A- A+
Roma
Cantanti, ballerine, attori, musicisti: un esercito di “morti di fame”

di Valentina Renzopaoli

Cantanti, musicisti, ballerini, registi: sottopagati, precari, senza tutele e senza contributi, costretti a fare il secondo e terzo lavoro, disoccupati per un terzo dell'anno.


E' la fotografia di un'Italia che castiga la cultura e la creatività quella che emerge dalla  Ricerca nazionale sulle condizioni di vita e di lavoro dei professionisti dello spettacolo realizzata dalla Cgil-Slc. Un Paese che penalizza i suoi talenti e obbliga gli artisti a sopravvivere con un reddito da fame, da 5mila euro l'anno.

Cinema, teatro, musica, televisione, spettacolo dal vivo: le luci della ribalta sono un sogno per tanti giovani ma poi, per quei pochi che riescono ad arrivare sotto i riflettori, spesso la passione si spegne sotto il peso delle difficoltà, della mancanza di prospettive, di un riconoscimento economico ridicolo e umiliante.

Secondo le statistiche dell'INPS nel 2015 hanno fatto almeno un versamento nelle casse previdenziali circa 136mila persone: per più della metà sono attori (54,2%)2, seguono i concertisti e gli orchestrali 18,9%), i lavoratori nel ballo, figurazione e moda (11,8%) e i cantanti (5,8%). Nessuna delle altre figure professionali arriva al 5%.
La popolazione delle persone impegnate nello spettacolo è giovane: il 71% ha meno di 45 anni, il 15% è compreso nella fascia 25-29 anni, si concentra per lavorare nell’Italia Centrale (51,3%) e nel Nord- Ovest (22,9%).
La ricerca realizzata da Cgil Slc attraverso un sondaggio on line su un campione di circa 4mila lavoratori dello spettacolo cerca di indagare i bisogni e le condizioni di chi lavora nello spettacolo dal vivo con professioni creative e artistiche, con qualsiasi modalità contrattuale e in ogni ambito.

La situazione economica

Reddito da fame e pagamenti quasi sempre in ritardo. Dall’analisi del reddito netto annuale di chi fa spettacolo, emerge una situazione di “povertà” nella stragrande maggioranza dei casi: poco più della metà (51,4%) percepisce fino a 5mila euro l’anno. Il 37,5% percepisce tra i 5mila e i 15mila euro l’anno. I professionisti che hanno delle condizioni economiche più vantaggiose degli altri, oltre i 25mila euro l’anno, sono solo il 4,2% del campione.
Le donne guadagnano meno degli uomini: l’83,4% delle donne guadagna meno di 10.000 euro contro il 71,3% degli uomini, inoltre solo l’1,3% delle donne guadagna più di 30.000 euro contro il 3,4% degli uomini.

Tra le professioni, i ballerini sono quelli che guadagnano meno (90,5% di loro guadagna meno di 10.000 euro), seguono i musicisti (80,8% di loro) e gli attori (78,4%), mentre i redditi leggermente migliori si registrano tra gli autori, registi, drammaturghi e scenografi (64,8%).

Oltre le difficoltà legate all’ammontare del reddito, emergono quelle legate al ritardo dei pagamenti: solo quasi un professionista su quattro (25%) è pagato puntualmente secondo quanto concordato, il 21,7% è pagato con un ritardo tra i 3 e i 6 mesi, ben il 10,4% è solitamente pagato con un ritardo superiore ai 6 mesi.
Da un lato i redditi sono bassi, dall’altro la natura del lavoro è intermittente e le garanzie contrattuali sono scarse, questo determina che per il 71,1% dei rispondenti è molto difficile prendere un prestito per sostenere una spesa consistente e imprevista, lo stesso è dichiarato abbastanza difficile per il 18,3%.

Precari e disoccupati per almeno 2 mesi l'anno

Nel mondo dello spettacolo i rapporti di lavoro stabili e strutturati sono una rara eccezione: secondo il sondaggio, aveva un contratto a tempo indeterminato soltanto il 3,4% di chi ha lavorato nel 2014 (di cui il 44,4% in associazione con altri contratti) e il 4,0% di chi ha lavorato nel 2015 (di cui il 55,7% in associazione con altri contratti).

Il contratto più frequente è il contratto temporaneo (a tempo determinato, a progetto o a collaborazione): una o più di queste modalità hanno interessato due lavoratori su tre nel 2014 (65%) e una percentuale sovrapponibile nel 2015 (63,8%).

La disoccupazione è un problema strutturale di questo settore determinata dalla natura intermittente propria del lavoro nello spettacolo dal vivo, ed è difficile distinguerla dai periodi di non lavoro che caratterizzano queste professioni. Nel 2015, ha lavorato con continuità, o non l’ha fatto per meno di un mese, il 18,8% dei rispondenti. Una grande maggioranza (il 41,3%) dichiara di avere vissuto periodi di non lavoro tra uno e tre mesi, il 25,8% si è invece assestato su un periodo di non lavoro tra i quattro e sei mesi, mentre il 14,1% ha sofferto periodi di disoccupazione superiori ai sei mesi.

Lavoro nero

Il lavoro irregolare è una pratica molto diffusa e le forme con cui questo problema si manifesta sono diversificate. Se da un lato vi è un esplicito riferimento al lavoro nero “tout court” dall’altro vi sono modalità diversificate con cui il lavoro non è regolamentato.
Ad esempio, il 40,8% dichiara di svolgere spesso o sempre mansioni non previste dal contratto/commessa; il 60,6% dichiara di svolgere spesso o sempre ore di lavoro in più non retribuite rispetto a quelle concordate; il 69,8% svolge prove non retribuite. Considerando il 2015, il 43,9% dichiara di non avere avuto riconosciuto nei contratti il numero di giornate effettivamente lavorate.

SCARICA E LEGGI IL RAPPORTO CGIL SUI PROFESSIONISTI DELLO SPETTACOLO

Tags:
cantantiattoriballerinemusicistiartistimondo spettacololavorolavoro precariolavoro nerodisoccupazione




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Disastro Atac: “Distrutta dalla politica”. L'accusa di Allegra, ex ad Trambus

Disastro Atac: “Distrutta dalla politica”. L'accusa di Allegra, ex ad Trambus

i più visti
i blog di affari
Reddito di cittadinanza? Meglio investire sui centri per l'impiego
di Massimo Puricelli
"Merkel-Macron, principi feriti dell'Ue". Repubblica sempre fedele ai potenti
di Diego Fusaro
Il mercato immobiliare milanese per Marco Giuseppe Stefanoni

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.