A- A+
PugliaItalia
Sì alla legge per la promozione dell’utilizzo di idrogeno, ma il M5S attacca

Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza, con 27 voti favorevoli, la proposta di legge recante “Norme in materia di promozione dell’utilizzo di idrogeno e disposizioni concernenti il rinnovo degli impianti esistenti di produzione di energia elettrica da fonte eolica e per conversione fotovoltaica della fonte solare”, a firma del consigliere regionale di Noi a Sinistra, Enzo Colonna.

Energia fonti rinnovabili

Obiettivo della legge è favorire i processi di ammodernamento degli impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile esistenti sul territorio regionale, per non disperdere il patrimonio infrastrutturale già realizzato e ridurre il consumo di suolo e, dall’altro, ottimizzare l’uso delle fonti rinnovabili mediante la produzione di idrogeno.

Il titolo II del provvedimento disciplina i procedimenti amministrativi relativi agli interventi di integrale ricostruzione, potenziamento, rifacimento e riattivazione di impianti esistenti, nell’ottica della semplificazione amministrativa, subordinandoli alla riduzione delle ripercussioni negative sull’ambiente e del consumo del suolo, quindi con un migliore inserimento degli impianti stessi nel contesto paesaggistico e naturale.

eolico assorinnovabili

In relazione agli impatti ambientali il proponente ha la facoltà di richiedere all'autorità competente una valutazione preliminare al fine di individuare l'eventuale procedura da avviare. L'autorità indica se le modifiche, le estensioni o gli adeguamenti tecnici devono essere assoggettati a verifica di assoggettabilità a VIA, a VIA o se ne sono esclusi in virtù del fatto che i progetti propongano riduzioni significative del numero di aerogeneratori, della loro superficie spazzata e del suolo occupato o, nel caso di impianti fotovoltaici, della superficie radiante o del suolo occupato, nonché misure di compensazione di carattere ambientale in favore dei comuni nei cui territori ricadono gli impianti.

Con riferimento agli aspetti autorizzativi, fissa le condizioni e i procedimenti amministrativi per il rinnovo del titolo abilitativo degli impianti esistenti (interventi di ammodernamento tecnologico, riduzione significativa delle dimensioni degli impianti, garanzie).

Inoltre fornisce i criteri per la individuazione e determinazione delle misure di compensazione a carattere ambientale in favore dei comuni, nei cui territori sono localizzati gli interventi. Infine, promuove iniziative del governo regionale finalizzate alla delocalizzazione di impianti esistenti ubicati in zone agricole, con contestuale dismissione degli stessi e ripristino dello stato dei luoghi, in aree industriali dismesse, cave esaurite, siti inquinati e siti di interesse nazionale.

fotovoltaico installazione

Nel corso dell’esame dell’articolato sono stati approvati dieci su quaranta emendamenti presentati, tra cui tutti quelli proposti dallo stesso Colonna ed un paio del M5S e Marmo (FI). In particolare sono state aggiunte delle disposizioni in materia di adempimenti della Giunta regionale, da attuare in sede di aggiornamento del Regolamento regionale attuativo delle Linee Guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili e dell’avvio del procedimento di revisione del PPTR.

Con 32 voti favorevoli, è stato approvato un articolo aggiuntivo, attraverso un emendamento presentato dal consigliere Fabiano Amati (Pd), con cui si interviene sul decreto ‘Sblocca cantieri’ convertito in legge, relativamente alla conferma della disciplina regionale in materia di deposito dei calcoli presso il Genio civile per le opere in aree a bassa sismicità, nelle more dell’emanazione delle linee guida da parte del Ministero delle infrastrutture. “Si tratta di evitare - ha spiegato Amati - le lungaggini sui cantieri già avviati, determinate dall’introduzione dello Sblocca cantieri”.

Enzo Colonna

In una nota a commento diffusa, il Consigliere regionale, Enzo Colonna, dichiara: "Il testo approvato dal Consiglio regionale è molto innovativo e articolato, con soluzioni inedite rispetto al panorama delle normative regionali e nazionali in materia. Soluzioni normative del tutto originali che la Puglia offre ora al Governo nazionale come modello, per favorire i processi di transizione energetica e di progressivo abbandono delle fonti fossili".

"L’obiettivo della legge è duplice - aggiunge Colonna - :

• da un lato, promuovere la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile favorendo la chiusura dei cicli produttivi mediante la produzione di idrogeno attraverso l’energia elettrica prodotta da fonte rinnovabile non consumata e non immessa nella rete;

• dall’altro, favorire l’ammodernamento degli impianti esistenti, regolarmente autorizzati e ubicati in aree non interessate dai vincoli (ad esempio, quelli paesaggistici del PPTR), di produzione di energia elettrica da fonte eolica e solare, mediante la previsione di una disciplina dei procedimenti amministrativi relativi agli interventi di integrale ricostruzione, potenziamento, rifacimento e riattivazione degli impianti, in grado di offrire certezza regolamentare e semplificazione amministrativa, e riducendo le ripercussioni negative sull’ambiente e il consumo del suolo, per non disperdere il patrimonio infrastrutturale già realizzato e quindi evitare ulteriore consumo di suolo.

Impianto Fotovoltaico Heineken

Questa legge risulta coerente con le politiche avviate a livello internazionale, europeo e statale che mirano al contenimento delle emissioni di gas a effetto serra (da ultimo, con l’approvazione della Direttiva UE denominata RED II)".

"La legge, inoltre - prosegue Colonna - si pone perfettamente in linea con la condivisibile prospettiva di governo tracciata a più riprese dal Presidente Michele Emiliano e dal governo regionale, ad esempio con l’aggiornamento del PEAR che punta ad un’economia di transizione a basso utilizzo di carbone, con l’obiettivo della progressiva sostituzione dei combustibili fossili con quelli a zero emissioni, recando così benefici alla salute dei cittadini e all’ambiente, senza pregiudicare, ma consolidando e rafforzando, il percorso di crescita dell’economia pugliese".

"Con la legge approvata, la Puglia è in grado ora di aggiornare il quadro normativo di riferimento, assumendo come strada maestra quella della progressiva riduzione della dipendenza dai combustibili fossili, dell’adozione di tecnologie di “frontiera” capaci di consolidare la leadership della Puglia nella produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile e della riduzione degli impatti negativi sul territorio.

Parco eolico Cristalandia Enel

Nello specifico, la legge prevede diversi interventi.

Con riferimento alla promozione di una economia basata sull’idrogeno (prima parte della legge), si prevede:

• la definizione di un Piano Regionale dell’Idrogeno;

• la costituzione di un Osservatorio per monitorare l’efficacia delle politiche attivate per la promozione dell’utilizzo dell’idrogeno;

• azioni finalizzate alla realizzazione di impianti cogenerativi alimentati ad idrogeno per la produzione di energia elettrica e calore al servizio di edifici pubblici e privati, nonché di impianti per la produzione di metano tramite la reazione fra idrogeno e anidride carbonica;

• misure per la realizzazione di impianti, anche sperimentali, di produzione e distribuzione di idrogeno, combustibili e carburanti rinnovabili;

• la promozione del rinnovo del parco rotabile, su gomma e su ferro, del servizio di trasporto pubblico con il ricorso a mezzi dotati di celle a combustibile alimentate a idrogeno;

Eolico offshore6

• l’esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo per gli autoveicoli alimentati a idrogeno;

• misure di sostegno per la ricerca applicata sull’idrogeno come vettore energetico per la mobilità sostenibile e forma di accumulo di energia, favorendo partnership tra Università, centri di ricerca pubblici e privati, imprese;

• la promozione della generazione diffusa dell’energia da fonte rinnovabile e della partecipazione attiva dei cittadini al mercato dell’energia, sia individualmente che in forma aggregata, ad esempio con la creazione di comunità locali dell’energia organizzate nella forma delle “cooperative di comunità” di cui alla legge regionale n. 23/2014 e perfettamente in linea con la Direttiva RED II.

Ingrid eolico TROIA

Sul fronte, invece, dell’ammodernamento degli impianti esistenti, regolarmente autorizzati, eolici e fotovoltaici, la legge:

• definisce, in materia di valutazione degli impatti ambientali degli interventi di ammodernamento degli impianti esistenti, condizioni e criteri per la “valutazione preliminare” (procedimento recentemente introdotto dal legislatore nazionale), favorendo quei progetti che propongono riduzioni significative del numero di aerogeneratori (almeno il 50%) con una sensibile riduzione del c.d. “effetto selva” e, nel caso di impianti fotovoltaici, del suolo occupato, assieme a misure di compensazione di carattere ambientale in favore dei comuni nei cui territori ricadono gli impianti;

• definisce con chiarezza quando i menzionati interventi siano classificabili come modifiche sostanziali o come modifiche non sostanziali, definendo i relativi procedimenti;

eolico4

• individua i procedimenti amministrativi per il rinnovo dell’autorizzazione all’esercizio degli impianti esistenti e le relative condizioni (ammodernamento tecnologico, riduzione significativa delle dimensioni degli impianti, garanzie per il ripristino dello stato dei luoghi);

• fornisce i criteri per la determinazione delle misure di compensazione a carattere ambientale in favore dei comuni nei cui territori sono localizzati gli impianti interessati dagli interventi di ammodernamento (ad esempio: efficientamento energetico di edifici comunali, acquisto di flotte autoveicoli a zero o basse emissioni, piste pedo-ciclabili, costituzione di comunità locali dell’energia, ecc.);

• promuove iniziative del governo regionale finalizzate alla delocalizzazione di impianti esistenti ubicati in zone agricole o in aree inidonee ai sensi di un regolamento regionale del 2010 e del PPTR (con contestuale dismissione degli stessi e ripristino dello stato dei luoghi) in aree industriali dismesse, cave esaurite, siti inquinati".

consiglio regionale2015

"Sono davvero molto soddisfatto - sottolinea Colonna - per il voto favorevole ottenuto, giunto a valle di un lungo e complesso lavoro di elaborazione del testo, che si è arricchito, nel corso del suo iter, dei preziosi spunti, tradotti in emendamenti, forniti dai colleghi consiglieri, da numerosi rappresentanti di organizzazioni del mondo sociale, accademico ed economico e dai Dipartimenti regionali “Sviluppo economico”, in particolare dalla Sezione “Infrastrutture energetiche e digitali”, e “Ambiente”, che ringrazio. Sono particolarmente grato, altresì, al Presidente Emiliano e alla Giunta, in particolare agli assessori Borraccino e Stea, per il sostegno all’iniziativa legislativa nonché a tutti i Colleghi consiglieri che hanno consentito l’approvazione della legge".

"Ripensare il modello di sviluppo, orientarlo nel segno della ricerca applicata, innovazione tecnologica, sostenibilità ambientale, condivisione di risorse e processi produttivi, rappresenta un’urgenza che deve essere avvertita a tutti i livelli di governo. La Puglia - conclude Colonna - è nelle condizioni di porsi all’avanguardia nell’ambito di questa strategia, sia a livello nazionale che europeo”.

M5S Puglia

Di tutt'altro avviso sul fronte Movimento 5 Stelle: “È stata approvata una legge che nella sostanza rappresenta una sanatoria per tutti quegli impianti che insistono in aree di particolare pregio paesaggistico e a vocazione agricola”, dichiara il consigliere del M5S Cristian Casili.

“La Puglia - ribadisce Casili -  è stata una delle prime regioni coinvolte dal rapido sviluppo degli impianti eolici e fotovoltaici, che sono stati spesso disseminati in aree agricole e zone rilevanti dal punto di vista paesaggistico. In particolare, in provincia di Foggia si registra un imponente apporto in termini di produzione di energia eolica rispetto al contesto regionale e nazionale, che ha provocato nel tempo elevati impatti ambientali e paesaggistici".

Casili M5S

"Auspicavamo una netta discontinuità tra la precedente Giunta Vendola e la Giunta Emiliano - precisa Casili - invece con la legge si prorogano autorizzazioni per impianti collocati in aree non idonee ai sensi del PPTR e del R.R. 24/2010, che nel 2020 avrebbero finito il loro ciclo di vita. L’unica soluzione possibile è la dismissione, invece la proposta di Colonna introduce una sorta di sanatoria, delegando la Giunta ad aggiornare il regolamento e il PPTR prevedendo l’ammodernamento degli impianti esistenti nelle aree non idonee a patto di ridimensionarli".

eolico candela8

"Con i nostri emendamenti - conclude Casili - avevamo proposto in modo esplicito che per gli impianti localizzati in tali aree non potessero applicarsi interventi di ammodernamento, ma fossero previsti unicamente la dismissione e il ripristino dello stato dei luoghi, mettendo fine alla deturpazione del paesaggio. Così non è stato e in spregio al PPTR, al PEAR e al R.R. 24/2010 il consigliere Colonna, con la complicità di tutta la Giunta, è riuscito a far approvare una legge fortemente speculativa. Non si può continuare a pensare agli interessi delle lobbies, non tenendo conto del bene più importante per la collettività: il paesaggio pugliese”.

(gelormini@affaritaliani.it)

------------------------ 

Pubblicato sul tema: Colonna: "Pretestuose e fuorvianti le polemiche di alcuni consiglieri del M5S"

Commenti
    Tags:
    legge promozione utilizzo idrogeno m5s attaccacristian casilienzo colonnapuglia regiona
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Il Golden Power e i rapporti Roma-Pechino. Una dura prova per l'atlantismo
    di Mario Angiolillo
    Morte Camilleri, è lutto nazionale. Ma gli avvoltoi cinici la strumentalizzano
    di Diego Fusaro
    AIPB. L’Associazione Italiana Private Banking rinnova le Commissioni Tecniche
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.