A- A+
Roma
Botte alla moglie, Cassazione choc: "non abituali", non è maltrattamento

Botte e minacce alla moglie, ma non "abituali". Tre episodi in 14 anni di matrimonio non sono sufficienti per il riconoscimento del reato di maltrattamenti in famiglia: la Cassazione scatena la polemica.

Tra le singole condotte, che non devono essere sporadiche, ci deve essere un raccordo che dimostri "il consapevole perseverare nella lesione della dignità della vittima". E' quando afferma la Corte di Cassazione,  VI sezione penale, nella sentenza n. 6129/2019, chiamata a giudicare il ricorso di un uomo condannato per aver maltrattato la moglie con minacce e percosse. Secondo il ricorrente, il giudice della Corte d'Appello aveva infatti trascurato la brevità della durata della condotta in proporzione a un matrimonio durato 14 anni, poi conclusosi con una istanza di separazione omologata consensuale a seguito della quale la donna aveva continuato a convivere con il marito.

Maltrattamenti in famigia: polemica sulla definizione

Come riportato dal sito dello Studio Cataldi, a firma Lucia Izzo, gli Ermellini nella sentenza hanno ricordato che l'elemento oggettivo del delitto maltrattamenti in famiglia "è integrato dal compimento di più atti, delittuosi o meno, di natura vessatoria che determinano sofferenze fisiche o morali, realizzati in momenti successivi".

Non è quindi necessario che tali atti avvengano in un tempo prolungato, ma è sufficiente la loro ripetizione, anche se in un limitato contesto temporale: data la natura abituale del reato, non rileva la circostanza che, durante lo stesso periodo, la condotta dell'imputato sia stata, in alcune fasi, corretta (cfr Cass n. 6724/2017).

Quanto al dolo, nel delitto di maltrattamenti in famiglia è sufficiente la coscienza e la volontà di persistere in "un 'attività vessatoria già attuata in precedenza e idonea a ledere la personalità della vittima".

Nel caso di specie, la Corte territoriale ha ricostruito le condotte materiali dell'imputato valutando adeguatamente la spontaneità, costanza, specificità e assenza di intrinseche contraddizioni nelle dichiarazioni della persona offesa e nei riscontri alle stesse offerti ad esempio foto che mostravano escoriazioni ed ecchimosi, un referto medico, sms inviati dall'imputato, dichiarazioni del fratello della vittima che le aveva prestato assistenza in occasione di aggressione, nonché una parziale ammissione dello stesso imputato in relazione a delle minacce.

Maltrattamenti in famiglia: va provata l'abitualità

Tuttavia, secondo la Cassazione la motivazione della sentenza impugnata risulta carente in relazione alla prova dell'abitualità delle condotte, requisito necessario per la sussistenza del reato di maltrattamenti.

Le condotte, precisa la Corte, per essere abituali non devono essere sporadiche: dalla sentenza impugnata, invece, si ricava che in circa un anno sono stati 3 gli episodi integranti la condotta materiale ascritta all'imputato, temporalmente fra loro non distanti, ma neanche propriamente contigui.

Nella motivazione della sentenza impugnata, evidenzia la Corte, manca un'argomentazione che raccordi puntualmente le singole condotte, individuando esplicitamente un atteggiamento volitivo che non si risolva in manifestazioni, seppur ripetute, di contingente aggressività, ma comprovi il consapevole perseverare in condotte lesive della dignità della persona offesa (cfr. Cass. n. 25183/2012).

La sentenza impugnata va quindi annullata con rinvio per un nuovo giudizio, per  effettuare un'analisi delle cause che, di caso in caso, hanno prodotto la violenza nel periodo di tempo preso in esame nell'imputazione.

Commenti
    Tags:
    cassazionebotteminaccemaltrattamenti in famigliasentenzaromaviolenza privataviolenza domestica
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Internet a scuola, connessi con speed test lumaca: 1200 plessi nel Medioevo

    Internet a scuola, connessi con speed test lumaca: 1200 plessi nel Medioevo

    i più visti
    i blog di affari
    Le elezioni UK di Dicembre sono le prime Elezioni Mondiali
    di Bepi Pezzulli
    Celebrata la caduta del Muro di Berlino.Il Pd si conferma partito del capitale
    di Diego Fusaro
    Come mantenere la concentrazione sul lavoro ed evitare gli errori
    di Massimo De Donno

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.