A- A+
Roma
Carceri, penitenziari pronti ad esplodere: oltre 60mila i detenuti

Emergenza carceri, i penitenziari di tutta Italia si preparano ad esplodere. Da Nord a Sud, posti letto "sold out": la popolazione carceraria torna alla soglia record di 60mila unità.

 

L'allarme più che mai attuale arriva dal Garante delle persone private della libertà della Regione, Stefano Anastasìa, che dal poprio blog rilancia i numeri allarmanti relativi al sovraffolamento delle carceri, spesso sinonimo di malessere e degrado per gli ospiti. Un tema urgente, che arriva presso la Sala Tevere della Presidente della Regione Lazio martedì 11 dicembre ore 17:30. L'incontro conclude il ciclo "Convivenza e libertà", promosso proprio dal Garante Anastasìa, e vedrà gli interventi di Gherardo Colombo, già magistrato da tempo impegnato sui temi della cultura e della legalità, nonché attuale presidente della Cassa delle ammende. Poi Lucia Castellano, già direttrice del carcere milanese di Bollate e ora Direttore generale dell’esecuzione penale esterna e della messa alla prova presso il Ministero della giustizia, e Maria Antonia Vertaldi, Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma, competente sulle condizioni di detenzione, l’accesso alle misure alternative al carcere e l’esecuzione delle misure penali detentive e non detentive nell’intero territorio della Regione Lazio.

L'opportunità concreta per rifflettere sulle soluzioni concrete per aggirare il fenomeno, oggi più che mai vera bomba da disinnescare. Il paese rischia difatti un seconda "bacchettata" dalla Corte europea dei diritti umani, come già accaduto in passato. Era il 2009 qunado centinaia di detenuti fecero ricorso, costringendo di fatto, attraverso una sentenza pilota, il governo ad una politica di riduzione delle presenze. Oppure di dover ricorrere ad un provvedimento straordinario di clemenza, come, ancora prima, avvenuto nel 2006.

Ma sulle contro-misure da attuare contro il sovraffolamento il Garante avverte, mettendo in guardia il governo da facili soluzioni "tappa buco" che non risolvono definitivamente il problema: "Di fronte alle nubi che si addensano all'orizzonte, dal Ministero della Giustizia giungono flebili voci – dichiara Anastasìa- come quelle che promettono di affrontare il problema del sovraffollamento con l'incremento dei posti letto in carcere, secondo un ennesimo piano di edilizia penitenziaria che non porterà a nulla, come i precedenti”. "Un'occasione è stata già persa - conclude - con l'approvazione di una riforma dell'ordinamento penitenziario, da cui è stato espunto ogni riferimento alle alternative al carcere. Non molte altre ne verranno, prima che le carceri diventino ingovernabili”.

Commenti
    Tags:
    carceribombaesplosionepenitenziaridetenutiroma




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Di Maio, la crisi e il bacio col Pd: torna De Vito e dichiara guerra all'M5s

    Di Maio, la crisi e il bacio col Pd: torna De Vito e dichiara guerra all'M5s

    i più visti
    i blog di affari
    Fico, versione maschile della Boldrini: altro servo della classe dominante
    di Diego Fusaro
    Governo, ma quale Fico? Cinquestelle compatti e fermi su un Conte Bis
    di Angelo Maria Perrino
    Business Roundtable promuove negli Usa una nuova visione aziendale
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.