A- A+
PugliaItalia
ZES pugliesi, Borraccino (SI/LeU) auspica partenze parallele

Il consigliere regionale di Sinistra Italiana/Liberi E Uguali Mino Borraccino in una nota diffusa lamenta i tempi diversi di partenza per le ZES pugliesi: "Assistiamo alla solita storia: a parole si lavora per Taranto, ma nei fatti si operano nei confronti della città ionica delle gravi  penalizzazioni. Nella audizione in Commissione Attività produttive, cui ho partecipato, ho chiesto innanzitutto che le ZES pugliesi partano insieme. Quindi che il provvedimento prima che arrivi in Giunta, per la sua approvazione definitiva, passi dalla Commissione per rendere partecipi i consiglieri regionali, anche in virtù della sempre sbandierata, ma poco attuata dal presidente Emiliano e dalla sua Giunta, partecipazione". 

borraccino cosimo

"Dopo un anno e un mese, dal varo del provvedimento del Governo Gentiloni - sottolinea Borraccino - della ZES per Taranto, ci ritroviamo purtroppo ancora in alto mare. Infatti, oggi in Commissione Attività produttive, il Capo dipartimento Laforgia ha precisato che la ZES Adriatica è pronta per partire tra pochissime settimane, invece quella tarantina dovrà aspettare il parere del Consiglio regionale della Basilicata, poichè questa ZES è interregionale. Questo aspetto purtroppo rischia di avere delle ricadute negative per  la città di Taranto, a causa dei problemi che probabilmente si verranno a creare  per i noti fatti che stanno interessando il Presidente della Giunta regionale lucana". 

ZES2

"A nostro avviso però - prosegue il consigliere SI/LeU - non é affatto concepibile far partire la ZES adriatica e lasciare  invece indietro quella jonica, la più bisognosa di attenzioni,  che rischia addirittura  di dover aspettare ancora molto tempo. Nel mio intervento ho  chiesto un atto politico, al Vice  Presidente della Giunta Nunziante, ovvero di accelerare al massimo l’iter per la ZES jonica e quindi e di far partire insieme le due ZES. Vero è che i fondi messi a disposizione per le ZES, dal Governo nazionale, sono irrisori, ma anche quel piccolo vantaggio, derivante dalla semplificazione amministrativa che riceveranno gli imprenditori che fanno nuovi investimenti nelle ZES, non può partire in tempi differenti". 

zes TA

"Ancora una volta, l'ennesima, rischiamo di assistere ad una penalizzazione di Taranto, anche con delle scelte, per quanto riguarda la localizzazione delle zone inserite nella ZES, non discusse in Consiglio.Per questi motivi - conclude Borraccino - ho espresso tutte le personali forti criticità, esternando disappunto per il modus operandi adottato. Continueremo a vigilare e a stimolare positivamente per i nostri territori. Intanto, che dire... un film già visto!"

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
mino borraccinozes pugliesi patenze taranto adriatica parallele sinistra italiana leu

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Fondi Lega, Salvini dica chi ha ritirato la costituzione di parte civile
di Marco Marturano
Vitalizi, Fini rischia 30 anni ma ha ancora ufficio a Montecitorio e scorta
di Angelo Maria Perrino
L'Fmi boccia l'Italia? E' una buona notizia. Ma Repubblica lancia l'allarme
di Diego Fusaro
i più visti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.