A- A+
Roma
“Cantiere navale”, foto e film: l'arte come simbolo e ricordo della storia

di Maddalena Scarabottolo

Vita, storia e persone del cantiere navale di Danzica sono i racconti delle foto e dei film di Michał Szlaga. Alla galleria Interzone a Roma, fino al prossimo 28 giugno, si potranno vedere le opere provenienti dal Centre Pompidou di Parigi.

 

“Cantiere navale. Documenti di perdita” s'inserisce all'interno del Festival della Cultura Polacca a Roma. La prima personale in Italia del fotografo Michał Szlaga raccoglie un ciclo di 32 fotografie dedicate interamente al cantiere navale di Danzica e al suo smantellamento. Il progetto “Cantiere navale” fa parte dal 2016 della collezione fotografica del Centre Pompidou di Parigi e dal 2017 del Museo Nazionale di Danzica. Il lavoro di Michał Szlaga documenta, dal 2004 al 2013, le trasformazioni di questo spazio con una linea fortemente nostalgica.

L'opera dell'artista acquista inoltre un significato simbolico in quanto rappresentativa del movimento Solidarność: la sua nascita, la prosperità e infine il declino. Le foto rimangono in ogni caso la testimonianza postuma e fiera della prospera industria navale dell'epoca. I resti vengono presentati come ricordi rovinati ma allo stesso tempo immortali. Quando iniziarono i lavori di smantellamento, nei primi anni duemila, esisteva la volontà di preservare questi spazi trasformandoli in un cuore storico e simbolico della città grazie all'intervento della comunità artistica.

Il sogno durò poco: solamente qualche anno dopo venne presentato un progetto industriale che prevedeva il piano di demolizione della maggior parte degli edifici del cantiere, compresa la ben conservata Villa del Regista, costruita nel 1888. Nelle foto aleggia sia la nostalgia per una perdita dolorosa sia la volontà di imprimere nella memoria collettiva l'importanza di questo luogo come esempio della nascita del movimento democratico in Polonia e di come abbia contribuito alla caduta del blocco sovietico. Gli edifici che non sono stati rasi al suolo, oggi sono diventati, attraverso l'archeologia industriale, complessi residenziali di appartamenti loft con vista sull'acqua. Questi fermi immagine sono già diventati delle icone della comunità polacca internazionale.

La mostra è un documentario fatto di scatti, momenti di transizione e nostalgia che donano spunti di riflessione. Grazie a questa continua ricerca sono nati anche film documentari come Global Prosperity, Dal ciclo Cantiere navale e lo slide show fotografico delle immagini Dal ciclo Cantiere navale 1999-2013. Maggiori informazioni sono consultabili su: www.interzonegalleria.it.

Commenti
    Tags:
    cantiere navalefotofilmartesimbolostoriadanzicamichał szlaga




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Sole bollente e caldo africano: allarme tintarella, rischio tumori alla pelle

    Sole bollente e caldo africano: allarme tintarella, rischio tumori alla pelle

    i più visti
    i blog di affari
    Milano. Alla Pesa Pubblica di via Melzo “Tra sacro e profano” di Alfredo Romìo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Salvini incompreso. La vignetta di Affari
    Il Cantiere storico Ernesto Riva presenta la vaporina elettrica Elettra
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.