A- A+
Roma
“Cacciate Casapound”. Appello a Raggi e Salvini per sgomberare la sede abusiva

"Cacciate Casapound". Il sindaco di Cerveteri e consigliere dell'area metropolitana Alessio Pascucci, lancia un appello al sindaco Raggi e al Ministro degli Interni Matteo Salvini per sgomberare la sede, abusiva, del partito.

 

Lotta dura all'illegalità, dopo il pugno duro del Ministro Salvini contro rom e migranti arriva la lettera-provocazione di Pascucci. Il sindaco di Cerveteri, in una lettera indirizzata anche al Prefetto Basilone e al sindaco Raggi, chiede infatti lo sgombero del palazzo di via Napoleone III n.8, occupato dal 2003 da Casapound che ne ha fatto la sede ufficiale del partito. "L'illegalità non ha colore di pelle o nazionalità, esattamente come i bisogni delle persone. Se uno stabile è occupato illegalmente occorre verificare le condizioni di quelle persone, censirle e, laddove ne abbiano diritto, offrire loro delle soluzioni alloggiative alternative. Ci risulta però che in quell'immobile vivano anche amici e parenti dei leader di partito. Una cosa inaccettabile -  prosegue Pascucci - È incredibile che in Italia un partito politico possa avere una sede abusiva in un palazzo illegalmente occupato dal 2003, fare attività politica, conferenze stampa e convegni e inneggiare al fascismo, cosa che dovrebbe essere considerato un reato, almeno finchè il ministro Fontana non farà cancellare la legge Mancino".

"Sarebbe un bel segnale di legalità se il ministro Salvini venisse a via Napoleone III, magari indossando le felpe con gli sloogan di Casapound, e spiegasse a queste persone che quel palazzo è del demanio e non può essere occupato e trasformato in sede politica - conclude Pascucci - Lo farà o proseguirà ad inseguire gli immigrati che arrivano sui barconi?".

Un immobile occupato a due passi dal Viminale che somiglia ad uno "schiaffo" metaforico alla lotta all'illegalità, da sempre punto forte del vicepremier Salvini. All'appello si è così unito anche il comitato provinciale dell'Anpi di Roma, che fa proprie le ragioni di Pascucci e rilancia: "Ci aspettiamo una risposta forte e decisa. Le leggi Scelba e Mancino sono pienamente in vigore, il governo ha confermato di volerle estendere, le autorità competenti sono tenute ad applicarle: le organizzazioni razziste e di stampo fascista vanno sciolte e non tollerate in locali pubblici. In uno Stato di Diritto non è sopportabile l’applicazione implacabile delle leggi solo per alcune categorie di persone e l’impunità per altre”.
 

Tags:
casapoundromaappelloraggisalvinisgomberosedeabusivaanpipascucci





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

L'Atac la licenzia, il Codacons la premia: Quintavalle romana modello. Il caso

L'Atac la licenzia, il Codacons la premia: Quintavalle romana modello. Il caso

i più visti
i blog di affari
Giuseppe Prinetti espone a Milano, in via Santa Marta 8a, il 27 e 28 novembre
di Paolo Brambilla - Trendiest
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
Comandare un robot con la forza del pensiero
di Maurizio Garbati

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.