A- A+
Roma
Cerroni, Malagrotta: traffico rifiuti e maxisequestro di beni da 190 mln

Malagrotta, i Carabinieri dalle prime ore del mattino stanno notificando ai gestori della discarica, un sequestro di beni cautelativo per un importo pari a 190 milioni di euro. Secondo le indagini, il gruppo Cerroni sarebbe coinvolto in una nuova indagine per “traffico illecito di rifiuti”. A dare la notizia il vicepremier e ministro degli Interni, Matteo Salvini.

 

Un tweet formato Matteo Salvini, ha annunciato l'avvio dell'operazione dei Carabinieri che avrebbe portato al sequestro di beni preventivo nei confronti della società E-Giovi, parte del Gruppo Cerroni. Al centro dell'indagine una importante attività di gestione illecita di rifiuti costituiti da percolato di discarica, che la E. Giovi, avrebbe dovuto raccogliere ed inviare a trattamento in impianti esterni. La rimozione del percolato (derivante dalla liscivazione dei rifiuti abbancati e dalle precipitazioni meteoriche che con essi si mescolano) è una operazione necessaria e imposta dalla normativa di settore, al fine di impedire la contaminazione dell’ambiente. Ovviamente, tale rifiuto non può essere destinato a discariche per rifiuti solidi urbani come Malagrotta e dovrebbe subire specifici trattamenti in impianti autorizzati.

La lunga indagine ha permesso quindi di accertare che, al contrario delle previsioni normative, il percolato prodottosi nel corso degli anni veniva lasciato a saturare i rifiuti nella discarica, raggiungendo, in alcuni punti, anche l’80% dello spessore dei rifiuti abbancati.

Il re di Malagrotta già sotto processo da ben tre anni - nonostante il rito abbreviato - e per il quale si attende la sentenza di primo grado il prossimo settembre. L'operazione dei carabinieri appare come il secondo atto di una manovra a tenaglia che punta ad eliminare ogni attività di Cerroni nella gestione dei rifiuti di Roma. Non è un caso che l'Ama il 9 luglio scorso abbia pubblicato una gara da 188 milioni di euro per gestire tutti i rifiuti che attualmente vengono trattati e smaltiti da Cerroni.

Il bando di gara è piuttosto singolare e prevede l'individuazione di uno o più soggetti “per l’affidamento del servizio di caricamento, trasporto, scarico e trattamento, con recupero/smaltimento, dei Rifiuti Urbani Residui prodotti nella città di Roma Capitale – eccedenti le quantità trattate presso i TMB di AMA S.p.A. (Rocca Cencia e Salario) – e dei rifiuti solidi prodotti dagli impianti di trattamento di AMA S.p.A. (scarti, FOS e CDR/CSS), per un periodo di 24 (ventiquattro) mesi”. Insomma, tutti i rifiuti di Roma che attualmente vengono trattati dalle aziende del gruppo Cerroni. L'impero della monnezza è finito.

Tags:
cerronimalagrottamatteo salvinitweetcarabinieriamarifiutiemergenza rifiuti
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Mattarella si è dimesso. Il Paese sotto choc: eletta presidente Valeria Marini

Mattarella si è dimesso. Il Paese sotto choc: eletta presidente Valeria Marini

i più visti
i blog di affari
Biovalley Investments Partner (BIP). Aumento di capitale su CrowdFundMe
Le elezioni UK di Dicembre sono le prime Elezioni Mondiali
di Bepi Pezzulli
Celebrata la caduta del Muro di Berlino.Il Pd si conferma partito del capitale
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.