A- A+
PugliaItalia
Stefàno, Fitto e Romano su caporalato e attività di governo

“Il ministro dell’Agricoltura Centinaio ha scoperto solo ora l’esistenza di una brutta piaga sociale ed economica come il Caporalato. Se mi è permessa una battuta: ha fatto la scoperta dell’acqua calda”. Così il senatore Dario Stefàno (Pd) in relazione alle reazioni del ministro della Lega sui fatti di Foggia.

Dario Stefàno

“E’ servito l’ennesimo, drammatico e terribile incidente per attirare l’attenzione della Lega che però - ricorda Stefàno - votò contro la Legge sul Caporalato nella scorsa legislatura nonostante ci sia da sempre un urgente bisogno di strumenti di contrasto ad un fenomeno che sta diventando sempre più infimo e si infiltra ormai in altri settori come quello dei trasporti o dell’edilizia o dei servizi e presente su tutto il territorio nazionale”. 

“Anche su questo tema si consuma l’ambiguità del Governo del Cambiamento: tanta propaganda e poche idee chiare. Per il Premier Conte serve un rafforzamento degli strumenti di controllo e di prevenzione, Di Maio propone un concorso straordinario per ispettori del lavoro, Salvini invece vuole chiudere i ghetti come se il problema nascesse là dentro e non altrove, Centinaio scarica la responsabilità in maniera semplicistica tutta sugli imprenditori e bolla come “spottone” del Governo Pd la legge di contrasto al caporalato salvo poi non trovare nessun punto debole nell’impianto normativo, che risulta, ad oggi, l’unico strumento utile attivo. Ci sta forse dicendo che non l'ha mai letta?”.

“Mi permetto - conclude Stefàno - di suggerire, intanto, alla maggioranza di far applicare a dovere la legge vigente e poi di attrezzarsi per il governo del Paese. La fase della campagna elettorale è conclusa da un pezzo”.

Fitto UE

Il presidente di Noi con l'Italia, Raffaele Fitto, allarga all’attività del governo il suo commento: “Il premier Conte rassicura: la manovra sarà seria. E meno male, perché di serio finora si è visto davvero poco. La Tap? Strategica o inutile a seconda del ministro intervistato. La Tav? Oggi Conte ha detto che deciderà il Governo. Come? E la base democratica??”

“E poi L'Ilva? - incalza Fitto - Oggi Di Maio ha inviato tutti gli atti all'Avvocatura di Stato per annullare eventualmente la gara. Prosegue la telenovela ..... I vaccini? Sempre Conte oggi ci informa che a suo figlio li ha fatti fare tutti, come dire seguite il mio esempio e non le mie leggi. Il Decreto di Dignità oggi in Toscana ha fatto già registrare un centinaio di non rinnovi di contratto di lavoro”.

Romano Pino

Altrettanto risoluto l’intervento del Presidente della Commissione Sanità della Regione Puglia, Pino Romano, all’indomani dell’ennesima strage che ha visto tra le vittime tanti braccianti extracomunitari.

“Qualche foto scattata nelle corsie degli ospedali non può bastare a tacitare la coscienza di chi governa questo Paese. Il Presidente del Consiglio Conte e il Ministro Salvini hanno gli strumenti per porre un argine allo sfruttamento del lavoro e quindi non ci sono alibi sui ritardi che si continuano ad accumulare”.

 “Troppo semplice gridare allo scandalo - aggiunge Romano - e poi continuare a legittimare forme disumane di sfruttamento del lavoro. Il Ministro dell’Interno Salvini, in particolare, continua a urlare slogan razzisti per stigmatizzare la presenza di tanti extracomunitari nel nostro Paese. Poi, però, non ordina ai ‘suoi’ Prefetti di intervenire nei luoghi in cui questa povera gente che arriva dai paesi della disperazione viene ammassata peggio delle bestie per produrre reddito nelle campagne”.

marcia dei berretti rossi ape 8

“La realtà è che gli immigrati sfruttati per tre euro all’ora nei campi fanno comodo a tutti - sottolinea Romano - e quindi anche il Governo fa finta di non vedere. Dove sono le forze dell’ordine? Perché si ignorano degli accampamenti da terzo mondo privi di acqua, di servizi igienici e quindi con condizioni igienico-sanitarie da terzo mondo? Come mai dalle Prefetture non vengono ordinate le immediate demolizioni di questi campi? E dove sono gli ispettori del lavoro che dovrebbero controllare e sanzionare le aziende agricole che sfruttano i lavoratori di colore in questo modo ignobile?

“La realtà - conclude Romano - è che le urla razziste di Salvini servono unicamente a ghettizzare ancora di più gli extracomunitari presenti nel nostro paese, a farli vivere nel sommerso, a farli divenire preda facile per sfruttatori del lavoro nero. Anzi, nerissimo. Voglio fare un solo esempio: quando lo Stato decise, nel 2000, di cancellare il contrabbando di sigarette, l’allora ministro dell’Interno Bianco diede vita all’operazione Primavera. Fu passata al setaccio e bonificata la Puglia, con arresti, sequestri di mezzi, immobili e attività imprenditoriali. Oggi potrebbe accadere la stessa cosa, cancellando in un solo colpo lo sfruttamento del lavoro in Puglia e restituendo legalità e dignità ai lavoratori, siano essi italiani o extracomunitari. Basta volerlo. Ma forse il punto è proprio questo”.

(gelormini@affaritaliani.it)

--------------------------- 

Pubblicato sul tema: Foggia, lo sciopero 'dignitoso' e partecipato dei Berretti Rossi

Tags:
dario stefànopino romanoraffaele fittocaporalato governo commentimatteo salvinigiuseppe conteluigi di maio

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Premiato alla Bocconi il Gruppo italiano Epta, leader nella refrigerazione
di Paolo Brambilla - Trendiest
Il Nord che teme la meridionalizzazione del Paese
di Ernesto Vergani
La comunicazione nel canto e del corpo: 3 cose da sapere
di Giancarlo Genise
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.