A- A+
Roma
Avvocati intercettati dai carabinieri: scandalo. Scatta lo stato di agitazione

Avvocati intercettati durante le conversazioni private con i clienti, è scandalo. La Camera Penale di Roma deliberato lo stato di agitazione: “Tutto questo è inaccettabile”.

 

"È inaccettabile intercettare una conversazione con un cliente". Per questo motivo, il direttivo della Camera Penale di Roma, nel denunciare "il gravissimo abuso", ha deliberato "lo stato di agitazione e chiesto l’accertamento urgente delle responsabilità". "Leggere in un’informativa dei Carabinieri - si legge in una nota - la sintesi di conversazioni telefoniche intercorse tra l’indagato e il difensore, annotate e poi tranquillamente acquisite dal pubblico ministero nel fascicolo è inaccettabile. È quello che è accaduto al collega e socio Francesco Mazza in questi giorni. Nell’ambito di un procedimento penale, compulsando il fascicolo depositato dal magistrato del pm alla conclusione delle indagini preliminari, un’informativa dei Carabinieri fornisce ampio risalto ad alcune conversazioni telefoniche tra il difensore e l’indagato".

Per i penalisti della capitale "è allarmante la serenità con cui la polizia giudiziaria annoti il contenuto delle chiamate e in grassetto vengono riportate anche affermazioni del difensore sulla strategia processuale, fino a riferire che l’indagato rivolgendosi al suo difensore 'lascia trasparire tutta la sua preoccupazione'. È altrettanto inquietante - si spiega - che il magistrato del pubblico ministero abbia acquisito al fascicolo l’informativa e l’abbia depositata insieme a tutti gli altri atti di indagine. L’articolo 103 del codice di procedura penale sancisce le garanzie di libertà del difensore e tra queste afferma che non è consentita l’intercettazione relativa a conversazioni o comunicazioni dei difensori con le persone da loro assistite. Nel caso relativo all’avvocato Francesco Mazza siamo di fronte a una marchiana violazione delle garanzie di libertà del difensore da cui traspare il totale disinteresse per il principio di civiltà sociale costituzionalmente garantito dall’articolo 24 della nostra Costituzione".

"Lo stesso Procuratore della Repubblica di Roma, con la Direttiva 1757/15 del 16 giugno 2015 (criteri direttivi in tema di intercettazioni di conversazioni tra l’indagato e il suo difensore), sulla cui 'timidezza' abbiamo comunque avuto modo di interloquire, aveva esplicitamente previsto il divieto di riportare le conversazioni tra indagato e difensore nei brogliacci e nelle informative. La Camera Penale di Roma – conclude la nota -, non solo esprime la solidarietà al collega, ma è indignata per quanto accaduto ancora una volta nei nostri uffici giudiziari, sintomo di una cultura autoritaria tipica di regimi totalitari, inaccettabile per il cittadino coinvolto in un procedimento penale".

Commenti
    Tags:
    avvocatigiustiziaintercettazionicarabinieriromacamera penale di romastato di agitazionescandalo




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Bibbiano, migranti e accordo M5S: striscioni neofascisti sulle sedi Pd Roma

    Bibbiano, migranti e accordo M5S: striscioni neofascisti sulle sedi Pd Roma

    i più visti
    i blog di affari
    Timelesness. Old masters and contemporary art. Firenze Borgo SS Apostoli
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Laura Boldrini conferma: le sinistra fucsia vogliono la dittatura dei mercati
    di Diego Fusaro
    Rai, Carlo Freccero non se ne vuole andare. Ma il Pd insiste
    di Klaus Davi

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.