A- A+
Roma
Auguri seriali, scatta la procedura funerea. Social, sms e mail ma sempre più soli

di Marco Zonetti

All'arrivo di ogni festività o ricorrenza, giunge ormai inesorabile la pletora infinita di "auguri", accresciutasi esponenzialmente con l'avvento dei social network. Perlopiù impersonali, inviati da conoscenti sempre più virtuali di cui, talvolta, non abbiamo neanche mai visto una foto ma solo "l'avatar" di un gatto, di un cane, di un tramonto incandescente, di una moto, di un sedere più o meno tondo, gli auguri che ci arrivano riescono per la maggior parte a farci sentire molto più soli.
La dinamica dell'augurio collettivo, infatti, diviene una sorta di nuova frontiera dell'alienazione, che finisce per spersonalizzare il destinatario, de-individualizzarlo e ridurlo a un mero "contatto" intercambiabile con tutti gli altri. A maggior ragione perché il nome di battesimo viene sempre più spesso omesso così da permettere la massima condivisione dello stesso contenuto. La notifica sonora o la vibrazione ci avvertono di un messaggio in arrivo ma la delusione è dietro l'angolo: quell'augurio di buona Pasqua, di buon Natale, di buon Ferragosto è stato inoltrato a tutta la lista di contatti del mittente, in cui vige soltanto una gerarchia alfabetica. Amici, complici, amanti, conoscenti, parenti sono tutti spietatamente gettati in un unico calderone, dove la dinamica è quella della "livella" tanto cara a Totò. Un paradosso in termini: l'augurio che doveva essere un auspicio di salute e prosperità diviene oggi una procedura del tutto funebre che uccide l'individualità, le priorità affettive, i tratti personali diventando la negazione della socialità e il trionfo del solipsismo. L'augurio che ci arriva, gelido replicante inviato a tanti altri, è in realtà rivolto dal mittente a se stesso, ed è quello di togliersi nel minor tempo possibile e con il minimo investimento di tempo e di denaro l'incombenza di fare auguri.
E così, a letto con la febbre a ferragosto, ci arriva l'augurio di "buone vacanze", in mezzo a un contenzioso legale con la propria ex moglie per decidere dove passeranno le festività natalizie i pargoli, ci arriva l'augurio di "Buon Natale"; al capezzale di un familiare in fin di vita mentre fuori infuria la tempesta ci arriva l'augurio di "Buona Pasquetta" da un contatto che abbiamo cancellato mesi prima e di cui ci compare un numero cui non riusciamo dare un nome, un volto, e soprattutto un perché. Non una persona, per l'appunto, un numero.
La telefonata, che aveva già sostituito l'interazione fisica, è ormai stata rimpiazzata dalla chat, a sua volta sostituita sempre più da un laconico messaggio che impegni il meno possibile. Nel caso dell'augurio, nell'inviarlo, si arriva a sperare che l'altro non risponda o, nel caso, si limiti a un "Grazie, altrettanto!". Qualora l'interlocutore dovesse spingersi ad aggiungere un nefasto "Come stai?" richiedendo una risposta che potrebbe innescare - non sia mai! - un'interazione, è la catastrofe. L'augurio che perlopiù ci facciamo spargendo gli auguri sui social network è, infatti, che le risposte siano marziali e asettiche come quelle di un bot.
Se una volta, quindi, gli auguri presupponevano una partecipazione emotiva del mittente nei confronti del destinatario, adesso sono entrate a far parte di quella "zona grigia" delle "emozioni di seconda mano" descritte da A. Gehlen. La smania di digitare non importa cosa e di interagire tout court con il mondo intero a prescindere dai contenuti ci fa agire come cani di Pavlov che sbavano all'accensione di una lampadina. All'attentato corrisponde quindi un "je suis...", alla morte celebre è d'obbligo un r.i.p., alla festività è obbligatoria la corsa a fare auguri a destra e a manca.
Gli Auguri alzavano gli occhi al cielo e interpretavano il volo degli uccelli per esprimere i loro responsi e i loro auspici. A noi non serve, noi siamo oltre: con gli occhi bassi sui nostri smartphone o incollati costantemente sui nostri schermi, il cielo non lo guardiamo più. Isolati fisicamente dal mondo, naufraghi per scelta sull'isola deserta che ci creiamo giorno dopo giorno, animali sempre più a-sociali,  mandiamo auguri al prossimo per ricordarci in realtà di essere vivi. Auguri il cui unico, vero destinatario è il nostro ego.

Tags:
auguri serialisocialsmsemailsolitudinebuona pasquamarco zonetti




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma, Raggi in tv: “Senza il fango dei giornalisti voleremo”. Ma Fdi attacca

Roma, Raggi in tv: “Senza il fango dei giornalisti voleremo”. Ma Fdi attacca

i più visti
i blog di affari
Grecia, umiliazione eurocratica. Il culmine dell'oltraggio alla nostra civiltà
di Di Diego Fusaro
Alimentarsi bene per stare in forma
di Barbara Cappelli
Andrea Enria alla presidenza della Vigilanza BCE

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.