".

"Vorrei ringraziare - ha concluso Emiliano - ciascuno di loro perché il risultato ottenuto, nel legittimo esercizio delle prerogative dell’Ente, in materia di tutela del demanio costiero - avendo perseguito indirettamente l'effetto di innalzare il livello minimo di tutela imposto dallo Stato in materia ambientale - ci fa sentire protagonisti, nel nostro piccolo, nella grande battaglia per la tutela dell’ambiente e dei mari”.

stea gianni3

Ha commentato la decisione del Consiglio di Stato anche l’assessore all’Ambiente Gianni Stea: “Una decisione, quella della quarta sezione del Consiglio di Stato, che arriva a conferma della bontà delle nostre politiche ambientali. Avevamo visto giusto, come Regione, quando abbiamo deciso, tra i primi in Italia, che nella regione meta ideale del turismo, l'estate sulle spiagge sarebbe stata plastic free e per un consumo attento e consapevole della materia che tanti danni sta facendo all'ecosistema ambientale e marino".

albano plastica 696x398

"Assieme al presidente Emiliano - ha aggiunto Stea - mi sono battuto e continuerò a farlo con forza e vigore affinché si cambi passo utilizzando il più possibile posate e stoviglie di materiale compostabile al  posto di quelle di plastica. La Puglia e i pugliesi hanno il diritto e il dovere di mostrare un elevato grado di civiltà e lungimiranza sulla questione. Ricordo che secondo i dati Ispra l'inquinamento sulle spiagge italiane ha raggiunto valori impressionanti a cui occorrerà porre un immediato freno: esattamente è stata calcolata una media di circa 770 oggetti ogni 100 metri di spiaggia, dei quali l'80% è rappresentato da plastica, ormai la regina degli inquinanti marini. Situazione che non cambia molto sui fondali in prossimità delle coste: si contano, infatti, circa 100 oggetti ogni chilometro quadrato mentre i rifiuti e micro-rifiuti che galleggiano nelle acque nazionali risultano essere ben 28 miliardi. Una situazione che non fa decisamente onore al nostro territorio”. 

plastica mare 2 3

Di parere diverso Assobibe, Confida, Italgrob e Mineracqua, le associazioni che avevano proposto il ricorso al TAR: "Il Consiglio di Stato - affermano le quattro associazioni in una nota congiunta - ha rimandato la decisione al Tribunale Amministrativo Regionale" e valutano che “la complessità della controversia e il carattere di principio che riveste, ne richiedono l’esame con la cognizione completa propria della fase di merito”. 

bottiglie plastica 03

"Nel rimettere il giudizio finale al TAR della Puglia che si pronuncerà con la sentenza di merito nell’udienza fissata per il 19 febbraio 2020 - prosegue la nota congiunta - i giudici fanno intendere che l’imminente conclusione della stagione balneare rende evanescente il pericolo di un ulteriore danno grave e irreparabile in capo agli operatori economici".

"Nel frattempo - affermano Assobibe, Confida, Italgrob e Mineracqua - si registrano decisioni del Consiglio di Stato contrarie ad ordinanze comunali “plastic free”, da ultimo il caso di Teramo. Le associazioni ricordano che il diritto comunitario ha ben precisato divieti e tempistiche sulla plastica monouso e sarebbe auspicabile che sul territorio nazionale si applicasse ciò che ha votato e approvato il Governo italiano a Bruxelles, sulla Direttiva emanata nel 2019. Iniziative continue, diverse e articolate rischiano di alterare il mercato, la concorrenza con danni alle imprese e loro lavoratori".

(gelormini@affaritaliani.it)

Commenti
    Tags:
    puglia plastic free consiglio stato tarmichele emilianorossana lanzaspiagge resistenze
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Alessia Potecchi. Idee e proposte in vista della Legge di Stabilità 2020
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Abbandoni: Matteo Renzi e Tommaso Paradiso, la parabola del frontman
    di Maurizio de Caro
    La finanza a favore delle banche. Pronti a tassare il prelievo dei contanti
    di Diego Fusaro
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.