A- A+
Roma
Allarme frutta e verdura, nel Lazio si coltivano con medicinali illegali

Frutta e verdura coltivate nella Ragione Lazio con medicinali e prodotti vietati: è allarme “agrofarmaci”. I consiglieri Capriccioli e Bonafani tuonano: “Nella nostra regione siamo in presenza di una filiera agricola malata, illegale e pericolosa”.

 

"Quanto emerge dall'inchiesta di Marco Omizzolo e Angelo Mastrandrea, pubblicata oggi dal Venerdì di Repubblica, è gravissimo e inquietante". Così in una nota Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti, e Alessandro Capriccioli, capogruppo di +Europa Radicali presso il Consiglio regionale del Lazio.

"È la dimostrazione – continuano i consiglieri – che nella nostra regione siamo in presenza di una filiera agricola malata, illegale e pericolosa, che utilizza prodotti vietati per la produzione di frutta e verdura. Con l'aiuto di B., un bracciante che da anni lavora nei campi dell'Agro Pontino e che è riuscito a trafugare alcuni dei flaconi di fitofarmaci utilizzati dal suo "padrone", l'inchiesta ci fa conoscere il catalogo delle sostanze proibite che vengono usate nei campi della nostra regione: si va dall'Afalon, un erbicida revocato dal Ministero della Salute il 3 giugno 2017, al Cycocel, un regolatore della crescita vietato dal 2012, all'Adrop, un fitoregolatore che anticipa i tempi di maturazione di frutta e ortaggi proibito addirittura dal 2009”.

“Queste sostanze – proseguono – vengono utilizzate in spregio a qualsiasi norma di sicurezza, con operai e braccianti che sono continuamente esposti ai loro effetti: effetti che poi arrivano anche ai consumatori, che le ritrovano sulle loro tavole. Non a caso si sono registrati casi di intossicazione non solo tra i braccianti, ma anche tra chi ha acquistato i prodotti. A chiudere questa 'filiera dell'orrore' c'è un'ultima, tragica conseguenza: i flaconi e i bidoni utilizzati vengono bruciati, e i loro resti smaltiti illegalmente in discariche abusive nei campi. Tutto questo viene confermato dalle indagini e dai numerosi sequestri che i Nas di Latina hanno effettuato negli ultimi anni.Come Regione Lazio siamo da tempo impegnati in un percorso virtuoso per un'agricoltura sana, pulita e di qualità”.

“La legge sui biodistretti e quella sul caporalato approvate negli ultimi mesi in Consiglio regionale stanno a dimostrarlo – concludono Capriccioli e Bonafoni –, e certamente la loro puntuale e rigorosa applicazione non potrà che giovare a tutto il sistema. Per questo ci uniamo alla denuncia di Marco Omizzolo e Angelo Mastrandrea, e faremo tutto quanto in nostro potere per opporci in modo fattivo a questa situazione e per contribuire al suo completo approfondimento".

Commenti
    Tags:
    allarmefrutta e verdurafruttaverduraregione laziolaziomedicinaliagrofarmacibonafonicapricciolibraccianti
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Traffico da incubo, Roma meglio solo di Bogotà. E Salvini “pugnala” la Raggi

    Traffico da incubo, Roma meglio solo di Bogotà. E Salvini “pugnala” la Raggi

    i più visti
    i blog di affari
    Capodanno cinese al Just Cavalli di Milano. Sabato 26 gennaio
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Le ragioni del proporzionale contro l'emotività del taglio alle poltrone
    di Bepi Pezzulli
    Craxi vittima di un golpe giudiziario: ultimo vero baluardo della sovranità
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.