A- A+
Roma
Atac, pezzi di carta al posto dei soldi. Il concordato che uccide i fornitori

di Fabio Carosi

Ecco come l'Atac pagherà il 69% dei debiti verso fornitori grazie al concordato fallimentare: un cartoncino di qualità anche scadente con su scritto: “Certificato rappresentativo di Strumenti Finanziari Partecipativi”. Praticamente carta che non dà diritto neanche ad essere scambiata con un biglietto del bus.

Il certificato roboante che è stato spedito nei giorni scorsi al 69% delle società che vantano crediti sul maxidebito da 1,4 miliardi di euro pari a circa 591 milioni di euro non è un bond, non è un'obbligazione, non è un titolo negoziale. Di fatto è come se i creditori avessero ricevuto quote di una società che potranno essere incassate solo se l'Atac farà utili per i prossimi 10 anni minimo. E l'operazione omologata dal Tribunale Fallimentare di Roma lo scorso 25 giugno è stata oggetto di un maquillage finanziario che ha trasformato i debiti in uno “strumento partecipativo”, trasformando di fatto i creditori in soci dell'azienda dei trasporto.

atac debiti verso fornitori
 

Il termine “soci” è decisamente quello più adatto per spiegare, grazie alla “nota informativa” allegata ai “pezzi di carta” cosa è accaduto con la maxioperazione di salvataggio voluta dalla giunta Raggi, consigliata dai consulenti Marco Costantini della Real Estate Advisory Group e l'avvocato Carlo Felice Giampaolino (entrambi hanno presentato parcelle stratosferiche) e adottata dal presidente Paolo Simioni. Di fatto invece di ricevere un pagamento in misura ridotta dei crediti e quindi denaro, le aziende fornitrici si sono viste recapitare un foglietto (lo strumento partecipativo) che equivale a un prestito che verrà onorato addirittura in due scadenze e a condizione che Atac riesca a presentare per i prossimi anni bilanci sempre in utile. E quei titoli non sono negoziabili, quindi se un creditore avesse bisogno di liquidità, non potrebbe chiedere a una banca un'anticipazione, non potrebbe cederli a nessuna società finanziaria, tantomeno darli a garanzia di prestiti o altro. Può solo tenerli dentro un cassetto e sperare che l'Atac faccia il suo dovere.

Attenzione però a non perderli perché l'Atac ha addirittura inventato lo spezzatino di carta: i titoli sono stati divisi in due categorie, quelli di serie A e di serie B. La serie A potrà essere (forse) incassata con gli utili nei bilanci dei prossimi 30 anni, il resto da eventuali riserve di bilancio. Insomma, una scommessa alla quale sono stati iscritti d'ufficio tutti i creditori non privilegiati per un totale di 2233 strumenti partecipativi di serie A e altrettanti di serie B.

Così il Comune di Roma di Virginia Raggi e dei 5 Stelle ha salvato l'Atac e ha ucciso i fornitori, decine di piccole e medie aziende che hanno prestato servizi e forniture convinti che l'azienda pubblica fosse un soggetto solvibile. Oggi hanno in mano due pezzi di carta.

Loading...
Commenti
    Tags:
    atacsalvataggio atacconcordato ataccredito partecipativocertificati credito partecipativodebito atactrasporti romacomune romam5spaolo simionivirginia raggitribunale fallimentaremarco costantinicarlo felice giampaolinocreditori atac
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rifiuti, uragano Raggi contro Zingaretti: “Vuole la discarica vicino le case”

    Rifiuti, uragano Raggi contro Zingaretti: “Vuole la discarica vicino le case”

    i più visti
    i blog di affari
    La navigazione robotizzata per intervenire in strutture vascolari complesse
    di Maurizio Garbati
    Cibo nostrano, per l’Ue non va bene. E allora si mangino il loro liquame
    di Diego Fusaro
    Premio Arte, Scienza, Coscienza: il Futuro di scena a Lecce.
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.