A- A+
Roma
Atac e Fs, Marco Rettighieri bocciato dall'Anticorruzione di Cantone
Stefano Esposito, senatore Pd

Pd contro Pd. Sull'Atac, l'azienda dei trasporti di Roma, la battaglia non finisce mai. Stavolta la vittima è l'ex direttore Generale, Marco Rettighieri, già manager delle Ferrovie e direttore di Expo 2015, chiamato dal commissario Trinca al vertice di Atac e poi dimissionario per insanabili contrasti con l'assessore Linda Meleo e il sindaco Raggi, accusati di “continue intromissioni”.

 


Uscito malamente da Atac dove ha lasciato uno scenario di paralisi, Rettighieri per poche ore ha accarezzato l'idea di guidare il Dipartimento delle Infrastrutture e Trasporti. Un posto di vertice al Ministero, che però si è infranto sul “No” dell'Anticorruzione, autorità alla quale il capo di Gabinetto del Ministro lo scorso 7 novembre ha chiesto un parere preventivo sulla nomina dei Rettighieri. E il giorno 18, puntuale, il parere della struttura di Raffaele Cantone è arrivato. Scrive l'Autorità Anticorruzione: “Nel caso esaminato, sussiste l’inconferibilità dell’incarico di Capo dipartimento del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti all’ing. Rettighieri, perché tale nomina violerebbe la fattispecie di cui all’art. 4 del d.lgs. 39/2013”.

A far svanire i sogni dell'ingegner Rettighieri è stato il suo incarico in Italferr nel periodo Expo ed essendo Italferr società sottoposta per i lavori di Expo a regolazione del Ministero “Non può, quindi, essere nominato Capo di un Dipartimento di un amministratore statale, colui che, nei due anni precedenti, ha ricoperto la carica di dirigente in ente regolato vigilato o finanziato dalla stessa amministrazione statale”.

Addio ai sogni di Rettighieri di scalare i vertici del trasporto italiano e addio al progetto del suo sponsor principale, il senatore Stefano Esposito che, dopo la pessima uscita dall'Atac, aveva elaborato una exit strategy di grande profilo per il suo “uomo”, difeso strenuamente al momento dell'arrivo in Campidoglio del Cinque Stelle e di Virginia Raggi e costretto a rassegnare le dimissioni insieme alla sua “fedelissima” Francesca Rango.

Sulla “stagione breve ma intensa” di Marco Rettighieri all'Atac arrivano le prime verità. L'offensiva contro i sindacati condotta mediaticamente su temi come il Dopolavoro e i permessi sindacali, seppur giuste hanno aperto una stagione di conflitti con l'azienda che il nuovo amministratore unico Fantasia, con difficoltà sta cercando di ricomporre pur riconoscendo gli anni di “rapporti folli” tra controparti che hanno di fatto consegnato l'azienda nelle mani dei sindacalisti. E la strategia portata avanti da Rettighieri con l'assenza di un piano industriale e una scarsissima attenzione al livello e alla qualità dei servizio è diventata un'eredità pesante per chi lo ha sostituito.
Oltre al supermanger ex Italferr ed Expo, chi esce sconfitto dalla bocciatura di Cantone è l'ex assessore e senatore Pd Stefano Esposito che, proprio nel periodi di Rettighieri aveva governato come “capo ombra” l'Atac. Ma sua exit strategy è fallita clamorosamente.

 

SCARICA E LEGGI LA DELIBERA DELL'ANAC

Tags:
atacfsitaleferranticorruzionecantonepdstefano espositovirginia raggilinda meleo






Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Nuda alla mèta: “Se va male col lavoro vero, farò la fotomodella”. Confessione

Nuda alla mèta: “Se va male col lavoro vero, farò la fotomodella”. Confessione

i più visti
i blog di affari
Camera iperbarica. Ai Cedri di Fara Novarese presentazione ai medici
di Paolo Brambilla - Trendiest
Arresto genitori Renzi e voto M5S pro Salvini, che disperazione e disordine
di Ernesto Vergani
LUM School of Management sede di Milano. Si inaugura l'anno accademico
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.