A- A+
Roma
Alemanno legge Guccini. E l'ex sindaco riscopre anche Che Guevara: “Un mito”

di Massimiliano Martinelli

Gianni Alemanno sfida Guccini. L'Avvelenata, Dio è Morto e Che Guevara, l'ex sindaco di Roma legge i testi “sacri” della cultura anarchica e di sinistra, in un paradossale e divertente omaggio al cantautore e poeta romagnolo.

 

Uno sgabello, buon cibo e una lettura a metà tra arte e provocazione. Al Titta al 162 è andato in scena nella serata di lunedì 23 aprile il primo “Monday reading” del piccolo ristorante di San Giovanni, un evento speciale, sulla falsa riga di una serata futurista o dadaista, in cui il gusto per il surreale sposa quello per i prodotti dell'Agro Romano e del Lazio, conservati e trattati nel rispetto della natura. Ospite l'ex sindaco di Roma Gianni Alemanno, segretario del Movimento Nazionale per la Sovranità, alla prese con tre brani tra i più iconici di Guccini; “L'avvelenata”, “Dio è morto” e “Che Guevara”.

Al fianco di Alemanno Giovanni D'Andrea, attore abruzzese che svolge con leggerezza e simpatia il ruolo di spalla e di supporto per tutto il tempo dello spettacolo. Un'iniziativa nata per sensibilizzare il pubblico alla lettura, qualunque essa sia, attraverso l'associazione tra personaggi noti e testi improbabili. Proprio come quella tra Gianni Alemanno e Francesco Guccini: “Non bisogna scandalizzarsi – assicura l'ex sindaco di Roma – i grandi artisti appartengono a tutti, non solo alla destra o solo alla sinistra”.

Si parte con un classico intramontabile come L'avvelenata, rispetto al quale Alemanno non si dimostra del tutto estraneo, anzi: “Ho rispetto per un grande poeta, che, di nascosto – ammette Alemanno – cantavamo anche noi. Quali canzoni? Ad esempio 'Dio è morto', ascoltato molte volte tra Nomadi e Guccini”. Ed ecco proprio il turno di “Dio è morto”. E se l'ex sindaco se la cava bene con lo studio e l'esegesi del tasto, meno brillante è l'esibizione canora. Un divertente fuori programma che comunque strappa qualche risata ed applauso ad un pubblico divertito.

La grande chiusura è Che Guevara, che Alemanno rivela essere stato a lungo un mito per tutti gli aspiranti rivoluzionari. L'ex sindaco di Roma racconta infatti come il “Che” fosse ricorrente anche ne circoli della destra, che, anche nel periodo degli scontri più duri con la sinistra, ne apprezzava il coraggio e la figura eroica. Un nodo in gola, un crampo allo stomaco forse, al momento di pronunciare: “Forza compagni allerta, bisogna andare avanti”. Ma anche questa performance termina tra gli applausi di incoraggiamento del pubblico. Tra crostini, olive ascolane e mezze maniche all'amatriciana, la serata vola e si chiude il “Monday reading” di Titta al 162.

Nel complesso un vero e proprio successo, che inaugura ed apre un ciclo di appuntamenti imperdibili con personaggi della politica e dello spettacolo capitolino. E se al vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio verrà chiesto di cimentarsi con le poesie di Ezra Pound, ecco che invece il leader di Energie per l'Italia, e candidato presidente alle ultime regionali, Stefano Parisi si confronterà con la lettura del Manuale delle Giovani Marmotte. Si alza così ufficialmente il sipario sul cabaret Voltaire romano; nasce il “Monday reading” del Titta al 162, un format originale e con pochissimi precedenti pronto a sconvolgere, in cucina come sul palco, il lunedì sera della Capitale.

Tags:
alemannogucciniche guevarasinistradestratitta al 162romasan giovannispettacolo




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Atac: troppi dipendenti, super pagati e assenteisti L'analisi choc di Wired

Atac: troppi dipendenti, super pagati e assenteisti L'analisi choc di Wired

i più visti
i blog di affari
Hillary Clinton si ricandida alla Casa Bianca: l'ambizione smodata crea mostri
di Marco Zonetti
A Milano rinasce Trattoria Toscana-Elite, multiforme salotto dell'arte
di Paolo Brambilla - Trendiest
La sostenibilità condizione per accesso al cibo nei Paesi poveri

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.