A- A+
Roma
Atac, fuorilegge i biglietti sui bus maggiorati di 0,50. Tradito il Metrebus

di Fabio Carosi

L'ultima follia dell'Atac e del Comune di Roma: vendere sui bus biglietti fuorilegge. E per festeggiare l'evento l'azienda stampa addirittura un “titolo di viaggio speciale con l'indicazione della maggiorazione del prezzo.

I biglietti fuorilegge da 2 euro sono in vendita ufficialmente da lunedì 17 settembre, senza però indicare su quali linee gli autisti “spacceranno” il titolo farlocco.

Chi decide il costo dei biglietti Atac
Per chi fosse poco informato su leggi e regole del trasporto pubblico a Roma e nel Lazio, vediamo di capire perché i biglietti da 2 euro sono fuorilegge. Operazione semplice, semplice, perché il soggetto che dispone la variazione dei titoli di viaggio di Atac e Cotral è la Regione Lazio. Comune di Roma e Atac, al massimo possono fare richiesta, cioè sottolineare l'esigenza di aumentare il costo dei biglietti come è stato fatto in passato per risanare le aziende e le casse comunali.

Addio al Metrebus
Poi c'è la questione del sistema tariffario integrato, meglio conosciuto come Metrebus. Introdotto nel 1994 durate la gestione dei trasporto romani affidata all'economista Cesare Vaciago, chiamato prima al capezzale delle Ferrovie come direttore generale, poi chiesto in prestito dal Comune di Roma per la presidenza di Atac e il commissariamento del Cotral, Vaciago ebbe la grande intuizione di unificare sotto un unico titolo di viaggio bus, tram, metropolitane, ferrovie concesse e bus extraurbani. Sistema unico, invidiatissimo dalle altre città, e che consente ai pendolari romani di muoversi con un unico abbonamento o biglietto. Insomma il Metrebus è stata la grande arma per spostare quote di pendolarismo dall'auto al mezzo pubblico, partendo da tariffe certe e agevolazioni riservate a studenti e pensionati sostenute dalla Regione Lazio e in parte dal Comune di Roma.

Atac e Comune stampano carta moneta
Col debutto del biglietto fuorilegge, il Comune di Roma dichiara ufficialmente la sua uscita dal Metrebus, stampando “carta moneta” come se fosse Bankitalia e autofissando una tariffa che non è autorizzata da nessun provvedimento ufficiale del legislatore. Insomma, un atto di anarchia che potrebbe sollevare le ire di Trenitalia e Cotral, poiché il mezzo cent che il Comune incassa dalla vendita del titolo non viene ripartito tra tutti i soggetti del trasporto che operano all'interno del Metrebus. Moltiplicando mezzo cent per ciascuno dei biglietti venduti, si avrà presto il calcolo di quanto denaro Atac col sotterfugio ha sottratto a Trenitalia e Cotral. In poche parole: un furto in danno dei soci Metrebus.

Il denaro sottratto a Cotral e Trenitalia
Stupisce il silenzio della Regione Lazio, stupisce il silenzio di Trenitalia: nessuno dei due attori si è accorto della mossa dei furbetti del Campidoglio, un sovrapprezzo motivato dalla vendita a bordo. E poi perché il biglietto a bordo dovrebbe costare di più?

Commenti
    Tags:
    atacbus atacbiglietti bus romaticket 2 euroticket a bordocotraltrenitaliaregione lazio




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Virginia Raggi non si arrende, vuole la funivia Eur-Magliana: per FdI è follia

    Virginia Raggi non si arrende, vuole la funivia Eur-Magliana: per FdI è follia

    i più visti
    i blog di affari
    Cordoglio per Borrelli. Ma Mani Pulite fu un colpo di stato giudiziario
    di Diego Fusaro
    Fabbrica del Vapore. Martedì 23 luglio dalle 19.30 “Una notte con Leonardo”
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Monti pontifica contro Italia-Russia? Una buona ragione per andare avanti...
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.