A- A+
Roma
Amianto killer nel palazzo dell'Inail. Il gup ordina di proseguire le indagini

Inchiesta riaperta e nuove indagini sulla presenza di amianto nel palazzo dell'Inail di Roma di via Stefano Gradi, zona Laurentina: rigettata la richiesta di archiviazione formulata dal pm Maria Letizia Golferi.

Il Giudice per le Indagini Preliminari ha accolto l'atto di opposizione alla richiesta di archiviazione presentata dall'Osservatorio Nazionale Amianto. Ora il pm avrà altri sessanta giorni di tempo per svolgere indagini suppletive.
La vicenda ha dell'incredibile se si pensa che il palazzone di via Gradi è sede degli uffici che si occupano della consulenza tecnica per l'accertamento dei rischi professionali.

Il 24 marzo dello scorso anno, Claudio Vernale, medico del lavoro, ricercatore presso la stessa Inail e membro dell'Ugl Intesa Funzione Pubblica, dopo essere venuto a conoscenza della presenza di amianto all'interno dello stabile, ha presentato un esposto alla procura della repubblica di Roma, esprimendo preoccupazione per la sua salute e quella dei numerosi lavoratori. Seguito legalmente dall'avvocato Ezio Bonanni, il signor Vernale ha poi chiesto l'accesso agli atti e dalla documentazione ottenuta è emerso che “nel complesso vi era presenza di amianto”.
Secondo l'ente però, il monitoraggio dell'aria effettuato regolarmente testimonia che la “sola” presenza di amianto non causerebbe alcuna esposizione o pericolo, poiché il dato complesso sulle fibro aerodisperse sarebbe uguale a zero.

In seguito alle sue indagini il pm Maria Letizia Golferi ha chiesto l'archiviazione sostenendo che “gli elementi acquisiti dispongono per l'infondatezza della notizia e comunque appaiono inidonei a sostenere l'accusa in giudizio”.
Ma ora il gup Costantino De Robbio dispone nuove indagini accogliendo l'istanza dell'Ona.
“Rilevato che la gravità del pericolo alla salute dovuto all'esposizione all'amianto anche in quantità minime è tale da imporre l'espletamento di indagini il più possibile accurate per escludere ogni rilevanza penale dei fatti rappresentati nella denuncia e nell'atto di opposizione”, si legge nel provvedimento del giudice.

“Il Dott. Costantino De Robbio, Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Roma, conferma il fatto che la Procura ha chiesto frettolosamente l'archiviazione senza che ci fossero indagini complete circa il rischio amianto dimostrato con la documentazione esibita in atti, commenta l'avvocato Ezio Bonanni. “Sia in qualità di legale della parte offesa che di presidente dell'ONA auspico che ci sia una maggiore completezza delle indagini preliminari da parte della Procura della Repubblica di Roma in relazione alle prossime istanze di giustizia rispetto a un rischio, come quello amianto, caratterizzato dalla particolare lesività delle fibre e dall'assenza di un limite al di sotto del quale il rischio si annulli, per cui anche poche fibre possono essere letali”.

Tags:
amiantoinailesposizione amiantoamianto killerosservatorio nazionale amiantoezio bonanni




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Votate Lega, oppure Pd o Fdi. La lista dei politici fedeli alla causa dei taxi

Votate Lega, oppure Pd o Fdi. La lista dei politici fedeli alla causa dei taxi

i più visti
i blog di affari
Con il sistema S-400 russo, la Turchia si rende incompatibile con la Nato
di Niram Ferretti & Bepi Pezzulli
Contaminafro. Anna Scavuzzo alla kermesse multietnica di Fabbrica del Vapore
di Paolo Brambilla - Trendiest
Nuovi parametri per la nomina dell'organo di controllo e revisore nelle Srl
di Angelo Andriulo

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.