A- A+
Roma
Banda della Magliana: scacco al tesoro di Diotallevi: trovati beni per 25 mln

di Patrizio J. Macci

Ha un valore complessivo di oltre 25 milioni di euro il patrimonio confiscato dalla Guardia di finanza di Roma a Ernesto Diotallevi, personaggio vicino, fin dagli anni '70, agli ambienti criminali dell'estrema destra, nonché elemento di spicco della famigerata "Banda della Magliana".

Il provvedimento emesso dalla Corte di Appello - Sezione Misure di Prevenzione riguarda quote societarie, capitale sociale e patrimonio aziendale di 8 società, operanti nel settore della compravendita di immobili, della costruzione di imbarcazioni, del commercio di energia elettrica, dei trasporti marittimi e delle holding (tra cui una società liberiana, titolare di una lussuosa villa sull'Isola di Cavallo in Corsica); veicoli; depositi bancari e polizze vita; opere d'arte e 43 unita' immobiliari a Roma, Gradara (Pesaro Urbino) e Olbia (Sassari).

Tra gli immobili figurano anche un'abitazione con vista sulla Fontana di Trevi - di 14 vani e del valore di mercato di circa 4 milioni di euro - e un complesso turistico composto da villette a schiera, fronte mare, ad Olbia.

Ernesto Diotallevi è stato l’anello di congiunzione tra la Banda della Magliana e Cosa Nostra, l'anima finanziaria del gruppo di Testaccio-Trastevere, il banchiere della Banda con attico vista Fontana di Trevi sontuosamente arredato con mobili di pregio, opere d’arte contemporanee e arazzi preziosi. La leggendaria raccolta di Sante Monachesi, Giacomo Balla, Mario Schifano (compresa la famosa icona della Coca Cola) erano nella sua galleria d’arte privata. Per gli amanti della trasposizione cinematografica nell’epopea di “Romanzo Criminale” è identificabile con il personaggio de “Il Secco”.A lui e a sua moglie facevano capo società immobiliari con sede in nel quartiere Prati a Roma, entità di comodo che sbocciavano e sparivano come stelle cadenti, schermo di vorticosi e oscuri passaggi di denaro. Una in particolare, intestata alla moglie di Diotallevi, era la società proprietaria della casa di via del Babuino dove si era nascosto il boss di Cosa Nostra Pippo Calò durante la latitanza romana.

Nelle fotografie di cronaca appare ora come un uomo anziano con lo sguardo duro e determinato. Secondo la vulgata pubblicistica oltre che a occuparsi di riciclare e investire i capitali della formazione criminale ha avuto agganci sostanziosi con la massoneria e gli ambienti dell’estrema destra neofascista.

Introdotto nella banda da Danilo Abbruciati (Nembo Kid nel film) come suo tramite con la mafia siciliana (per via della sua amicizia fraterna con Pippo Calò, capo mandamento di Portanuova e storico “tesoriere” della mafia, operativo a Roma sotto falso nome), fece da ponte verso altre associazioni malavitose e verso il mondo economico/finanziario nel quale diceva di vantare agganci. Col tempo costituì l'anima finanziaria del gruppo di Testaccio-Trastevere, oltre che a occuparsi di riciclare e investire i soldi della formazione criminale rastrellati con l’usura nelle strade della Capitale.

Per la Procura di Roma Ernesto Diotallevi è stato tra i più pericolosi e ricchi criminali della mala romana. Ma per i giudici della Corte d’Appello di Roma l’ex uomo della Banda Magliana e referente per anni di Cosa Nostra nella Capitale, ha avuto un ruolo «marginale nel contesto della criminalità». Per questo motivo i magistrati nel luglio 2017 restituirono all’allora settantatreenne gran parte della sua immensa fortuna da 30 milioni di euro che gli era stata confiscata a febbraio del 2015.

Commenti
    Tags:
    banda della maglianaernesto diotallevipatrizio j. macci




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, degrado infinito. Per la qualità della vita è il Nord del Sud Italia

    Roma, degrado infinito. Per la qualità della vita è il Nord del Sud Italia

    i più visti
    i blog di affari
    Cresce l’Automotive per le aziende, il noleggio lungo termine è in testa alle
    di Elena Vertignano
    Migranti, Papa Francesco e il Vangelo secondo Soros
    di Diego Fusaro
    Strasburgo, vittime e carnefici nell'Europa dei sensi di colpa
    di Maurizio de Caro

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.