A- A+
Roma
Atac, gelo M5S su Simioni. Il manager sistema i fedelissimi. Valige in vista

Tra l'Atac e il Comune di Roma si apre l'era glaciale: solo mail e documenti ufficiali e nessun incontro o telefonata a testimonianza di un clima da “sciogliete le righe”.

E già i bene informati dell'azienda sussurrano che il top manager degli aeroporti del nord, chiamato dall'ex assessore Massimo Colomban poi in figa da Roma, stia preparando le valige. “E' la fine di un amore”, raccontano dagli uffici di via Prenestina, nonostante i risultati raggiunti a stento di accedere al concordato preventivo. Coni due pezzi “da novanta” del trasporto romano, cioè l'assessore Linda Meleo e il trottolino presidente della Commissione Trasporti, Enrico Stefano, i rapporti tesi e fondati sulla scarsa stima reciproca, si sarebbero interrotti prima delle vacanze, lasciando l'azienda senza una “corrispondenza diretta” con l'azionista di maggioranza e di fatto trasformata in un feudo “trincea”.

“Io con quelli non ci parlo”, è la frase ricorrente culminata con affondi rivolti a Meleo e Stèfano che alcune persone dello staff hanno fatto circolare tra gli uffici. Gossip, sia chiaro, ma che quando escono dalle lingue lugue di via Prenestina si trasformano in rumor e dopo qualche mese vengono anche confermati. Come la “battute feroci” rivolte dallo stesso Simioni ad un direttore Atac, con tanto di citazione circa la sua insopportabilità familiare per giustificare un atteggiamento di rigidità e che sarebbero la testimonianza di un clima interno tesissimo, in cui sarebbero evidenti i tentativi di smarcarsi da ogni decisione per rimetterla ai sottoposti di staff.

In questo scenario feudale, assume un significato la nomina di Cristino Ceresatto, già capo staff dell'ex assessore Colomban e consigliere di amministrazione, a nuovo direttore del personale. Un nuovo doppio incarico che si aggiunge a quello di Simioni.

In quella che ormai è un'azienda delle meraviglie, può succedere anche di tutto.

disposizione retroattiva atac
 

Anche che il 28 agosto 2018 venga firmata una disposizione organizzativa con la quale di formalizzano le funzioni di un dipendente con una giravolta organizzativa: dal 30 novembre 2016. Provvedimento retroattivo? Macchina del tempo? Oppure “condono amministrativo sino all'ipotesi di “sistemazione di un fedelissimo”, considerando che il provvedimento impegna di fatto l'azienda a pagare le differenza di stipendio arretrate. Succede solo all'Atac. O meglio: accade in ogni azienda ma in Atac, viene messo per iscritto dal direttore generale.

Commenti
    Tags:
    atacm5smeleostefanoraggitrasportitplpaolo simionicolomban




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Vendesi castello vicino Roma, online l'annuncio del Demanio: costa 340.000€

    Vendesi castello vicino Roma, online l'annuncio del Demanio: costa 340.000€

    i più visti
    i blog di affari
    Grazie presidente Conte per appello a responsabilità, competenza e serietà
    di Ernesto Vergani
    Sempre più florido il commercio online: ecco il quadro nazionale
    di Redazione
    Innovazione, stravaganza e cani: cosa accomuna questi tre concetti?
    di Giacomo Tanzi

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.