A- A+
Roma

di Alberto Berlini

Non va al lavoro perché in malattia, peccato che compaia in una foto sui social mentre nello stesso giorno è al mare: anche così, per un “tag” di troppo sulla Rete si può perdere il lavoro. O a volte anche l'amore: “Chi è nella foto con te?”. Casi all'ordine del giorno che mettono in evidenza il rischio di uso indiscriminato dell'accoppiata telefonino più social, ma attenzione a cosa si condivide sul web, potreste rischiare di dover pagare i danni.
"Pensiamo a quante volte fotografie o video che ci ritraggono vengono esposte a nostra insaputa o senza che nessuno ci chieda il permesso – spiega ad Affaritaliani.it Emanuela Astolfi, presidente dell'associazione Avvocato del Cittadino - La leggerezza con cui frequentemente si pubblicano o mostrano immagini di altri soggetti crea spesso danni all’onore, alla reputazione o ancora alla vita privata delle persone”.
Avvocato, proviamo a fare chiarezza su un tema tanto più delicato quanto attuale.
“Il diritto all’immagine si basa sul consenso che può essere sempre revocabile”.
In poche parole se le scatto una foto e la pubblico su Facebook lei mi può chiedere in qualsiasi momento di rimuoverla...
“E lei è obbligato a farlo. Tutto ruota intorno al consenso alla pubblicazione della propria foto: quello dell'immagine è un diritto primario della persona e nessuno può esporre il ritratto di un altro soggetto senza essere autorizzato dalla stesso, a meno che non si tratti di persone note o di fatti che siano in relazione con determinati accadimenti, come un evento pubblico ad esempio. Sul web, dove le regole spesso mancano o vengono disattese con eccessiva leggerezza, sono in continua crescita le violazioni ed i reati commessi attraverso i social network”.
Quindi, quando sono ravvisabile gli estremi per un illecito?
“Innanzitutto quando ad una precisa richiesta di rimozione della propria immagine non segue l'immediata cancellazione della fotografia. Inoltre ogni qualvolta ci sia una lesione di un diritto e dunque la produzione di un danno ingiusto è possibile richiedere un risarcimento”.
Ecco, chiariamo questo aspetto...
“Mettiamo il caso che la pubblicazione della foto produca un danno... Ecco, in questo caso si può agire per chiedere il risarcimento del danno patrimoniale, qualora sia comprovabile, e non patrimoniale. Anche per il semplice “patema d'animo” legato alla diffusione di una immagine che può ledere la nostra dignità, magari legato ad un commento denigratorio o lesivo dell'onore”.
Ad esempio una foto sconveniente...
“Ma anche semplicemente una foto in cui ci vediamo brutti, una foto inserita in un contesto particolare, diverso da quello originario..i casi possono essere molteplici ma, proprio in relazione al secondo esempio che ho menzionato, quello che è importante precisare è che il consenso all’esposizione della propria foto può essere anche parziale e deve essere sempre orientato ad uno scopo: se dunque autorizzo un mio amico ad appendere una mia foto nel suo negozio, non è che implicitamente acconsento all’esposizione di quella mia immagine in qualsivoglia contesto”.

Tags:
selfieavvocato del cittadinoprivacysocial network




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Stipendiopoli al Consiglio regionale. Ecco la carica degli eletti Pd

Stipendiopoli al Consiglio regionale. Ecco la carica degli eletti Pd

i più visti
i blog di affari
Al voto,con le parole di Salvini ad Affari: in Italia non c'è bisogno del caos
di Angelo Maria Perrino
“La voce Umana”: Alessandra Basile in scena al teatro “Factory 32”di Milano
di Paolo Brambilla - Trendiest
Mouse Trap Formula 1 Grand Prix di Monaco 2019: trappola per topi nel motore
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.