A- A+
Roma
Cannabis light sparisce dagli scaffali: panico tra i 50 grow shop di Roma

di Tiziano Rugi

Roma è la città italiana con più negozi di cannabis light: oltre cinquanta punti vendita, ogni quartiere ha il suo grow shop. Ma una recente sentenza della Cassazione che impedisce la vendita delle infiorescenze e dei prodotti a base di marijuana potrebbe costringerli a chiudere. 

Chiarezza. È quello che chiedono al governo i commercianti di cannabis light, la marijuana con una percentuale di Thc entro i limiti dello 0,6%: mettere una volta per tutte fine all'attuale situazione di incertezza. Situazione che la recente sentenza della Cassazione non ha fatto altro che aumentare e che rischia di uccidere una fiorente attività economica che solo a Roma dà lavoro a centinaia di persone.

Ma andiamo per ordine. La legge n. 242 del 2016 ammette l’attività di coltivazione di canapa tra le piante agricole e elenca tassativamente i derivati da questa coltivazione che possono essere commercializzati. Secondo l’interpretazione che ne era stata fatta, era stato ammesso il commercio di prodotti a base di canapa purché il loro contenuto di Thc (vale a dire la sostanza che dà effetti psicotropi) fosse tra lo 0,2% e lo 0,6%. E a inizio febbraio la Cassazione aveva stabilito che la vendita di prodotti a base di marijuana light era legale.

In poco tempo, il commercio della “marijuana light” era diventata un'attività in rapida espansione. In tutta Italia sono nati 781 grow shop, come sono chiamati i punti vendita di cannabis legale, a cui si aggiungono i 10mila tabaccai che vendono prodotti a base di canapa e i distributori automatici h24, con un giro d'affari di circa 40 milioni di euro ogni anno. Roma è la città con più punti vendita, oltre cinquanta, il 7% del totale. Circa uno ogni 55mila abitanti: in pratica ogni quartiere ha il suo grow shop. E nel 2018 il Lazio è stata la regione italiana che ha registrato più aperture, raddoppiando i punti vendita.

Poi è arrivata la notizia inattesa: il 30 maggio scorso la decisione che permetteva di commercializzare la marijuana light è stata ribaltata. Per la Cassazione, la legge non consente la vendita o la cessione a qualunque titolo dei prodotti “derivati dalla coltivazione della cannabis”, come l'olio, le foglie, le inflorescenze e la resina. Vi è secondo la Cassazione, in termini pratici, una falla nella legge 242, che non direbbe che è possibile vendere tali sostanze ma, al massimo, soltanto detenerle per uso personale anche se tali sostanze possiedono unapercentuale di thc inferiore allo 0,6%.

Un groviglio normativo che però può avere effetti devastanti sul commercio della marijuana light: i rivenditori, oltre al sequestro della merce basata sulle infiorescenze, rischierebbero infatti la chiusura dell'attività e l'accusa di traffico di stupefacenti. 

Una realtà grigia che fa vivere nell'ansia i commercianti dei grow shop, che spesso vedono i loro prodotti finire sotto sequestro su ordine della Questura. Come è successo a Luigi Mantuano, giovane imprenditore trentenne proprietario del Canapa café di San Lorenzo: “L'anno scorso sono arrivate le forze dell'ordine e hanno disposto il sequestro di tutta la nostra merce esposta sugli scaffali, con un danno economico di circa 35mila euro che ci ha fatto rischiare di chiudere per fallimento”, racconta. Stessa sorte è toccata nei giorni scorsi ad Hemporium, un altro grow shop di San Lorenzo e a Mezz'etto, zona Talenti.

Così migliaia di impiegati nel settore oggi vivono in una situazione di totale incertezza, senza sapere che ne sarà del loro futuro e di quello della loro attività. Molti cannabis shop di Roma contattati da affaritaliani.it per precauzione hanno ritirato dalla vendita tutti i prodotti derivati da foglie, infiorescenze, olio e resina, con un danno economico sostanziale. “Non possiamo rischiare, così abbiamo deciso di non rifornire il nostro magazzino”, spiega Davide, titolare del negozio Fiori di Gaia a Piazza Bologna. Una scelta drastica che rende difficile la sopravvivenza dei grow shop, perché le infiorescenze e le resine costituiscono il 70% del fatturato di ogni singolo negozio. 

In attesa di capire meglio gli sviluppi dell'intera faccenda e viste le dichiarazioni di alcuni esponenti del governo di peso, come il ministro dell'Interno Matteo Salvini, che ha promesso di "chiudere ad uno a uno tutti i presunti negozi turistici di cannabis" c'è tanta paura di chiudere: “Io e il mio socio abbiamo investito più di diecimila euro in questa attività e diamo lavoro ad altre due persone, ma se non possiamo agire nella totale legalità saremo costretti a chiudere”, continua il titolare di Fiori di Gaia.

Commenti
    Tags:
    cannabiscassazione cannabiscannabis lightcannabis legalemarijuanacannabis light cassazionecanapa lightcannabis light reatoposti di lavoro cannabisgrow shop




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Estate 2019, addio depilazione totale. Monte di Venere: tornano i peli. Pochi

    Estate 2019, addio depilazione totale. Monte di Venere: tornano i peli. Pochi

    i più visti
    i blog di affari
    Contaminafro. Anna Scavuzzo alla kermesse multietnica di Fabbrica del Vapore
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Nuovi parametri per la nomina dell'organo di controllo e revisore nelle Srl
    di Angelo Andriulo
    A Milano nasce Codice Verde. Niente più code al Pronto Soccorso
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.