A- A+
PugliaItalia
Salvatore Latronico: 'Il settore IT in Puglia, chance per cervelli e ricerca'

Una fotografia dettagliata sulle aziende pugliesi dell’Information Technology, su loro dimensioni e specializzazioni, professionalità occupate, fatturati, investimenti in ricerca e sviluppo, mercati di riferimento: è il risultato della prima ricerca sul settore realizzata dall’Osservatorio IT del Distretto Produttivo dell’Informatica pugliese presentata nella sede del Distretto in Confindustria Bari e BAT.

Salvatore Latronico, ceo   Openwork (4)(1)
 

La ricerca quali-quantitative, realizzata in collaborazione con le università pugliesi, è stata condotta su un campione rappresentativo delle imprese del settore, costituito dalle aziende aderenti al Distretto Produttivo dell’Informatica.

Alla presentazione presenti il presidente del Distretto Produttivo dell’Informatica pugliese Salvatore Latronico e i responsabili delle ricerche: il docente di Economia Applicata dell’Università di Foggia, Alessandro Muscio, e il ricercatore del Software Engineering Research Laboratory (Serlab) del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Bari, Danilo Caivano. Con interventi, inoltre, dei dirigenti della Regione Puglia, Adriana Agrimi, della Sezione Ricerca Industriale e Innovazione, Gianna Elisa Berlingerio, del Provveditorato ed Economato, Nicola Lopane della Sezione Programmazione Acquisti.

"Questa analisi offre un primo contributo - ha detto Salvatore Latronico - alla descrizione di un settore che in Puglia conta molte eccellenze ma che, fino a oggi, non ha avuto contezza delle sue peculiarità e prospettive di sviluppo".

IT esperti3
 

"Occorre sfatare qualche luogo comune, per esempio, sulla fuga dei cervelli dalla Puglia almeno nel settore. L'Information Technology mentre cresce in Italia del 3%, in Puglia lo fa del 15%, per cui abbiamo il problema contrario. I nostri laurati nel settore restano in Puglia per il 75% dei casi, pertanto abbiamo il problema di come attrarre altri cervelli verso la Puglia"​. 

"La frontiera delle politiche industriali 4.0 - aggiunge Latronico - offre ulteriori prospettive di crescita del territorio e del suo tessuto produttivo. Cambiare registro diventa necessario, anche perchè dalle analisi dell'Osservatorio emerge che offerta e ventaglio opportunità sono ben più ampi di quelli immaginati". 

Salvatore Latronico   Openwork
 
 

"Lo stesso fatturato prodotto - precisa ancora il presidente del Distretto Produttivo - solo per il 40% proviene dalla nostra regione e solo per il 38% è riconducibile all'ambito della Pubblica Amministrazione. Ne consegue che le prospettive sono tutte più che ottimistiche. Sia per la crescita del settore privato, che per i margini disponibili nella PA, per la razionalizzazione delle spese e per una migliore impostazione industriale".

Le testimonianze della vivacità del Distretto Produttivo dell'Informatica pugliese spaziano trasversalmente dalla leadership nella gestione dei processi nelle grandi Banche e Assicurazioni, ai Bancomat e alle Risorse Umane, fino all'altra nuova e vasta frontiera delle Geolocalizzazioni. 

"Stiamo parlando di circa 4.400 addetti, di 35-37 imprese eccellenti - sottolinea ancora Salvatore Latronico - in un segmento in crescita esponenziale, che fa registrare anche alleanze e fusioni importanti e strategiche come quella portata a termine con successo tra Exprivia e Italtel, che proiettano la Puglia ai vertici dell'attenzione mondiale del settore".

distretto informatica pugliese
 

Il Distretto Produttivo dell’Informatica pugliese è stato avviato nel 2007 con l’emanazione della legge regionale pugliese sui Distretti Produttivi (l.23/07) e costituito il 30 novembre 2009. Al Distretto aderiscono circa 100 tra imprese pugliesi del settore IT, associazioni, consorzi, enti di ricerca e tutte le Università pugliesi per complessivi 4.000 addetti e 500 milioni di fatturato. Nel Distretto sono presenti prevalentemente PMI oltre che aziende di dimensioni maggiori con sedi in Italia e all’estero.

(gelormini@affaritaliani.it)

---------------------------- 

Pubblicato sul tema: Incentivare i giovani a restare, per dare un futuro migliore all'Italia

Tags:
salvatore latronicochance cervelli information technology puglia distretto produttivo informatica ricerca

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Pace fiscale, un atto civile e di welfare nazionale. Ecco perché
di Alberto De Franceschi
Migranti assunti per combattere il caporalato. E i giovani italiani?
di Diego Fusaro
Intervista sulla Cina. Come convivere con la nuova superpotenza globale.
di Paolo Brambilla - Trendiest
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.