A- A+
Roma
Aldo Moro “liberato” dalla sua prigione. Le foto “segrete” di Riccardi

di Patrizio J. Macci

Carlo Riccardi fotografo romano apre lo scrigno e mette in mostra fotografie di Aldo Moro lontane dal cliché del Moro prigioniero.

Il fotografo, oggi novantaduenne ha documentato 70 anni di storia del nostro paese. È stato il primo paparazzo della Dolce Vita, attraverso i suoi scatti ha descritto e accompagnato divi, politici, papi, ma anche gente comune attraverso oltre mezzo secolo di storia, raccogliendo il suo lavoro in un immenso archivio di oltre quattro milioni di fotografie.

Ha immortalato eventi di cronaca nera presenti nei manuali di storia. Ora apre lo scrigno dei suoi tesori per il quarantennale del Sequestro Moro. L’occasione è la mostra che si apre il 18 aprile 2018 allo Stadio di Domiziano in via di Tor Sanguigna 3 alle ore 18 “Aldo Moro, memoria, politica, democrazia”.

Insieme al figlio Maurizio e a Maurizio Piccirilli (autore delle foto del corpo di Moro nella Renault 4 il 9 maggio 1978) e a Giovanni Currado che si è occupato di contestualizzare le immagini e di collocarle nella prospettiva storica più idonea, hanno interrogato e fatto parlare oltre ai ricordi personali di quei drammatici cinquantacinque giorni uomini politici, giornalisti, gente comune.La scelta degli scatti è sostenuta dall’idea di superare il clichè del “Moro prigioniero” e dei fatti di via Fani, di ripercorrere la carriera politica e la vita del Presidente della Democrazia Cristiana.

Il restauro e la digitalizzazione degli scatti mostrano Moro e gli uomini della sua scorta (il Maresciallo Leonardi, “l’Ombra di Moro” onnipresente), Moro tra la gente. Il politico pugliese che riflette nella sua caratteristica postura levantina. Comizi, incontri nelle sezioni di partito, consultazioni con colleghi di partito che lo vedono combattivo e sorridente, concentrato o impacciato, per ricordare l’uomo e non la vittima.

Immagini oramai riposte negli archivi dei ricordi personali di chi ha vissuto anni che si allontanano sempre di più, sepolte dai due scatti delle Polaroid dei terroristi delle Brigate Rosse che suscitarono uno shock comunicativo. Le foto dell’Archivio Riccardi restituiscono Aldo Moro a una nuova luce. Moro vivo liberato dalla sua prigione.

Tags:
aldo morocaso morocarlo riccardifotografo riccardimostra morosequestro moro



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

M5S, l'attacco della base: “In parlamento miracolati e mediocri senza cultura”

M5S, l'attacco della base: “In parlamento miracolati e mediocri senza cultura”

i più visti
i blog di affari
Cresce l’Automotive per le aziende, il noleggio lungo termine è in testa alle
di Elena Vertignano
Migranti, Papa Francesco e il Vangelo secondo Soros
di Diego Fusaro
Strasburgo, vittime e carnefici nell'Europa dei sensi di colpa
di Maurizio de Caro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.