A- A+
Roma
Allarme frutta e verdura, nel Lazio si coltivano con medicinali illegali

Frutta e verdura coltivate nella Ragione Lazio con medicinali e prodotti vietati: è allarme “agrofarmaci”. I consiglieri Capriccioli e Bonafani tuonano: “Nella nostra regione siamo in presenza di una filiera agricola malata, illegale e pericolosa”.

 

"Quanto emerge dall'inchiesta di Marco Omizzolo e Angelo Mastrandrea, pubblicata oggi dal Venerdì di Repubblica, è gravissimo e inquietante". Così in una nota Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti, e Alessandro Capriccioli, capogruppo di +Europa Radicali presso il Consiglio regionale del Lazio.

"È la dimostrazione – continuano i consiglieri – che nella nostra regione siamo in presenza di una filiera agricola malata, illegale e pericolosa, che utilizza prodotti vietati per la produzione di frutta e verdura. Con l'aiuto di B., un bracciante che da anni lavora nei campi dell'Agro Pontino e che è riuscito a trafugare alcuni dei flaconi di fitofarmaci utilizzati dal suo "padrone", l'inchiesta ci fa conoscere il catalogo delle sostanze proibite che vengono usate nei campi della nostra regione: si va dall'Afalon, un erbicida revocato dal Ministero della Salute il 3 giugno 2017, al Cycocel, un regolatore della crescita vietato dal 2012, all'Adrop, un fitoregolatore che anticipa i tempi di maturazione di frutta e ortaggi proibito addirittura dal 2009”.

“Queste sostanze – proseguono – vengono utilizzate in spregio a qualsiasi norma di sicurezza, con operai e braccianti che sono continuamente esposti ai loro effetti: effetti che poi arrivano anche ai consumatori, che le ritrovano sulle loro tavole. Non a caso si sono registrati casi di intossicazione non solo tra i braccianti, ma anche tra chi ha acquistato i prodotti. A chiudere questa 'filiera dell'orrore' c'è un'ultima, tragica conseguenza: i flaconi e i bidoni utilizzati vengono bruciati, e i loro resti smaltiti illegalmente in discariche abusive nei campi. Tutto questo viene confermato dalle indagini e dai numerosi sequestri che i Nas di Latina hanno effettuato negli ultimi anni.Come Regione Lazio siamo da tempo impegnati in un percorso virtuoso per un'agricoltura sana, pulita e di qualità”.

“La legge sui biodistretti e quella sul caporalato approvate negli ultimi mesi in Consiglio regionale stanno a dimostrarlo – concludono Capriccioli e Bonafoni –, e certamente la loro puntuale e rigorosa applicazione non potrà che giovare a tutto il sistema. Per questo ci uniamo alla denuncia di Marco Omizzolo e Angelo Mastrandrea, e faremo tutto quanto in nostro potere per opporci in modo fattivo a questa situazione e per contribuire al suo completo approfondimento".

Commenti
    Tags:
    allarmefrutta e verdurafruttaverduraregione laziolaziomedicinaliagrofarmacibonafonicapricciolibraccianti
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Giù la Tangenziale Est: l'ombra della corruzione sul cantiere della Raggi

    Giù la Tangenziale Est: l'ombra della corruzione sul cantiere della Raggi

    i più visti
    i blog di affari
    Accordo Brexit: Belfast esce con l'UK rimanendo in una zona tariffaria unica
    di Bepi Pezzulli
    Ortoressia, la nuova ossessione alimentare
    di Mariella Colonna
    A Milano tre nuovi locali in puro stile Art Factory in zona Garibaldi-Moscova
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.