A- A+
Roma
Atac, Micaela Quintavalle licenziata. La fine dell'autista invaghita dell'M5S

La parabola di Micaela Quintavalle si conclude con un licenziamento. La più estrema delle decisioni che l'azienda dei trasporti romana poteva prendere nei confronti dell'autista che più di tutti si era esposta, dichiarando apertamente l'appoggio al Movimento Cinque Stelle, o più precisamente, a un pezzo del Movimento.

La lettera della “destituzione”, come scrive l'agguerrita dipendente Atac, è arrivata dopo la sospensione decisa a maggio, in seguito alle denunce sulle condizioni dei lavoratori dell'azienda, ritenute “lesive” della municipalizzata.

Una “caduta” che sa di sberleffo, o forse di vendetta. E che si colora delle tinte più cupe, a leggere le dichiarazioni di fuoco che la Quintavalle non lesina, così come non ha mai fatto, amplificando la sua vicenda personale attraverso la rete e facendola diventare metafora di un castello che crolla.

“Schifata della signora”, ovvero di Virginia sindaco di Roma e dei romani che avrebbe “tradito i suoi compagni pur di raggiungere i suoi scopi”. Ma anche delusa da chi “pur di mantenere la poltrona ha abbassato la testa”. La storia qualcuno la sa tutta, insinua poi. E sarà senz'altro così: lei che nell'Atac ci credeva davvero, l'aspirante medico che ha studiato per anni di notte dopo l'ultima corsa al volante attraverso le periferie romane, la “doctor driver” rivoluzionaria che sognava di trasformare il carrozzone dei trasporti in un'azienda vera, è stata decapitata e tradita proprio dall'amministrazione che ha contribuito a far nascere.

Il post su fb

Sembra che la signora Virginia abbia così commentato la mia destituzione:
Ci dispiace, ma aveva troppi disciplinari.

Qualcuno dovrebbe ricordare alla signora che in 10 anni di azienda non ho mai ricevuto un richiamo verbale.

Qualcuno dovrebbe ricordare alla signora che i miei disciplinari sono correlati solo a dichiarazioni fatte per mettere in sicurezza i cittadini.

Qualcuno dovrebbe ricordare alla signora che quando era una capogruppo latitante le stesse cose le dicevano i suoi compagni all' opposizione.

Compagni che ha pensato bene di tradire pur di raggiungere i suoi scopi.

La storia qualcuno la sa tutta.
Solo che pur di mantenere una poltrona qualcun altro ha abbassato la testa.

Sono alquanto schifata dalla signora.
Anche perché la fortuna di avvicinarsi a via di Roma libera l'aveva avuta....

Io no cara mia.
Io t' ho sempre appoggiata nonostante di te non mi sia mai fidata.
E quello che sei e l'incompetenza che mostri non c entra con Quintavalle.
C'entra con Roma!

Sciacquati la bocca con l'acido muriatico pure tu!
Signora!
Prima di parlare dei disciplinari della sottoscritta.

Pochi autoferrotranvieri amano i cittadini ed il lavoro di autista come me!!!!!

Tags:
atacmicaela quintavallevirginia raggimarcello de vitocomune di romatrasporti romaquintavalle licenziata


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

i più visti
i blog di affari
Migranti assunti per combattere il caporalato. E i giovani italiani?
di Diego Fusaro
Intervista sulla Cina. Come convivere con la nuova superpotenza globale.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Algeria, e ora chi risarcirà Scaroni e l’Eni?
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.