A- A+
Roma
Bancarotta fraudolenta, in manette gli imprenditori della Securpol Group

Il proprietario della Securpol Group Angelo Menghini, suo figlio Omar e il braccio destro Roberto Parascandolo sono stati arrestati per una bancarotta fraudolenta da 100 milioni di euro.

 

I tre imprenditori avevano utilizzato la società Futura 2011 col solo scopo di compiere operazioni ai danni dei creditori, fino all'inevitabile fallimento della società stessa, nel 2013.
I tre imprenditori avevano inizialmente trasferito il capitale alla Futura 2011 il capitale di molte società del gruppo, per poi trasferire alla newco Securpol Group SrL tutti i rami di azienda attivi, lasciando alla Futura solo quelli inattivi. In questo modo sulla Furìtura 2011, poi fallita, sono gravati tutti i debiti all'erario del marchio Securpol. Angelo Menghini è finito in manette, mentre a Roberto Parascandolo e Omar Menghini sono stati concessi i domiciliari.

 

Tags:
securpolangelo menghiniomarmenghiniroberto parascandolocracbancarotta fraudolenta






Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Raggi, riscossa social: “M5S sotto attacco, ma non si torna al passato”

Raggi, riscossa social: “M5S sotto attacco, ma non si torna al passato”

i più visti
i blog di affari
Milano, il ritorno della contemporary art
di Milo Goj
Un Archivio per l'Opera Omnia del Maestro Meneghetti
di Milo Goj
Il MoU con la Cina svende la solidarietà Occidentale nei rapporti con Pechino
di Corrado De Rinaldis Saponaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.