A- A+
Roma
Centocelle, dall'Accattone a Baglioni. L'abecedario di resistenza al Pigneto

di Patrizio J. Macci

Il quartiere romano di Centocelle raccontato dalla A di Accattone passando per la B di Claudio Baglioni fino alla T del Teatro omonimo che, purtroppo, non c’è più ma che nei suoi anni ruggenti ha visto esponenti del mondo artistico e culturali come Moravia, Dacia Maraini e Dario Fo.

È un atto d’amore che ha trovato la forma di un libro il lavoro di Pancrazio Anfuso “Centocelle Storie e luoghi del quartiere dalla A alla Z” pubblicato per i tipi di Iacobelli editore. Attingendo a fonti primarie sul luogo e al web l’autore racconta l’anima di un quartiere che ha resistito con tenacia a un Conflitto (il territorio di Centocelle fu bombardato per la presenza dell’aeroporto e rastrellato diverse volte) e al processo di gentrificazione del vicino Pigneto.

“Un grande reticolo di vie che s’incrociano ad angolo retto, in un fitto groviglio di palazzine di modesta fattura. Incrocio di anime diverse, con qualche Suv in garage e tante macchine vecchie ammassate sulle strade, in sosta selvaggia e in doppia fila, insieme alle Smart fighette, oppure in strombazzante marcia veloce e zigzagante, incuranti della precedenza da dare ai pedoni e mortificate dallo sfilare pirata degli scooter e delle moto che badano a far sentire il loro rumore.

Sono le stesse vie in cui passavano con i megafoni le macchine degli arrotini e quelle delle campagne elettorali, le vie che hanno visto cortei popolari, scontri con lacrimogeni, drammatici eventi della guerra, con nazisti e fascisti uccisi, rifugi antiaereo nelle vecchie cave di pozzolana, giovani morti d’ideologia, con accanto le processioni, nelle feste di parrocchia, e, oggi, lo stanco rituale delle bancarelle, pallida copia del mercato di piazza dei Mirti che per cinquant’anni, la mattina, ha colorato il quartiere con la sua spettacolare esplosione di voci e canti”. Così lo racconta l’autore nella prefazione dai toni appassionati di chi è nato e vissuto in quelle strade per più di quarant’anni e ne è ancora perdutamente innamorato nonostante tutto.

Uno spicchio di città che esiste oltre le notizie di cronaca che lo vedono spesso protagonista esclusivamente in negativo ma che, pochi lo ricordano, ha ricevuto la Medaglia d’oro al merito civile per il suo contributo alla Resistenza. Salvare le periferie significa innanzitutto restituirgli un cuore raccontando le loro storie e restituendo loro la memoria. A Roma fortunatamente dal punto di vista urbanistico si demolisce molto poco ma le storie dei luoghi si affievoliscono con la scomparsa dei protagonisti delle vicende e la mutazione delle attività commerciali; questo libro dotato dell’indice dei nomi e di una robusta bibliografia fa parlare i muri di Centocelle agli occhi del lettore anche senza averli mai visti.

Commenti
    Tags:
    centocellepancrazio anfusopatrizio j. maccieditoria







    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma maratona, caos sul bando: il Comune assegna l'organizzazione ai privati

    Roma maratona, caos sul bando: il Comune assegna l'organizzazione ai privati

    i più visti
    i blog di affari
    Diciotti, nostalgici dell'Ancien Régime scatenati contro i "beceri" populisti
    di Massimo Puricelli
    LUM School of Management sede di Milano. Si inaugura l'anno accademico
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Genitori Renzi, i domiciliari? Regolamento di conti nella Sinistra
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.