A- A+
PugliaItalia
Tribunali soppressi, la Cassazione ammette i tre quesiti referendari

La Cassazione ha dichiarato ammissibili i tre quesiti per il nuovo referendum nazionale chiesto da cinque Consigli regionali, tra i quali la Puglia, contro il taglio dei tribunali in provincia. Ora la parola passa ancora una volta alla Corte Costituzionale, che dovrà decidere se i cittadini saranno chiamati alle urne per dichiararsi sul SI’ o NO alla cancellazione delle norme che hanno soppressive (legge statale 148/2011 e dei decreti legislativi 155 e 156 del 2012).

Come si ricorderà, a gennaio del 2014 la Consulta aveva bocciato una prima richiesta referendaria, dopo il sì Cassazione, ma la “battaglia del Consiglio della Puglia per difendere i tribunali minori non si è fermata - dichiara Onofrio Introna - a fine luglio sono state approvate in Aula tre altre iniziative referendarie. Siamo sempre impegnati a migliorare il sistema giudiziario e a sostenere gli operatori e gli utenti della giustizia, alle prese con spese maggiori e disagi dopo la cancellazione di sedi nel territorio provinciale, ispirate da esigenze di spending review che hanno ottenuto l’effetto contrario di aggravare i costi anzichè contenerli”.

introna calre
 

L’Ufficio Centrale per il Referendum della Corte Suprema di Cassazione ha dichiarato conformi le richieste presentate dai Consigli regionali di Abruzzo, Basilicata, Campania, Puglia  e Sicilia, ai sensi dell’art.75 della Costituzione.

Il primo quesito referendario chiede l’abrogazione delle “disposizioni relative alla soppressione di trenta tribunali ordinari, delle corrispondenti Procure della Repubblica, nonché di duecentoventi sezioni distaccate di tribunali ordinari. Il secondo: l’abrogazione delle “disposizioni relative alla soppressione di trenta tribunali ordinari e delle corrispondenti Procure della Repubblica”. Il terzo: l’abrogazione delle disposizioni relative alla soppressione dl trenta tribunali ordinari e delle corrispondenti Procure della Repubblica, nonché l’eliminazione della mancata previsione nell’ordinamento giudiziario dei circondari dei tribunali soppressi”.

Le ordinanze sono in via di notifica ufficiale ai consiglieri regionali delegati.

Marmo sciancalepore
 

“Sono soddisfatto per la dichiarazione di ammissibilità della Corte di Cassazione dei tre quesiti referendari contro il taglio dei tribunali. Era quello che auspicavo, quando li ho depositati presso la Suprema Corte per la Puglia. La nostra Regione vive una lotta quotidiana per la legalità e i presidi dello Stato sul territorio concorrono a sostenere le ragioni della comunità contro ogni episodio che ne mini la serena convivenza”. Ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio regionale, Nino Marmo.

“La spending review – aggiunge - così come delineata nei decreti 155 e 156 del 2012, provocherebbe solo grandi disagi a tutti gli operatori della giustizia ma anche ai cittadini dei Comuni periferici, costretti a fare molti chilometri per poter accedere ai servizi”.

“Questo è certamente un primo passo – conclude Marmo - ed auspico che il referendum abrogativo venga indetto e nel più breve tempo possibile, per scongiurare la cancellazione di importanti sedi territoriali”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
referendumcassazionetribunalisoppressi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Le malattie mitocondriali al Mito Day
di Mariella Colonna
La sinistra si è venduta al capitale. E con Zingaretti non cambia nulla
di Diego Fusaro
Germania, impazza l'ultradestra: AFD supera i socialisti e Angela Merkel trema
di Marco Zonetti
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.