A- A+
Roma
Agricoltura Lazio, il bio raddoppia, la chimica dimezza. Mangiare bene si può

di Claudio Roma

C'era una volta l'Arsial, l'Agenzia bancomat della Regione Lazio dove chiedere una cena gratis nell'enoteca di via Frattina o un contributo per una delle sagre dei paesi del Lazio che animava il ferragosto a suon di mangiate bibliche. Dopo una cura ferrea, la cenerentola regionale torna a sorridere: ora ha i conti in ordine.

 

L'Arsial che verrà è stata riassunta dal presidente Antonio Rosati nel corso di un'audiizione in Commissione agricoltura e ambiente, presso il Consiglio regionale. Ha spiegato Rosati chiedendo di fatto un nuovo mandato: “La sfida per giustificare la presenza di un’agenzia l’abbiamo vinta. Finita la fase del risanamento, se il Consiglio e l’assessorato lo vorranno, siamo pronti per qualche altro compito in modo da potere fare più sistema”.

Nel merito delle attività Rosati ha aggiunto: “La funzione dell’Agenzia è quella di essere strumento operativo della Regione a supporto dell’agricoltura del Lazio, ha aggiunto il presidente di Arsial. Oggi la sua struttura è stata notevolmente ridimensionata rispetto al passato, il suo bilancio è stato risanato, una serie di attività ‘improprie’ sono state chiuse o trasferite ad altri enti. Tra queste, la gestione degli acquedotti, che in base ad un protocollo sottoscritto tra le parti passa ad Acea. La gestione del patrimonio e l’attività di promozione dei prodotti agroalimentari del Lazio rimangono tuttavia, insieme all’assistenza tecnica, le principali funzioni di Arsial”.

Quindi gli occhi verso il futuro: “La nostra sfida è divulgare i prodotti migliori. Il mercato del biologico raddoppia il fatturato, c’è un’enorme domanda di prodotti con meno chimica, le aziende lo hanno capito ed ecco la scommessa da giocare affinché si possano divulgare le scoperte e il lavoro. Mi piacerebbe avere più risorse per fare più borse di studio”.

Nel Lazio tutti pazzi per la scuola alberghiera

“Abbiamo messo in rete il sistema alberghiero – ha continuato Rosati – Oggi le scuole alberghiere sono in overbooking perché le famiglie e i ragazzi hanno capito che il cibo italiano e l’agricoltura tirano e offrono tante prospettive di lavoro. Ma si può pensare anche a un miglior ‘sfruttamento’ delle aree verdi, compatibilmente con la loro preservazione: I grandi boschi e le aree verdi in Svezia e Germania sono preservati ma sono anche un fattore di sviluppo dell’economia. Abbiamo 300 ettari che ci vengono in eredità nel Comune di Viterbo che abbiamo risistemato e oggi i cittadini di Viterbo e provincia possono andare lì e usufruirne ma penso, sempre per l’assillo del lavoro ai giovani, che se lì facessimo un bando potremmo creare una decina di posti di lavoro e un punto di ristoro”.

Il nodo della cassa

L'appello del presidente: “Le idee e le proposte possono essere tante, ma occorre fare i conti con risorse più che dimezzate rispetto a una ventina di anni fa e con pochi fondi destinabili ai progetti: Oggi i fondi per il funzionamento sono di 14,2 milioni – e nel prossimo biennio arriveranno a 11, come ha puntualizzato il direttore generale Stefano Sbaffi – ma 8,5 di questi sono dedicati alle spese di personale, di manutenzione, quelle vive, quelle obbligatorie e le tasse sul patrimonio. Quindi la parte da destinare alle attività si riduce a circa 5 milioni. Emilia Romagna, Toscana, Veneto hanno almeno il triplo dei fondi, per non parlare della Sicilia”.

Di qui la richiesta, avanzata da Rosati, di rimettere mano alla legge vigente sulla dismissione del patrimonio, in modo da riservare una parte almeno degli introiti, attualmente destinati alla Regione, per il finanziamento di attività dell’agenzia, compresa la manutenzione degli immobili.

E infine un accenno all’uso della terra, vista come “valore d’uso anziché di scambio”. Con un riferimento esplicito alla valorizzazione della tenuta di Castel Di Guido, di proprietà della Regione. “Se andremo avanti col bando per l’affidamento in affitto, e non in vendita, avremo gli occhi addosso di tutta Europa – ha concluso Rosati – perché Castel Di Guido, con i suoi duemila ettari, può significare tante cose alle porte di Roma e sarebbe una valvola ambientale straordinaria”.

Commenti
    Tags:
    agricolturalaziobiologicosaluteciboantonio rosatiarsialroma
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rifiuti, A2A brucia Acea: inceneritore vista Capalbio, esplode rivolta local

    Rifiuti, A2A brucia Acea: inceneritore vista Capalbio, esplode rivolta local

    i più visti
    i blog di affari
    Michela Golia. "Storie di una bambina precoce". Casa Editrice Albatros il Filo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    La geopolitica di Macron, Brexit il kick-off all'autonomia strategica UE
    di Bepi Pezzulli
    CHI HA TEMPO NON ASPETTI TEMPO
    di Angelo Andriulo

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.