A- A+
Roma

"La tassa ci ammazza, per questo siamo in piazza". Per la prima volta nella storia manifestano gli albergatori di Roma, contro l'aumento della tassa di soggiorno per gli hotel annunciato dal sindaco Ignazio Marino. Circa 150 i manifestanti tra Federalberghi Roma, Faita (turismo all'aria aperta) Albaa (b&b e affittacamere) Fiavet (agenzie di viaggi) Fipe (pubblici esercizi) Sib (balneari) e Confesercenti-Assohotel.
"Roma Capitale non farti del male", "Il turismo è una ricchezza, difendiamolo!", "No all'aumento della tassa sul turismo" i messaggi lanciati dagli striscioni in piazza SS. Apostoli, insieme alle bandiere delle associazioni.  "La tassa ci manderebbe in fuorigioco - denuncia il presidente di Federalberghi Roma Giuseppe Roscioli - alzarla fino a 5, addirittura 10 euro al giorno sarebbe pericoloso per la Capitale". I soldi necessari per il bilancio capitolino, suggerisce Roscioli, "andrebbero presi da iniziative alternative come l'aumento del prezzo dei musei Capitolini o una diversa gestione dell'ingresso al Colosseo: perché per la Torre di Londra si pagano 26 euro e per l'anfiteatro solo 10?".
In più, il presidente propone a Marino e all'assessore al Commercio Marta Leonori di "riportare nella legalità i fenomeni abusivi, recuperando altre risorse". L'appello è condiviso dal presidente di Albaa Federico Traldi: "Nell'extra alberghiero, tra B&B e case vacanza abbiamo circa 5.000 strutture in regola, che producono 1 milione di euro l'anno di entrate, e quasi altrettante “sommerse”, che intascano la tassa senza versarla". Aumentare le tasse del 50%, da 2 a 3 euro, "sarebbe uno tsunami: le famiglie non sceglierebbero più Roma ma un'altra capitale come Londra, dove non c'è la tassa". Per Traldi bisognerebbe fare come a New York, con la City Tax sugli scontrini: "Riguarderebbe tutti i turisti, non solo quelli che pernottano e aumenterebbe le entrate con una piccola sovrattassa. Così si potrebbe abbassare la Tasi".
Facendo il bilancio del sit in degli albergatori capitolini a piazza SS. Apostoli, Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi Roma, non esclude una risposta decisa all'aumento della tassa di soggiorno annunciato dal sindaco Ignazio Marino, paventando addirittura la chiusuera degli alberghi. Un'ipotesi poco prima avanzata anche da Valter Giammaria, presidente di Confesercenti Roma: "Visto che il sindaco nemmeno ci chiama, siamo pronti a manifestare ancora più forte. Vogliamo che si discuta l'aumento in Consiglio e i gruppi politici si oppongano al provvedimento. Anche perché i soldi della tassa andavano reinvestiti". Il sit in si è concluso così, con l'attesa da parte dei manifestanti "in giacca e cravatta" di risposte dall'amministrazione comunale.

Tags:
tassa di soggiornohotel romahotelturismoroscioli





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Al cimitero di Roma solo fiori di plastica. Non c'è l'acqua per quelli veri

Al cimitero di Roma solo fiori di plastica. Non c'è l'acqua per quelli veri

i più visti
i blog di affari
Intervista a Maria Grazia Calandrone. “Siamo un impasto di bene e di male”
di Ernesto Vergani
Ricatti online a sfondo sessuale, gli hacker guadagnano 15mila euro al mese
di Nicola Bernardi
Salvini Renzi confronto TV, macché boxe. Un noioso minuetto con Vespa regista
di Maurizio de Caro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.